Европа спасется с Россией

vladimir_putin2

 

Европейский Союз расширился за счет России, воспользовавшись падением Берлинской стены и другими драматическими событиями под железным занавесом в начале 1990-х годах. В НАТО вошли бывшие участники Варшавского договора, а также некоторые члены СССР, эксплуатирующие хаос, вызванный крахом (не)реализованного социализма, который был внесен подлой катастрофой Горбачева. Всегда ЕС и НАТО распространялись на Балканы, прибегая к убеждениям и силовым мерам, вызывая этнические столкновения между популяциями, вмешиваясь в жизнь этих народов, чтобы разграбить их ресурсы и навязать свою правительственную систему. После 1989 года европейские географические карты были пересмотрены, аналогично тому, что происходило до, во время и после Второй Мировой войны, и в целом, это осуществлялось через реляционные процессы, которые всегда бывают в истории и постоянно вызывают конфликты между сторонами и дисбалансы в силовых отношениях между государствами. Поэтому, возмущения действиями Кремля в Грузии, Крыму и на Донбассе — обычные попытки Атлантики по дальнейшему снижению влияния Москвы, которые сами являются моралистами с грязной совестью. Когда Верховный представитель по европейской внешней политики Федерика Могерини заявляет о том, что «Кремль продолжает нарушать суверенитет своих соседей», она выбивается из реальности (и забывает прошлое), потому что отрицает свершенные факты. Если событие демонстрирует свою необратимость в краткосрочной и среднесрочной перспективе, следует пытаться ограничить ущерб путем поиска политических решений. Санкции не относятся к ним, поскольку они представляют собой шантаж, а не основу для начала переговоров и обсуждения позиций. Я не снижаю значимость событий, но есть много нюансов, которые следует учитывать для удовлетворения всех мнений.
Предположительно, с принятием присоединения Крыма к России Европа уничтожила бы гражданский конфликт в Донецке, особенно после того, как она участвовала в перевороте Киева на стороне США. Кремль, который не ожидал руки помощи от Вашингтона, по крайней мере, ожидал от Брюсселя посредничества в общих континентальных интересах.
Торопить события, когда вы не уверенны в своих собственных и других завещаниях или о характере взаимных заявлений, может нанести еще больший урон. И это то, что произошло между Россией и Европой, в пользу атлантических манипуляторов, которые работали над углублением разногласий и закрытием всяких каналов между русскими и европейцами. Омлет поджарен, но как-то его необходимо разложить. На данной фазе преобразования есть только две уверенности. Россия хочет реконструировать свою гегемонистскую орбиту для противодействия американской власти, по крайней мере, на локальном уровне. Чтобы было проще надо прийти к соглашению с ЕС или его центральными силами. Это, конечно же, справедливо. Но Соединенные Штаты хотят пресечь это сближение. А Европа? Она сама не знает чего хочет. Пока остается придавленной геополитическими тенденциями и не способна найти свой путь. В сомнениях она остается привязанной к старой схеме регулирования, но это не дает тех же преимуществ, что и раньше. На самом деле это уже приносит ущерб и подавленность. Было бы лучше посмотреть на Восток и уйти с прежнего курса, но сначала разъяснить для себя идеи о будущем, к которому она стремится. И дело не в том, чтобы выйти из американского ига и попасть под русское. Речь идет о разработке стратегического плана, который будет актуален и выведет Европу из неудобного положения в разгар битвы между утверждающимися силами, которые не затруднятся перешагнуть через нее. Реконфигурация мировых стандартов — это неудержимое развитие нашего времени, и возникающая Россия, по-видимому, является естественным партнером Европы, которая хочет стать хозяином своей судьбы. Если так называемая российская агрессия является потенциальной угрозой (далекой от атлантической пропаганды), то американская оккупация является фактом ее нынешнего состояния покорности. Противоречие заключается в том, чтобы взаимодействовать с «врагом у дверей» в то время, когда в ее границах уже есть захватчик. Итак, нам нужно выяснить, кто извне (как Путин) может внести свой вклад в дело по причинам, отличным от наших, но совпадающих с нашими целями. Впоследствии мы будем иметь дело с другими возможными антагонистами, но в то же время они должны стать нашими союзниками. Другого пути по восстановлению утраченного суверенитета и начала счета в многополярном контексте просто нет.

Между Россией и США

RUSSIAN PRESIDENT VLADIMIR PUTIN VISITS CHINA

Основным геополитическим противником Соединенных Штатов Америки, безусловно, является Российская Федерация. Не Китай, как продолжают настаивать многие аналитики, которые вводят в заблуждение своим экономическим взглядом на мировые процессы (они такие же, как в 1980-х годах, когда опираясь только на эконометрические данные они объявили о новом японском веке), и не другие развивающиеся страны, которые в последнее время замедлили свой ход, не только финансовый, но и политико-дипломатически-военный (Бразилия, Индия, Южная Африка и т. д.).
То, что истинную тревогу в Вашингтоне вызывает Москва можно увидеть по тому, как Белый дом, независимо от офиса президента, относится к евразийскому гиганту. Россия — средняя региональная держава, обладающая сверхдержавной памятью, которую Вашингтон все еще может легко ограничивать посредством «гибридных» средств. Однако в перспективе соглашение между Россией и вЕропейскими державами (Германия в первую очередь, а также Франция и Италия) представят прямой вызов западной гегемонии, который создаст много других проблем в США. Предотвратить эту возможность — это фиксированная идея американской стратегии. Из этого следует, что в решающем театре, в котором судьба всего мира будет играть в зарождающейся многополярной эре, станет Старый Континент, в настоящее время управляемый реакционными силами из-за океана, которые в попытке остановить Историю потребляют жизни целых народов и наций.
Россия должна будет сделать все, чтобы выбраться из изоляции, в которую ее пытаются отнести, ей нужно будет укрепляться в одиночку, поскольку ее соседи живут в этих эпохальных судорогах, и приготовиться сформировать антимоноцентрические соглашения с европейскими государствами, которые встанут на путь геополитического ревизионизма. Это неизбежно, но судьбоносную партию в этой глобальной конкуренции предстоит еще сыграть.
Однако на данный момент мы не должны скрывать реальность. Москва подвергается проверке американскими ходами. Несмотря на то, что Россия смогла защитить свои интересы в Сирии, в Европе подверглась почти полной приостановке. Как сообщает Стратфор, что страны Балтии, Украина и бывшие члены Варшавского договора (глубоко американизированные) являются костью в горле России и ее планам по восстановлению сферы влияния, соответствующей ее потенциалу:
«Военные действия России в Крыму и на востоке Украины, в ответ на западное восстание Евромайдана в Киеве, столкнулись с рядом репрессий… Организация Североатлантического договора стоит на передовой по обязательствам и обеспечению безопасности в Польше, странах Балтии и Румынии. Соединенные Штаты и НАТО также увеличили безопасность для Украины, поскольку страна поддерживает свои военные возможности для соответствия стандартам защиты блокпоста. Между тем, Киев работал над свержением прорусских бунтовщиков на Донбассе… Брюссель и Вашингтон ввели санкции в отношении Кремля, действующие более трех лет. Киев сократил свои широкие экономические связи с Москвой, создавая экономическую блокаду на сепаратистских территориях (по инициативе ЦРУ и американских военных советников), запрещая российским финансовым институтам, таким как Сбербанк, заниматься бизнесом в Украине. Кроме того, Украина последовала примеру таких стран, как Польша, прибегая к услугам новых поставщиков с Европы, а не России, для удовлетворения своих энергетических потребностей… пограничный контроль с Украиной затруднил перевозку людей и передачу товаров в Приднестровье, другой территории, поддерживаемой Россией… Дела обстоят не лучше и по культурным фронтам… Европейский совет объявил о создании framework под названием «инструментарий для кибер-дипломатии», цель которого — объединить общие ответы… против нападений Москвы. Украина запретила крупные российские социальные сети и сайты электронной почты, а страны Балтии их заблокировали. Законодатели в Киеве приняли кодекс законов, ограничивающий использование русского языка в телевизионных и радиопередачах. Парламент Литвы одобрил такой законопроект, который ограничил использование «неевропейских» языков, а именно русского языка в телевизионном показе… Политические партии в Германии согласились противодействовать российской дезинформации, не используя автоматических ботов в своих социальных кампаниях, в стране появились анти-пропагандистские центры, а также в Дании, Эстонии, Литве и Соединенном Королевстве. На Западе зародились объединения по контролю за фактами и партнерские международные информационные центры. Например, Демократический Альянс, американская группа, организованная фондом Германа Маршалла, запустила веб-сайт 2 августа для мониторинга и анализа преступлений, связанных с дезинформацией Кремля в Twitter. Все эти усилия… затруднили для России использование информации для влияния на общественное мнение… (которое, напротив, зависит только от американцев, но для хозяев это называется демократией)…».
Разумеется, Стратфор заинтересован в распространении картины бледно-окрашенного цвета исключительно для Москвы. Конечно же, все не так, как было описано выше, но нет никаких сомнений в том, что Кремль должен на данном этапе снова играть в обороне, потому что столкнулся с лобовой атакой. Все сильно изменится с менее враждебной Европой для России, но унитарное управление — это выражение Белого Дома. Европа, возникшая в условиях кризиса идентичности, суверенитета и благополучия (особенно в периферийных и полупериферийных районах, в ее мягких средиземноморских крыльях, таких как Италия), должна смотреть на Восток, чтобы избавиться от своих проблем, сознавая, что зависимость от США является слишком тяжелым бременем для того, чтобы выдержать глобальные непредвиденные обстоятельства. США, что только не сделают, чтобы предотвратить сближение Москвы и Брюсселя. Но переход через этот ад может быть еще более конструктивным, чем оставаться под железной пяткой доминанты в (относительном) упадке, которая, чтобы сохранить свою силу оказывается готовой пойти на любые сценарии.

TRA RUSSIA E USA

Il principale avversario geopolitico degli Stati Uniti d’America è sicuramente la Federazione Russa. Non la Cina, come continuano a sostenere molti analisti sviati da una visione economicistica dei processi mondiali (sono gli stessi che negli anni ’80, basandosi su dati meramente econometrici, annunciavano il nuovo secolo giapponese), né altri Paesi cosiddetti emergenti che, recentemente, hanno rallentato molto la loro corsa, non solo finanziaria ma anche politico-diplomatico-militare (Brasile, India, Sud Africa ecc. ecc.).
Che sia Mosca la vera preoccupazione di Washington lo dimostra la manovra di accerchiamento che la Casa Bianca, indipendentemente dai Presidenti in carica, applica al gigante euroasiatico. La Russia è una media potenza regionale, con una memoria da superpotenza, che può essere ancora agevolmente limitata da Washington attraverso mezzi “ibridi”. Tuttavia, in prospettiva, un’intesa tra la prima e le potenze europee (Germania innanzitutto, ma anche Francia e Italia) rappresenta una sfida diretta all’egemonia occidentale che crea ben altre preoccupazioni negli statunitensi. Impedire che si concretizzi questa possibilità è il pensiero fisso della strategia americana. Da ciò si comprende che il teatro decisivo in cui si giocheranno le sorti del mondo, nell’incipiente epoca multipolare, sarà il Vecchio Continente, attualmente governato da forze reazionarie, legate agli egemoni d’oltreoceano, le quali, nel tentativo di fermare la Storia, stanno consumando la vita di interi popoli e nazioni.
La Russia dovrà fare di tutto per uscire dall’isolamento in cui si è tentato di relegarla, dovrà rafforzarsi solitariamente mentre i suoi vicini vivono queste convulsioni da mutamento epocale e prepararsi a stringere accordi anti-monocentrici con quegli Stati europei che, condizionati dall’evoluzione oggettiva degli eventi, si incammineranno sulla strada del revisionismo geopolitico. E’ inevitabile che accada ma non sono scontati gli esiti della partita. La grande competizione per il destino degli assetti globali è ancora tutta da giocare.
Al momento, non dobbiamo però nasconderci la realtà. Mosca è messa a dura prova dalle mosse americane. Sebbene sia riuscita, momentaneamente, a proteggere i suoi interessi in Siria, in Europa ha subito qualche battuta d’arresto di troppo. Come riporta Stratfor, Paesi Baltici, Ucraina ed ex membri del Patto di Varsavia, profondamente americanizzati, sono spine nel fianco della Russia e dei suoi progetti di ripristino di una sfera d’influenza adeguata alle sue potenzialità:
Le azioni militari e paramilitari della Russia in Crimea e nell’Ucraina orientale, in risposta alla rivolta occidentale di Euromaidan a Kiev, si sono scontrate con una serie di rappresaglie…L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico è all’avanguardia per presenza e impegni di sicurezza in Polonia, Paesi Baltici e Romania. Gli Stati Uniti e la NATO hanno aumentato la sicurezza anche per l’Ucraina, in quanto il paese sostiene le sue capacità militari per soddisfare gli standard di difesa del blocco. Kiev, nel frattempo, ha lavorato per rovesciare i ribelli filorussi nel Donbass…. Bruxelles e Washington hanno messo sanzioni sul Cremlino, in vigore da più di tre anni. Kiev ha cominciato a tagliare i suoi vasti legami economici con Mosca, instaurando un blocco economico nei territori separatisti [su iniziativa della Cia e dei consiglieri militari americani, ndt], mentre proibisce alle istituzioni finanziarie russe, come Sberbank, di fare affari in Ucraina. Inoltre, l’Ucraina ha seguito l’esempio di Stati come la Polonia ricorrendo a nuovi fornitori in Europa per soddisfare i propri bisogni energetici anziché la Russia…i controlli al confine con l’Ucraina hanno reso difficile per le merci e le persone a passare e uscire dalla Transnistria, un altro territorio che la Russia sostiene…
Non va meglio sui fronti informatici e culturali. …Il Consiglio europeo ha annunciato un framework denominato “cassetta degli attrezzi della cyber diplomazia”, lo scopo è di unificare le risposte comuni…contro gli attacchi di Mosca. L’Ucraina ha vietato i principali social media russi e i siti di posta elettronica, mentre gli Stati baltici li hanno bloccati. I legislatori a Kiev hanno superato la legislazione che limita l’uso della lingua russa nelle trasmissioni televisive e radiofoniche. E il parlamento della Lituania ha approvato un simile disegno di legge per limitare l’uso delle lingue “non UE”, vale a dire quella russa, nella programmazione televisiva … I partiti politici in Germania hanno concordato di contrastare la disinformazione russa non usando bot automatici nelle loro campagne di social media, sono sorti nel paese centri anti-propaganda, così come in Danimarca, Estonia, Lituania e Regno Unito. Consorzi di controllo dei fatti e partenariati transfrontalieri giornalistici sono nati in tutto l’Occidente. Ad esempio, l’Alleanza per garantire la democrazia, un gruppo US ospitato presso il German Marshall Fund, ha lanciato un sito web Aug. 2 per monitorare e analizzare le offensive di disinformazione del Cremlino su Twitter. Tutti questi sforzi hanno … reso più difficile per la Russia usare la disinformazione per influenzare l’opinione pubblica…[che, invece, viene influenzata bellamente solo dagli americani, ma questa per i padroni si chiama democrazia, ndt]. …
Stratfor ha, ovviamente, tutto l’interesse a diffondere un quadro a tinte fosche esclusivamente per Mosca. Non è esattamente come nella descrizione ma è indubitabile che il Cremlino debba, in questa fase, giocare ancora sulla difensiva perché non attrezzato ad un attacco frontale alla controparte. Le cose cambierebbero tanto con una Europa meno ostile alla Russia e meno serva degli americani ma la governance unitaria è espressione della Casa Bianca. L’Europa, precipitata in una crisi d’identità, di sovranità e di benessere (soprattutto nelle sue aree periferiche e semi-periferiche e nei suoi ventri molli mediterranei come l’Italia) dovrebbe guardare ad Est per risollevarsi dai suoi guai, prendendo coscienza che la dipendenza dagli Usa è un fardello troppo pesante da sopportare in una contingenza di scollamento globale come quella in atto. Gli Usa faranno, ça va sans dire, l’inferno pur di impedire un riavvicinamento Mosca-Bruxelles. Ma passare attraverso l’inferno potrebbe essere persino più costruttivo (per le proprie aspirazioni di potenza) che restare sotto il tallone di ferro di un dominante in (relativo) declino, il quale, per mantenere il potere, si mostra disposto a passare sul cadavere di tutti e sulle macerie di molte scenari.

SIRIA: la Russia in posizione centrale (di P. Rosso)

siria

La notizia riportata da Zero Hedge – fonte originaria il giornale libanese al-Masdar – è abbastanza sorprendente. Le milizie curdo-siriane, appoggiate dagli USA, avrebbero consegnato all’esercito siriano uno dei più grandi impianti di trattamento gas del nord-est della Siria. La consegna farebbe parte di un accordo ad alto livello fra curdo-siriani, governo di Assad e russi raggiunto a Qamishli, base russa nel nord-est della Siria.
L’impianto era stato occupato ed era operato dall’ISIS dal 2013 e l’SDF (milizie curdo-siriane) l’aveva recentemente riconquistato nella sua avanzata lungo la riva est dell’Eufrate. L’esercito siriano avanza in questi giorni in parallelo sulla riva ovest dell’Eufrate dopo aver sostanzialmente liberato Deir-El-Zoor.

La società russa ROSNEFT aveva recentemente annunciato di aver raggiunto un accordo con il governo curdo-iracheno (KRG) per la gestione dell’oleodotto che trasporta il petrolio curdo verso i porti turchi per la sua commercializzazione. La quota russa potrebbe arrivare fino al 60% della società di gestione dell’oleodotto.

Le due notizie offrono un quadro abbastanza chiaro dei successi della diplomazia russa nel quadrante siriano-iracheno, mentre sollevano interrogativi sulla strategia USA. Sebbene le dichiarazioni ufficiali insistano che gli interessi USA nella zona sono limitati a combattere ISIS e non il legittimo governo siriano, nessuno – neanche il Pentagono – può nascondersi dietro l’ufficialità. Un accordo fra curdi – i migliori “amici” degli USA e di Israele – e i russi rappresenta uno schiaffo sonoro per gli americani oppure, nel migliore degli scenari possibili – e cioè una trattativa in corso fra russi ed americani per la gestione futura della Siria – una presa d’atto che il vuoto lasciato dalle politiche obamiano-clintoniane non può non vedere altre potenze regionali riempirlo, con la Russia come arbitro autorevole riconosciuto come utile da tutte le parti.

A questo quadro si aggiungono le notizie della riconquista di Kirkuk da parte del governo nazionale iracheno – con cui si sono congratulati tutti gli stati vicini o interessati, compreso Turchia, Iran e Arabia Saudita – e la visita di un inviato speciale americano a Raqqa accompagnato da un ministro saudita.

E’ evidente che sono in corso le prime mosse relative a stabilire le reciproche zone d’influenza della Siria post-bellica, ma è anche evidente che la Russia con il suo schierarsi a fianco di Assad ha occupato una posizione centrale, che le permette di dialogare e mediare con tutte le nazioni confinanti – in primis Turchia e Iraq – e/o comunque portatrici di interessi come Iran, Arabia Saudita e Israele. Anche i curdi sono costretti a fare i conti con questo posizionamento strategico dei russi.

Giu’ dalle montagne Russe (di M. Brustia*)

RUSSIAN PRESIDENT VLADIMIR PUTIN VISITS CHINA

 

Nel linguaggio Italiano l’aggettivo russo è associato comunemente a due oggetti. Il primo è l’insalata Russa che in realtà è di origine francese (e difatti in Russia si chiama Olivier) e sull’origine del nome ci sono varie teorie. Il secondo è usato per identificare l’ottovolante ed anche in questo caso non c’entra poi molto con la Russia (dove curiosamente lo chiamano montagne americane), anche se mi permetto di usarlo per una metafora in campo economico.

Chi ha avuto modo di lavorare con la Russia, dopo la caduta del Comunismo, sa bene cosa intendo dicendo che fare business in Russia è come stare sulle montagne Russe. In Russia infatti puoi riuscire dal nulla a guadagnare cifre a diversi zeri, come perdere tutto in poche ore. Almeno questo era cosi’ fino a poco tempo fa e con la precisione fino a prima delle sanzioni imposte dal cosiddetto mondo occidentale.

Per capire meglio, facciamo un piccolo excursus temporale e partiamo dagli anni 90, subito dopo la caduta dell’Unione Sovietica. Sono quelli gli anni più bui della storia recente di una Russia in preda ai saccheggiamenti occidentali miranti alla distruzione della stessa e che portarono all’inevitabile Default del 1998. Negli anni 2000, l’arrivo al potere di Putin portò grandi cambiamenti e ad una forte crescita economica. Tuttavia, il decennio precedente aveva praticamente distrutto tutto il tessuto industriale del Paese laddove i cosiddetti Oligarchi avevano spremuto le ex-aziende statali senza investire nel loro rinnovamento. Il nuovo entourage politico si trova per questo a far leva sull’unico settore non completamente compromesso: quello della materie prime.

L’economia Russia diventa così una economia basata da un lato sulla vendita di materie prime (in primis petrolio e gas) dall’altro sull’acquisto di prodotti finiti (con particolare interesse a quelli europei, data l’attenzione dei consumatori Russi verso la qualità ed i brand). La produzione locale perde un vero programma Statale di sviluppo. Un’economia di questo tipo è però vulnerabile perché’ dipende fortemente dall’interscambio commerciale con altri Paesi ed ha dinamiche molto rapide di propagazione di qualsiasi crisi (non a caso fu una delle prime a risentire della crisi economica internazionale di fine decennio). Il governo Russo, ben conscio di questa situazione, una volta incassati i risultati macro-economici ed essersi garantito un ottimo consenso interno ha per questo provato a studiare dei piani di sviluppo della produzione interna. La Russia ha provato per questo a puntare, a più riprese, ad uno sviluppo del settore automotive arrivando anche a cercare di acquistare la Opel (accordo fatto fallire per motivi geopolitici da parte tedesca). Il settore automotive e’ infatti quello piu’ sviluppato sotto il profilo dell’indotto e il governo Russo lo considera strategico.

Anche a seguito della citata crisi internazionale, i programmi governativi russi di sviluppo della produzione interna non riscontrano tuttavia grandi risultati. La Russia continua a rimanere dipendente dall’interscambio commerciale e per chi fa business in Russia questo, come detto, equivale a sentirsi su delle montagne Russe. Le aziende, infatti, risentono di qualsiasi perturbazione del mercato, un mercato che non poggia sulle solide basi di una produzione interna, ma su un mondo di materie prime ed intermediazioni. Chi fa business in Russia, invece che rischiare e lavorare per costruire società produttive, preferisce la facile strada di un mercato basato su import ed export che permette, comunque, margini a due cifre e poco importa se un domani si può perdere tutto.

Nel 2014, la crisi in Ucraina porta l’occidente ad imporre sanzioni sempre più dure alla Russia che, a sua volta, risponde con un embargo per diversi prodotti di importazione. E’ questo il punto di svolta che determina un drastico cambiamento di rotta in tutta l’economia della Russia che si sente, per certi versi, in guerra come successe nel 1941, a seguito dell’invasione tedesca.

La risposta alle sanzioni occidentali non è così solo da parte del governo, ma il Russo comune si sente tradito dall’Europa verso cui aveva riposto tante attenzioni e si sente nuovamente parte di un Paese che si unisce per non soccombere. I Russi smettono di guardare ai prodotti esteri come prima scelta e cominciano ad apprezzare i prodotti locali che quindi danno un naturale impulso imprenditoriale alla produzione in loco. Questo cambiamento tocca tutti i settori inclusa, per esempio, la moda laddove vediamo la crescita dei designer Russi. In meno di tre anni, i settori di mercati lasciati liberi dai prodotti sanzionati (formaggi, latticini, carne, pesce e molto altri) vengono conquistati da quelli locali che finalmente sono apprezzati e spingono verso un miglioramento della qualità.

I dati macroeconomici di crescita’ del PIL Russo non sono in grado di dare una chiara lettura di questo colossale cambiamento che, tuttavia, ha preso ormai un trend non più arrestabile. La crescita della produzione interna teorizzata in diversi programmi del governo è ora una realtà grazie ad un alleato insospettabile: le sanzioni.

Ed ecco quindi che torniamo alle nostre montagne Russe da cui, dopo l’ultima folle discesa della caduta del rublo, la Russia ha deciso definitamente di scendere ed ecco che invece sta costruendo (nemmeno troppo lentamente) una solida scala in pietra. Magari le montagne russe sono più divertenti, ma credo che i russi cominceranno sempre più ad apprezzare una monotona scala che li farà guardare al di là di qualsiasi muro

 

*Imprenditore italiano in Russia

È pericoloso allontanarsi dagli Usa. (P. Rosso)

liberta

Nell’articolo che presentiamo (vedi https://geopoliticalfutures.com/dangerous-option-germany), George Friedman con la consueta lucidità analizza sinteticamente le opzioni strategiche a disposizione della Germania in questa fase storica e lancia un chiaro avvertimento a chi vuole sentire: “… allontanarsi dagli USA è sempre possibile, ma pericoloso! …”
Sono certo che i commenti dei nostri lettori fioccheranno, per parte mia rilevo come significativo l’ineluttabilità con cui G.F. rappresenta il processo di progressivo allineamento della Germania con la Russia: un processo che G.F. stesso giudica del tutto razionale dal punto di vista delle imprese – e potremmo aggiungere noi dei lavoratori – tedeschi. E suona ancora più eclatante allora il solo allarme che G.F. riesce a intravedere/suonare per contrastare questo processo: “ …occhio che la Russia ti distrugge un’altra volta …”. Un dejà vu, un po’ logoro: gli americani sono i liberatori/salvatori degli oppressi/ingenui che si buttano fra le zampe dell’orso!

Una considerazione finale: saranno 20 anni che G. La Grassa invita a non credere al concetto corrente di globalizzazione ed ha invece proposto di leggere la fase come termine di un ciclo monocentrico – ad egemonia statunitense, dal dopoguerra a fine anni ‘90- e di inizio di una fase policentrica indirizzata inevitabilmente ad un futuro scontro semplificato “a due” – che non possiamo ora sapere chi saranno. Leggo questa analisi come una conferma del modello lagrassiano, offerta da uno studioso serio ancorché di parte avversa e con interessi opposti a quelli supportati – da sempre – dal blog C&S.

Buona lettura, Piergiorgio Rosso
———————————————————————————————–

La scorsa settimana, una delegazione di dirigenti delle principali imprese tedesche si è incontrata con il presidente russo Vladimir Putin. Delegazioni di questo tipo sono una consuetudine, a volte devono incontrare i leader stranieri. A volte è una routine, a volte una cortesia. Ma a volte, hanno un significato speciale. Nel caso delle relazioni Russia-Germania, hanno sempre un significato speciale.

Relazioni instabili

Ci sono due relazioni che sono centrali per la Germania. La prima è quella con l’Unione Europea, la seconda è quella con gli Stati Uniti. Nessuna delle due relazioni è stabile in questo momento. Brexit, la crisi spagnola, l’aspro confronto tedesco con la Polonia ed i problemi economici dell’Europa meridionale stanno logorando il tessuto dell’Unione Europea. I tedeschi e l’Unione Europea sostengono che nessuno di questi problemi costituisce una minaccia alla salute del blocco e puntano al fatto che, a dieci anni dal 2008, l’Europa sta tornando ad una modesta crescita economica.
I tedeschi, naturalmente, conoscono i pericoli che stanno loro davanti, al contrario di Bruxelles. Molti dei problemi dell’UE sono politici, non economici. La Polonia e la Germania si sono scontrate sulla questione del contrasto fra diritto all’autodeterminazione nazionale e regole dell’UE. Anche Brexit si basava su questo. La Spagna è bloccata in una disputa sulla natura di una nazione e del diritto di una regione a separarsi. E sebbene i problemi dell’Europa meridionale siano economici, ciò non significa affatto che la debole crescita in atto li risolva né che si avvicini una soluzione ai gravi problemi strutturali del continente. Come leader de facto dell’UE, la Germania deve sì mostrarsi ottimista ma fare i conti con un eventuale fallimento.

La relazione tedesca con gli Stati Uniti è almeno altrettanto instabile – e non solo per la personalità del presidente Donald Trump. La situazione strategica ed economica in Europa è cambiata in modo drastico rispetto ai primi anni ’90 – quando l’Unione Sovietica è caduta, la Germania si è riunita e fu siglato l’importante accordo di Maastricht – mentre la struttura della relazione fra USA e Germania non è cambiata affatto. Entrambi sono membri della NATO, ma hanno opinioni radicalmente diverse sulla sua missione e sulla ripartizione delle sue spese. La Germania è la quarta economia mondiale al mondo, ma il suo contributo finanziario alla NATO non lo riflette.

Poi c’è la Russia. La politica americana verso la Russia si è indurita da quando il Partito Democratico ha assunto una posizione fortemente anti-russa dopo le elezioni presidenziali, più dura ancora di quella del Partito Repubblicano che è sempre stato poco accomodante con la Russia. La crisi dell’Ucraina continua a rafforzarsi mentre gli Stati Uniti dispiegano truppe nei Paesi Baltici, in Polonia e in Romania. Ciò ha ampliato le fratture all’interno dell’UE. La Germania non è interessata a una seconda guerra fredda. L’Europa orientale invece crede di esserci già dentro. Gli europei orientali sono sempre più distanti dalla Germania e sempre più allineati invece con gli americani. In un momento in cui i rapporti tedeschi con i principali paesi dell’Europa orientale vengono messi alla prova, la tensione aggiuntiva portata dalla politica americana nella regione, è una minaccia per gli interessi tedeschi. La Germania vuole che il problema della Russia venga meno. Gli Stati Uniti e ai suoi alleati dell’Europa orientale pensano che il modo per farlo venire meno sia attraverso lo scontro.

Un’opzione più pericolosa

La politica estera della Germania è rimasta più o meno la stessa cosa dal 1991 mentre la realtà internazionale è cambiata drasticamente. Questo sta costringendo la Germania a prendere una decisione che non vuole prendere. Ma deve per forza considerare cosa succede se la UE continua a disintegrarsi e se la politica estera della UE continua ad essere diversa dalla propria. Deve considerare cosa succede se gli USA continueranno a plasmare le dinamiche d’Europa in modo tale da costringere la Germania a combattere i nemici degli americani insieme a loro oppure rifiutarsi di farlo. Non si tratta solo della Russia – possiamo vedere la stessa questione sull’Iran [enfasi aggiunta].

La Germania non può esistere senza partner economici stabili. Non è mai stata autosufficiente dal momento in cui si è riunificata. Deve esplorare alternative. L’alternativa più ovvia per la Germania è sempre stata la Russia, attraverso l’alleanza oppure la conquista. La Germania ha bisogno delle materie prime russe. Occorre inoltre che il mercato russo sia più robusto di quanto sia ora. Ma la Russia è incapace di un rapido sviluppo economico senza aiuto esterno e, con il crollo dei prezzi del petrolio, ha bisogno di un rapido sviluppo per stabilizzare la propria economia. La Germania ha bisogno che l’economia russa sia in salute e quello che ha da offrire alla Russia sono: capitale, tecnologia, e capacità direttiva. In cambio, la Russia può offrire materie prime e forza lavoro. Un allineamento con la Russia potrebbe sedimentare l’Europa orientale nell’orbita della Germania. Per il modo in cui stanno andando le cose, e considerate le alternative a disposizione della Germania, l’opzione russa è costosa ma potenzialmente molto redditizia.
Ma la Germania ha un problema con la Russia. Ogni tentativo precedente rispetto all’allineamento o alla conquista è fallito. Costruire l’economia russa per creare un mercato robusto per le merci tedesche potrebbe sicuramente beneficiare entrambe le nazioni ma cambierebbe l’equilibrio di potere in Europa. Ora come ora la Germania è militarmente debole ed economicamente forte. La Russia è moderatamente potente ed economicamente debole. Un allineamento con la Germania potrebbe rafforzare drasticamente l’economia della Russia, e con essa, il suo potere militare. Una volta allontanatasi dagli USA e avendo minimizzato la potenza militare nella penisola europea, la Germania potrebbe trovarsi nella sua antica posizione: vulnerabile alla potenza russa, ma senza alleati per combatterla.[enfasi aggiunta]
Il viaggio dei capi industriali tedeschi in Russia non è un evento nuovo, né rappresenta un significativo cambiamento nella politica tedesca. Ma fa parte di un processo in corso. Mentre la realtà internazionale si sposta da ciò che serve alla Germania, la Germania ha necessità di un altro percorso. A breve termine gli Stati Uniti saranno soggetti ad una recessione economica ciclica. La Cina sta affrontando sfide proprie. Ci sono dunque poche alternative alla Russia e la Russia è storicamente una opzione molto pericolosa per la Germania.

TERRORISMO INTERNAZIONALE

vladimir_putin2

Mosca insegue i fanatici islamici anche nel cesso, come disse una volta Putin dando la caccia ai mujaheddin ceceni, sostenuti dalla Casa Bianca, che insanguinavano il loro Paese per imporre la sharia ma, soprattutto, per destabilizzare la Russia. Pochi giorni fa, un altro capo di questa guerriglia, condotta apparentemente in nome di Allah, è stato fatto fuori nelle strade di Kiev. Chissà come mai, ma la domanda è retorica, questi criminali trovano sempre rifugio tra le braccia dei lacchè di Washington. Timur Mahauri, ceceno di cittadinanza georgiana, si era reso protagonista di atrocità nel Donbass contro i separatisti filo-russi e, prima ancora, aveva partecipato all’aggressione dell’Ossezia, nel 2008, agli ordini del pupazzo pro-Usa Mikhail Saakashvili, anch’egli riparato in Ucraina perché inseguito da un mandato di cattura di Tbilisi per reati di corruzione. Mahauri credeva di essere al sicuro nel feudo ucraino, protetto dagli americani e dagli europei, sponsor del nuovo corso democratico di Kiev. Ma che razza di democrazia è quella che ospita la feccia dell’umanità, convinta di potersene servire per le sue imprese sporche? L’unica democrazia possibile ai tempi della supremazia americana. Bruxelles, che ha liberalizzato i visti con l’Oligarchistan di Poroshenko, sta mettendo a repentaglio la sicurezza interna dei suoi cittadini, costretta dalle mire geopolitiche statunitensi a operare contro i suoi interessi strategici. I servi europei, per dar retta agli yankees, stanno trasformando il Continente in un covo di assassini e di teste calde che sfuggono al controllo e mordono la mano che li nutre. L’alleanza con Washington ci porta alla rovina ma gli unici che non vedono questa rovina sono i fantocci che occupano le istituzioni europee. L’Europa deve liberarsi delle catene che la legano alla Casa Bianca stringendo accordi con la Russia. Deve rivedere i suoi patti unitari escludendo i membri più infidi e restrigendo la cabina di regia ai Paesi decisi ad imboccare la strada dell’indipendenza geopolitica. Per ottenere tali risultati bisogna, altresì, che una serie di rivoluzioni politiche interne, a Parigi, Berlino e Roma, spazzino via le classi dirigenti autoctone sottomesse all’atlantismo. Non c’è altra soluzione per invertire questa situazione di sudditanza a Washington che ci sta portando alla disfatta internazionale.

IL PAZZO E’ KIM?

china vs usa

 

Mentre i nostri commentatori del piffero, col loro codazzo di giornalisti dilettanti, sprecano tempo a psicoanalizzare Kim – il pazzo, il folle, l’Hitler del XXI secolo, e via sproloquiando – per leggere qualcosa di sensato bisogna ricorrere alle fonti estere. Anche a quelle statunitensi che, sul tema, appaiono molto più ragionevoli dei servi europei. Secondo gli analisti americani, l’alleanza tra la Superpotenza e la Corea del Sud resta determinante per legittimare la presenza a stelle e strisce in un’area strategica come quella Asia-Pacifico, per contenere la Cina ma anche per sorvegliare paesi amici, con velleità egemoniche, come il Giappone. In Corea del Sud gli Usa hanno un avamposto militare privilegiato che sarebbe impossibile collocare, alle stesse condizioni, in un altro contesto.
Come viene riportato sul sito del Russian International Affairs Council, Washington intende mantenere il suo dominio politico e militare in Asia orientale e impedire a Pechino di rafforzare significativamente le proprie posizioni.

La Cina non farà scoppiare una guerra alle sue frontiere, checché ne dicano i catastrofisti alla Giulietto Chiesa. Cercherà, ricorrendo al soft power con l’alleato e alla persuasione diplomatica con gli Usa, di garantire stabilità nella penisola coreana, continuando a rafforzarsi militarmente.
In prospettiva, Pechino proverà ad estendere la sua influenza in Asia orientale, sottraendo spazio agli Usa. Ma sono processi più o meno lunghi che sfociano in conflitti diretti solo dopo l’esaurimento di innumerevoli mosse tattiche da parte dei contendenti. La guerra è sempre un’estrema ratio tra avversari di grosso calibro. Per ora siamo abbastanza lontani dal punto critico. Ovviamente, Washington vuole evitare che le mire cinesi si concretizzino. Mantenendo una energica presenza politico e militare in Asia orientale tenta di scongiurare tale eventualità.
Gli americani restano in relativo vantaggio anche in quest’area ma alcune loro iniziative, spesso affrettate, testimoniano di un cambio di stato d’animo alla Casa Bianca. Il dispiegamento di scudi spaziali in territorio sud coreano, accresce i sospetti cinesi. La Corea del Nord non costituisce una minaccia tale da giustificare questo dispiegamento di mezzi. Ergo, gli americani si stanno premunendo contro la Cina. Gli Usa hanno usato speculare espediente in Europa contro la Russia, anche se inizialmente avevano affermato di voler proteggere il Vecchio Continente dall’Iran.
In ogni caso, come sostiene giustamente il RIAC, Pechino è interessata “alla prolungata esistenza della Corea del Nord, governata o meno dalla dinastia Kim”, anche se quel paese dovesse assurgere allo status di potenza nucleare de facto. I cinesi temono “che il crollo del regime nordcoreano possa provocare l’ancoraggio del Nord al Sud, formando così uno stato coreano unificato con capitale Seoul” e decisamente filo-americano. Le ambizioni cinesi in Asia ne uscirebbero ridimensionate se non a pezzi.
Piuttosto, la Cina è decisa ad espellere Washington dalla Penisola Coreana. Non è una questione di giorni o di mesi, si tratta di un obiettivo decisivo di lungo termine. Il programma missilistico nucleare di Pyongyang potrebbe essere un iniziale deterrente contro la presenza americana in quella zona. A quel punto, le basi statunitensi in Corea diventerebbero inutili. Un attacco a Pyongyang costerebbe a Washington una rappresaglia con distruzione delle sue “stazioni militari” di Honolulu, Seattle o Los Angeles.
Inoltre, l’affare coreano è un ottimo diversivo mentre la Cina cerca di “occupare” il Mar Cinese meridionale. Il dossier coreano è anche possibile merce di scambio. Infatti “Pechino potrebbe chiedere che gli Stati Uniti di ridurre il proprio sostegno a Taiwan come sovrapprezzo per la sua disponibilità a cooperare sulla Corea del Nord. I problemi nord coreani e taiwanesi sono reciprocamente interrelati. Fu l’inizio della guerra di Corea a spingere il presidente degli Stati Uniti, Harry Truman, ad offrire una protezione navale a Taipei, che prosegue sino ad oggi. La Cina non vuole far scomparire la Corea del Nord dalla mappa politica e continuerà a considerare tale paese come suo patrimonio geopolitico, almeno fino a quando la rivalità di Pechino con Washington, per la penisola coreana e tutta l’Asia orientale, continuerà. Se la Corea del Nord fosse destabilizzata dall’interno con la minaccia della disintegrazione del regime politico e della nazione, Pechino farebbe tutto il possibile per impedire a Seul di riannodare il Nord. Le truppe cinesi invaderebbero la Corea del Nord ben prima di qualsiasi passo dell’alleanza sud-coreana. Probabilmente Pechino avrebbe ragioni legali per farlo agendo su invito e con il consenso di Pyongyang” (Riac).
E la Russia (che con la Corea condivide un breve tratto di confine)? Per ora Mosca converge sulla posizione cinese, perché dagli Usa ha ricevuto solo affronti e provocazioni. Anche il Cremlino vuole sfruttare questa crisi per ottenere qualcosa dai padroni del mondo o per potenziare l’intesa con i cinesi. Ciascuna delle due opzioni è sul tavolo proprio perché non è l’amicizia ma l’interesse a guidare la geopolitica.

UN MODESTO “AVVERTIMENTO”, di GLG

gianfranco

 

 

Qui

 

finirà probabilmente come la crisi dei missili sovietici a Cuba nel ’62; anche se le cose stanno in modo certamente differente. Il “folle dittatore” nordcoreano, criticato pure dalla Cina, non agisce in modo scoordinato da quest’ultima. Chissà quante telefonate o altre comunicazioni ci sono tra i due governi. La Russia, che si trova in forte tensione con gli Usa – anche questa alimentata in buona parte per motivi di copertura di altre manovre – gioca alla mediazione e invita alla calma. Il Giappone e la Corea del Sud, “minacciate” (sanno benissimo di non correre alcun  pericolo), ne approfitteranno per cominciare a dotarsi di maggiore autonomia bellica (o almeno a mettersi in quest’ottica per convincere il proprio popolo, e soprattutto quello degli Usa e di altri paesi, di tale impellente necessità), il che le renderà un domani preparate ad una maggiore autonomia dagli Stati Uniti e a giocarsi in proprio il conflitto per le sfere d’influenza in area asiatica. Naturalmente questo le porterà in maggior urto con la Cina, ma anche quest’ultima ha interesse che in quell’area diminuisca l’influenza statunitense onde potersi giocare la supremazia con le concorrenti potenze (o subpotenze) della regione. Negli Stati Uniti, in cui continua il contrasto tra il nuovo presidente e il precedente establishment, ancora molto attivo, Trump deve ben barcamenarsi nei suoi rapporti internazionali con mosse infatti contraddittorie, ma non improvvisate. Si accentuano i conflitti (e sanzioni) con la Russia, con la Cina (anche attraverso la crisi con la Corea), ma sicuramente si svolgono molti colloqui “sotto coperta”. Potrebbe anche esserci bisogno di qualche “scaramuccia” un po’ più energica del solito, ma non scoppierà alcuna guerra di proporzioni preoccupanti per l’intero mondo; almeno non per un periodo non proprio breve. Poi certamente vi sarà il solito e “normale” regolamento di conti; ma più avanti, per un’altra generazione. Se tutto questo, nell’attuale fase di alcuni anni, consentirà a Trump di non essere scalzato, dovremo ben riconsiderare la ristrutturazione delle sfere d’influenza dei vari paesi. E lo stesso comunque dovremo fare, ma con conclusioni diverse, se invece i nemici dell’attuale presidente Usa riusciranno nel loro intento. E lasciamo i vari coglioni sempre all’opera blaterare sulla globalizzazione dei mercati, sul dominio di una massoneria finanziaria al vertice del mondo (il che, se fosse vero, garantirebbe una pace perpetua) e le altre idiozie di mentecatti vari, che cercano, ormai ridicolmente, di sviare l’attenzione della gente dai reali giochi condotti dagli effettivi gruppi dominanti di alcune maggiori potenze con i loro accoliti e sicari al seguito. Il fallimento di tutto il vecchio armamentario politico e intellettuale è ormai manifesto e clamoroso. Guai se la gente non capisce di avere a che fare con furfanti, per di più ritardati mentali; avrà guai seri, non nel senso della guerra mondiale, ma del totale disfacimento sociale e culturale.

**********

REDUCTIO AD HITLERUM (G.P.)

I giornali sono un vero immondezzaio. Sempre schierati dalla parte del più forte, stravolgono logica e buon senso pur di sostenere la improponibile versione dei loro padroni. C’è un piccolo paese, la Corea del Nord, di 24 milioni di abitanti, minacciato ai suoi confini da due eserciti stranieri, quello sud coreano e quello statunitense (ma anche da quello nipponico che fino al 1945 ha tenuto sottomessa la Penisola). La presenza americana in Corea del Sud si sostanzia in 8 basi militari e 37 mila soldati. La Corea del Nord dista più di 10 mila km dagli Stati Uniti e non ha né basi né militari dislocati fuori dal suo territorio, contrariamente agli yankees che sono ovunque. E’ la solita storia del lupo e dell’agnello che inquinerebbe, bagnandosi il muso a valle, l’abbeveratoio alla bestia feroce collocata a monte. Considerata la posizione geografica della Corea del Nord, che confina con la Cina ma anche con la Russia, nazioni sfidanti il dominio degli Usa sul pianeta, si comprende facilmente tra quali pressioni geopolitiche questo Stato deve ponderare la sua dottrina estera e a quali influenze multiple deve sottostare (come scrive La Grassa poco sopra).  Per rintuzzare i rischi che derivano da questa situazione alla sua sicurezza, supportata tecnologicamente da Mosca e Pechino, Pyongyang cerca di assurgere allo status di potenza nucleare ed effettua, al pari di altri Stati, test esplosivi e balistici finalizzati ad assicurare la sua difesa. Apriti cielo. Sui quotidiani hanno fatto già scoppiare la III Guerra Mondiale. La sola probabilità che la Corea del Nord si doti di un ordigno di distruzione di massa (sotto l’occhio vigile dei suoi alleati più forti) è un pericolo per l’umanità mentre il fatto che i suoi avversari ne siano già in possesso da decenni, e che l’abbiano persino usata in passato, costituirebbe garanzia di pace per tutti. La reductio ad hitlerum ricade immancabilmente sulla testa di Kim Jong-un ma non sul ciuffo di Trump o, prima di lui, sul cespuglio di Obama perché l’America è buona per statuto ontologico e nessuno deve criticarla nonostante la scia di sangue e distruzione che essa si lascia dietro da oltre 70 anni.

Ricordatevi delle parole di Balzac:

Il giornalismo, invece di essere un sacerdozio, è divenuto uno strumento per i partiti; da strumento si è fatto commercio; e, come tutti i commerci, è senza fede né legge. Ogni giornale è una bottega ove si vendono al pubblico parole del colore ch’egli richiede. Se esistesse un giornale dei gobbi, esso proverebbe dal mattino alla sera la bellezza, la bontà, la necessità dei gobbi. Un giornale non è più fatto per illuminare, bensì per blandire le opinioni. Così, tutti i giornali saranno, in un dato spazio di tempo, vili, ipocriti, infami, bugiardi, assassini; uccideranno le idee, i sistemi, gli uomini, e perciò stesso saranno fiorenti. Essi avranno i vantaggi di tutti gli esseri ragionevoli: il male sarà fatto senza che alcuno ne sia colpevole…

1 2 3 9