Между Россией и США

RUSSIAN PRESIDENT VLADIMIR PUTIN VISITS CHINA

Основным геополитическим противником Соединенных Штатов Америки, безусловно, является Российская Федерация. Не Китай, как продолжают настаивать многие аналитики, которые вводят в заблуждение своим экономическим взглядом на мировые процессы (они такие же, как в 1980-х годах, когда опираясь только на эконометрические данные они объявили о новом японском веке), и не другие развивающиеся страны, которые в последнее время замедлили свой ход, не только финансовый, но и политико-дипломатически-военный (Бразилия, Индия, Южная Африка и т. д.).
То, что истинную тревогу в Вашингтоне вызывает Москва можно увидеть по тому, как Белый дом, независимо от офиса президента, относится к евразийскому гиганту. Россия — средняя региональная держава, обладающая сверхдержавной памятью, которую Вашингтон все еще может легко ограничивать посредством «гибридных» средств. Однако в перспективе соглашение между Россией и вЕропейскими державами (Германия в первую очередь, а также Франция и Италия) представят прямой вызов западной гегемонии, который создаст много других проблем в США. Предотвратить эту возможность — это фиксированная идея американской стратегии. Из этого следует, что в решающем театре, в котором судьба всего мира будет играть в зарождающейся многополярной эре, станет Старый Континент, в настоящее время управляемый реакционными силами из-за океана, которые в попытке остановить Историю потребляют жизни целых народов и наций.
Россия должна будет сделать все, чтобы выбраться из изоляции, в которую ее пытаются отнести, ей нужно будет укрепляться в одиночку, поскольку ее соседи живут в этих эпохальных судорогах, и приготовиться сформировать антимоноцентрические соглашения с европейскими государствами, которые встанут на путь геополитического ревизионизма. Это неизбежно, но судьбоносную партию в этой глобальной конкуренции предстоит еще сыграть.
Однако на данный момент мы не должны скрывать реальность. Москва подвергается проверке американскими ходами. Несмотря на то, что Россия смогла защитить свои интересы в Сирии, в Европе подверглась почти полной приостановке. Как сообщает Стратфор, что страны Балтии, Украина и бывшие члены Варшавского договора (глубоко американизированные) являются костью в горле России и ее планам по восстановлению сферы влияния, соответствующей ее потенциалу:
«Военные действия России в Крыму и на востоке Украины, в ответ на западное восстание Евромайдана в Киеве, столкнулись с рядом репрессий… Организация Североатлантического договора стоит на передовой по обязательствам и обеспечению безопасности в Польше, странах Балтии и Румынии. Соединенные Штаты и НАТО также увеличили безопасность для Украины, поскольку страна поддерживает свои военные возможности для соответствия стандартам защиты блокпоста. Между тем, Киев работал над свержением прорусских бунтовщиков на Донбассе… Брюссель и Вашингтон ввели санкции в отношении Кремля, действующие более трех лет. Киев сократил свои широкие экономические связи с Москвой, создавая экономическую блокаду на сепаратистских территориях (по инициативе ЦРУ и американских военных советников), запрещая российским финансовым институтам, таким как Сбербанк, заниматься бизнесом в Украине. Кроме того, Украина последовала примеру таких стран, как Польша, прибегая к услугам новых поставщиков с Европы, а не России, для удовлетворения своих энергетических потребностей… пограничный контроль с Украиной затруднил перевозку людей и передачу товаров в Приднестровье, другой территории, поддерживаемой Россией… Дела обстоят не лучше и по культурным фронтам… Европейский совет объявил о создании framework под названием «инструментарий для кибер-дипломатии», цель которого — объединить общие ответы… против нападений Москвы. Украина запретила крупные российские социальные сети и сайты электронной почты, а страны Балтии их заблокировали. Законодатели в Киеве приняли кодекс законов, ограничивающий использование русского языка в телевизионных и радиопередачах. Парламент Литвы одобрил такой законопроект, который ограничил использование «неевропейских» языков, а именно русского языка в телевизионном показе… Политические партии в Германии согласились противодействовать российской дезинформации, не используя автоматических ботов в своих социальных кампаниях, в стране появились анти-пропагандистские центры, а также в Дании, Эстонии, Литве и Соединенном Королевстве. На Западе зародились объединения по контролю за фактами и партнерские международные информационные центры. Например, Демократический Альянс, американская группа, организованная фондом Германа Маршалла, запустила веб-сайт 2 августа для мониторинга и анализа преступлений, связанных с дезинформацией Кремля в Twitter. Все эти усилия… затруднили для России использование информации для влияния на общественное мнение… (которое, напротив, зависит только от американцев, но для хозяев это называется демократией)…».
Разумеется, Стратфор заинтересован в распространении картины бледно-окрашенного цвета исключительно для Москвы. Конечно же, все не так, как было описано выше, но нет никаких сомнений в том, что Кремль должен на данном этапе снова играть в обороне, потому что столкнулся с лобовой атакой. Все сильно изменится с менее враждебной Европой для России, но унитарное управление — это выражение Белого Дома. Европа, возникшая в условиях кризиса идентичности, суверенитета и благополучия (особенно в периферийных и полупериферийных районах, в ее мягких средиземноморских крыльях, таких как Италия), должна смотреть на Восток, чтобы избавиться от своих проблем, сознавая, что зависимость от США является слишком тяжелым бременем для того, чтобы выдержать глобальные непредвиденные обстоятельства. США, что только не сделают, чтобы предотвратить сближение Москвы и Брюсселя. Но переход через этот ад может быть еще более конструктивным, чем оставаться под железной пяткой доминанты в (относительном) упадке, которая, чтобы сохранить свою силу оказывается готовой пойти на любые сценарии.

TRA RUSSIA E USA

Il principale avversario geopolitico degli Stati Uniti d’America è sicuramente la Federazione Russa. Non la Cina, come continuano a sostenere molti analisti sviati da una visione economicistica dei processi mondiali (sono gli stessi che negli anni ’80, basandosi su dati meramente econometrici, annunciavano il nuovo secolo giapponese), né altri Paesi cosiddetti emergenti che, recentemente, hanno rallentato molto la loro corsa, non solo finanziaria ma anche politico-diplomatico-militare (Brasile, India, Sud Africa ecc. ecc.).
Che sia Mosca la vera preoccupazione di Washington lo dimostra la manovra di accerchiamento che la Casa Bianca, indipendentemente dai Presidenti in carica, applica al gigante euroasiatico. La Russia è una media potenza regionale, con una memoria da superpotenza, che può essere ancora agevolmente limitata da Washington attraverso mezzi “ibridi”. Tuttavia, in prospettiva, un’intesa tra la prima e le potenze europee (Germania innanzitutto, ma anche Francia e Italia) rappresenta una sfida diretta all’egemonia occidentale che crea ben altre preoccupazioni negli statunitensi. Impedire che si concretizzi questa possibilità è il pensiero fisso della strategia americana. Da ciò si comprende che il teatro decisivo in cui si giocheranno le sorti del mondo, nell’incipiente epoca multipolare, sarà il Vecchio Continente, attualmente governato da forze reazionarie, legate agli egemoni d’oltreoceano, le quali, nel tentativo di fermare la Storia, stanno consumando la vita di interi popoli e nazioni.
La Russia dovrà fare di tutto per uscire dall’isolamento in cui si è tentato di relegarla, dovrà rafforzarsi solitariamente mentre i suoi vicini vivono queste convulsioni da mutamento epocale e prepararsi a stringere accordi anti-monocentrici con quegli Stati europei che, condizionati dall’evoluzione oggettiva degli eventi, si incammineranno sulla strada del revisionismo geopolitico. E’ inevitabile che accada ma non sono scontati gli esiti della partita. La grande competizione per il destino degli assetti globali è ancora tutta da giocare.
Al momento, non dobbiamo però nasconderci la realtà. Mosca è messa a dura prova dalle mosse americane. Sebbene sia riuscita, momentaneamente, a proteggere i suoi interessi in Siria, in Europa ha subito qualche battuta d’arresto di troppo. Come riporta Stratfor, Paesi Baltici, Ucraina ed ex membri del Patto di Varsavia, profondamente americanizzati, sono spine nel fianco della Russia e dei suoi progetti di ripristino di una sfera d’influenza adeguata alle sue potenzialità:
Le azioni militari e paramilitari della Russia in Crimea e nell’Ucraina orientale, in risposta alla rivolta occidentale di Euromaidan a Kiev, si sono scontrate con una serie di rappresaglie…L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico è all’avanguardia per presenza e impegni di sicurezza in Polonia, Paesi Baltici e Romania. Gli Stati Uniti e la NATO hanno aumentato la sicurezza anche per l’Ucraina, in quanto il paese sostiene le sue capacità militari per soddisfare gli standard di difesa del blocco. Kiev, nel frattempo, ha lavorato per rovesciare i ribelli filorussi nel Donbass…. Bruxelles e Washington hanno messo sanzioni sul Cremlino, in vigore da più di tre anni. Kiev ha cominciato a tagliare i suoi vasti legami economici con Mosca, instaurando un blocco economico nei territori separatisti [su iniziativa della Cia e dei consiglieri militari americani, ndt], mentre proibisce alle istituzioni finanziarie russe, come Sberbank, di fare affari in Ucraina. Inoltre, l’Ucraina ha seguito l’esempio di Stati come la Polonia ricorrendo a nuovi fornitori in Europa per soddisfare i propri bisogni energetici anziché la Russia…i controlli al confine con l’Ucraina hanno reso difficile per le merci e le persone a passare e uscire dalla Transnistria, un altro territorio che la Russia sostiene…
Non va meglio sui fronti informatici e culturali. …Il Consiglio europeo ha annunciato un framework denominato “cassetta degli attrezzi della cyber diplomazia”, lo scopo è di unificare le risposte comuni…contro gli attacchi di Mosca. L’Ucraina ha vietato i principali social media russi e i siti di posta elettronica, mentre gli Stati baltici li hanno bloccati. I legislatori a Kiev hanno superato la legislazione che limita l’uso della lingua russa nelle trasmissioni televisive e radiofoniche. E il parlamento della Lituania ha approvato un simile disegno di legge per limitare l’uso delle lingue “non UE”, vale a dire quella russa, nella programmazione televisiva … I partiti politici in Germania hanno concordato di contrastare la disinformazione russa non usando bot automatici nelle loro campagne di social media, sono sorti nel paese centri anti-propaganda, così come in Danimarca, Estonia, Lituania e Regno Unito. Consorzi di controllo dei fatti e partenariati transfrontalieri giornalistici sono nati in tutto l’Occidente. Ad esempio, l’Alleanza per garantire la democrazia, un gruppo US ospitato presso il German Marshall Fund, ha lanciato un sito web Aug. 2 per monitorare e analizzare le offensive di disinformazione del Cremlino su Twitter. Tutti questi sforzi hanno … reso più difficile per la Russia usare la disinformazione per influenzare l’opinione pubblica…[che, invece, viene influenzata bellamente solo dagli americani, ma questa per i padroni si chiama democrazia, ndt]. …
Stratfor ha, ovviamente, tutto l’interesse a diffondere un quadro a tinte fosche esclusivamente per Mosca. Non è esattamente come nella descrizione ma è indubitabile che il Cremlino debba, in questa fase, giocare ancora sulla difensiva perché non attrezzato ad un attacco frontale alla controparte. Le cose cambierebbero tanto con una Europa meno ostile alla Russia e meno serva degli americani ma la governance unitaria è espressione della Casa Bianca. L’Europa, precipitata in una crisi d’identità, di sovranità e di benessere (soprattutto nelle sue aree periferiche e semi-periferiche e nei suoi ventri molli mediterranei come l’Italia) dovrebbe guardare ad Est per risollevarsi dai suoi guai, prendendo coscienza che la dipendenza dagli Usa è un fardello troppo pesante da sopportare in una contingenza di scollamento globale come quella in atto. Gli Usa faranno, ça va sans dire, l’inferno pur di impedire un riavvicinamento Mosca-Bruxelles. Ma passare attraverso l’inferno potrebbe essere persino più costruttivo (per le proprie aspirazioni di potenza) che restare sotto il tallone di ferro di un dominante in (relativo) declino, il quale, per mantenere il potere, si mostra disposto a passare sul cadavere di tutti e sulle macerie di molte scenari.

TRA LA FED E LA BCE (G. DUCHINI)

euro

Anzitutto c’è un antefatto da non sottovalutare e da tenere sempre presente: la Bce è indissolubilmente legata alla Fed nel senso che da quest’ultima dipende; più esattamente la Fed detta la linea di direzione entro cui la Bce può muoversi con un certo grado di autonomia, pur essendo a sua volta sottoposta ad un vaglio dI ultima istanza, al di fuori del quale non si può andare, pena una destituzione immediata dei responsabili preposti alla guida della superbanca. E’ altrettanto ovvio che esiste una catena di trasmissione che lega in modo indissolubile la Fed alla Bce con “uomini in carne ed ossa” cresciuti a pane e banche; esemplare è il caso di Mario Draghi (Presidente della Bce) che si è fatto le “ossa” in qualità di manager della Banca d’affari americana Goldman Sachs.
Da questo antefatto possono discendere varie considerazioni in ordine a quanto è successo in questi ultimi tempi.
Il Diktat posto dalla Fed a Mario Draghi è un processo di normalizzazione delle politiche monetarie per superare un impasse dovuto ad una troppa bassa inflazione dell’euro. Nella disposizione imposta dalla Presidente della Fed (Janet Yellen) c’è un definitivo abbandono della lotta contro la tendenza deflazionistica ingaggiata da Mario Draghi in una sorta di graal irraggiungibile.
E’ in atto un duello a distanza tra la Fed e la Bce e cioè tra le due banche Centrali maggiori dell’occidente, nel senso che la prima difende la politica monetaria Usa e l’altra è custode della moneta unica europea. Il gioco è quello dei tassi d’interesse. La Fed dovrebbe alzare i tassi di interesse, insieme all’annunciata riduzione del proprio bilancio con la conseguente limitazione della liquidità sul mercato. La Bce dovrebbe mantenere i tassi a zero con un restringimento del Qe(1). Ma dietro questo duello si nasconde la reale partita del contendere. La Fed vuole arrivare in tempi relativamente brevi ad una sostanziale crescita dell’economia Usa che sta crescendo più lentamente del previsto. Occorre una più incisiva inversione di tendenza di Draghi che è troppo attardato sulla politica a tassi a zero e con una Bce che continua ad acquistare titoli di Stato. Questa situazione ha frenato in Usa la rivalutazione del dollaro e spinto al rialzo le Borse, anche se presto potrebbe cambiare tutto sul fronte del reddito fisso dove i titoli di Stato acquistati dalla Bce rischiano di perdere valore per allinearsi ai nuovi più alti rendimenti.

L’unico problema alla rottamazione del Qe è l’incertezza politica che grava su Eurolandia, gli esiti elettorali poco favorevoli per la Germania, la questione catalana, la mancata formazione di una coalizione di governo nei Paesi Bassi, fino alle elezioni in Italia nel 2018. Non è escluso che il Qe continui ad operare dimezzato per altri nove mesi, senza dare un’indicazione precisa su quando verrà posta la parola fine agli acquisti, non senza dimenticare che Usa, Gran Bretagna ed altre banche centrali si accingono a ridurre i rispettivi Qe.
GIANNI DUCHINI

(1) “ Ecco perché una Banca centrale interviene: alzando i tassi, spinge le banche private a chiedere meno liquidità alla banca centrale e, di conseguenza, a prestare meno soldi a imprese e famiglie, già reduci da un eccessivo ricorso all’indebitamento. Quando invece l’inflazione è molto bassa (o quando addirittura accade il fenomeno opposto ovvero quando i prezzi dei beni e servizi diminuiscono, la cosiddetta deflazione) una Banca centrale tende a tagliare i tassi, rendendo più accessibili i prestiti all’economia. Regolando il costo del denaro una banca centrale cerca quindi di regolare la quantità di prestiti elargiti dal sistema finanziario all’economia reale in modo tale da evitare situazioni di frenata o di surriscaldamento dell’economia. Esattamente come si regola la temperatura in un appartamento con un termostato.” Da “ Il Sole 24 Ore”.

QUALI NUOVI CONFLITTI E PROSPETTIVE? di GLG

gianfranco

Prenderò le mosse, per semplicità, dal referendum regionale italiano. Si è notata una notevole affluenza solo nel Veneto, non proprio esaltante invece per i promotori il risultato lombardo. Nessuno ha preso in considerazione, almeno a quanto ne so, la causa principale, almeno credo, della netta differenza. Questa mi sembra dipendere soprattutto dalla presenza in Lombardia di una città come Milano. Il comune ha 1.300.000 abitanti, l’area metropolitana va oltre i tre milioni. Nel Veneto, le tre maggiori città – Venezia/Mestre, Verona e Padova – stanno tra i 260 e i 210.000 abitanti; sono cioè oltre 10 volte più piccole dell’area milanese. Essendo andata male l’affluenza a Milano, quella complessiva ne ha nettamente risentito. Il problema sembra quindi riguardare la differenza tra situazione sociale nelle grandi città – poche in Italia; salvo due, tutte sotto il milione e 4-5 tra mezzo milione e un milione – e nella, diciamo così, “provincia” (che vive evidentemente un malessere, non soltanto né tanto economico, decisamente superiore). Tale differenziazione è qualcosa che riguarda un po’ tutta Europa e pure gli Usa (quindi, diciamo, tutto l’“occidente” capitalisticamente “avanzato”).
L’intervista a Bannon (apparsa da noi integralmente in Matrix, TGcom 24 e che metto a fine articolo) è particolarmente significativa a tal proposito, pur se è poi a mio avviso molto ottimistica; il mondo dovrà in realtà passare attraverso belle crisi generali (non parlo di quelle economiche, ma soprattutto di quelle sociali e anche belliche). Tuttavia, ci sono spunti di grande interesse per quanto riguarda appunto la crescente contraddizione tra élites “cittadine” e ceti popolari della provincia; è inoltre particolarmente incisiva quando parla della Nato, della UE, del Giappone e Corea del sud quali protettorati americani, che gli Usa non potranno più permettersi a lungo nel futuro. Lui ne trae certe conclusioni positive (e di cooperazione tra i vari paesi) a mio avviso non credibili, ma tale processo si verificherà e si dovrà prenderlo in considerazione nelle ipotesi relative al multipolarismo e poi conflitto policentrico dei prossimi decenni.
Il discorso, diciamo di tipo sociologico, non va sottovalutato pur se è ancora rudimentale. Esistono le “èlites”, che indicherei in realtà soprattutto come ceti alti e medio-alti, ma soprattutto abitanti nelle grandi città “internazionalizzate”, dove perfino la “gente” di più basso ceto sta subendo l’influenza di tali élites più abbienti e tende così a perdere in gran parte i caratteri nazionali, credendosi – spesso solo immaginariamente – lanciata in spazi cosmopolitici. Mentre in città minori e paesini ecc. le popolazioni vivono condizioni economiche, sociali e culturali ben diverse e cresce quindi la distanza di questi agglomerati sociali, indicati più o meno correttamente quali “ceti medi e masse popolari”, rispetto a quelli delle grandi città.
Accanto a tali differenziazioni tra i ceti di ogni dato paese – dovute in parte ai diversi “spazi d’internazionalizzazione” – crescono le divergenze interne a quelle forze politiche, che ancora non si trova altro modo di definire se non con le storiche denominazioni di “destra” e “sinistra”, a volte ammorbidite con quelle, ancora più improprie, di “centro-destra” e “centro-sinistra”. Si tratta di accozzaglie di individui, che si credono personaggi politici (supportati da una congerie di ciarlatani malamente acculturati e spesso convinti d’essere intellettuali), asservite a gruppi diversi di “riccastri” ignoranti e senza radici d’alcun genere, formatisi in seguito al disfacimento di quella che fu fino ad un secolo fa una vera “grande classe”: la borghesia, annientata dal predominio di un paese di nuova formazione quale gli Stati Uniti, dove la commistione socio-culturale rende difficoltose reali “classificazioni”.
Detto questo in generale e tornando all’assai più limitato intento di queste mie argomentazioni, si deve sottolineare come ormai, pur nascosto sotto foglie di fico sempre più esili, il tentativo dei “poteri dominanti” italiani (al puro servizio di quelli americani e quindi oggi in confusione per la lotta interna agli Stati Uniti) mira a quello che sembra essere l’ultimo tentativo di imbrogliare le carte: arrivare, data la mancanza di qualsiasi schieramento pseudopolitico in vantaggio, ad un accordo tra sedicenti “sinistri” (al momento ancora guidati da Renzi) e melmosi “destri” ancora accalcati dietro a Berlusconi. La Lega di Salvini è stata singolarmente incapace di prendere le redini della situazione “a destra”; e tale partito va dividendosi tra chi è più sdraiato ai piedi del “nano d’Arcore” (Maroni) e chi vorrebbe semplicemente avere maggior peso nella “grigia schiuma” del “centro-destra”.
La meschinità e miseria del quadro politico, e anche culturale, italiano sono addirittura spaventose. Se tuttavia il nostro paese è come al suo solito il peggio del peggio, non si pensi a chissà quali avanzamenti (anche soltanto mentali) in altri paesi europei; e nemmeno negli Stati Uniti, dove ancora sembra prevalente il vecchio establishment che voleva Hillary alla presidenza, accompagnato però a questo punto anche da buona parte dei repubblicani. E’ indubbio che in un Bannon vi è qualche barlume di nuova consapevolezza; proprio per questo è forse da augurarsi che i settori anti-Trump riescano a farlo fuori. Accadrà come al tempo del watergate e della eliminazione di Nixon; gli Usa presero una bella lezione in Vietnam e andò loro bene solo perché l’Urss era nella fase della “cristallizzazione” brezneviana, che la condusse progressivamente all’indebolimento e poi all’implosione “gorbaciovian-eltsiniana”. Nei prossimi decenni è difficile che sarà così. Russia e Cina non sembrano per nulla in fase di declino ed eventuali errori come quelli del watergate potrebbero essere molto positivi per liberarsi del protettorato statunitense; a patto che in Italia ed Europa si affermino altre forze politiche e altri ceti intellettuali, capaci di spazzare via, di eliminare integralmente e minuziosamente la melma oggi esistente.
Dobbiamo porci in cammino, e sarà senza dubbio faticoso e assai incerto all’inizio, verso altri tipi di analisi politica e sociale. Comincia ad entrare in crisi (forse, non affermiamolo troppo recisamente) quel concetto, indubbiamente confuso e indeterminato, di “ceti medi”. Abbiamo queste élites speranzose di internazionalizzarsi (e convinte della globalizzazione, soprattutto del “divinizzato” mercato), che hanno occupato tutti gli spazi mediatici e quindi si trascinano dietro (ma per quanto?) alcuni strati sociali assai meno abbienti, che vivono negli spazi cittadini (in specie delle grandi città) dove tuttavia s’impoveriranno sempre più (e non mi riferisco principalmente al reddito, a mere condizioni economiche). Le loro prospettive diverranno più oscure e incerte. Negli ampi spazi “provinciali” (il che non significa che qui manchino i settori imprenditoriali di non poco conto lanciati verso l’estero), si avvertirà il peso delle risorse “succhiate” dai centri cittadini e dalle loro sempre più incartapecorite élites. Tali spazi, che si sentiranno defraudati, non possono essere semplicemente rappresentati da forze postesi nell’alveo del vecchio nazionalismo e dell’“amor patrio”. Alla fine, simili forze saranno sempre battute o comunque messe in minoranza da élites che magari abbandonano i vecchi arnesi (del tipo degli schieramenti politici che hanno imperversato negli ultimi decenni e che sono in affanno); arriveranno sempre più Macron, sempre più Kurz, ecc.
Bisogna porsi in una nuova ottica, capire che un’epoca si è ormai chiusa. I “reperti archeologici”, che insistono a definirsi progressisti mentre sono ormai dei “morti viventi”, non sapranno rinunciare a vecchi miti del passato (tipo l’antifascismo, corroborato dall’anticomunismo dei loro evanescenti oppositori), ormai in fase di arrugginimento e disgregazione. Lasciateli fare (come nell’ultimo caso degli “ultras” laziali), si stanno tagliando l’erba sotto i piedi. Non imitateli, però, contrapponendo loro vecchie ideologie che hanno scaldato il cuore, ma sono ormai pezzi da museo. E’ vero: siamo in difficoltà con i tempi che stanno avanzando. E’ normale; quando si è nel mezzo di una nuova epoca storica, non la si capisce d’emblée, si deve avere la pazienza di pensare, riflettere, lasciar da parte le “immediatezze” tipiche degli strumenti elettronici. Non esiste nessuna soluzione “in tempo reale”. Il pensiero riflettente, sviscerante, attento a cogliere realmente i sintomi del nuovo malessere crescente, non è come smanettare sugli smartphones e simili. Abituatevi a pensare o altrimenti diventerete i robot di élites sempre più distruttive della nostra civiltà, da conservare comunque gelosamente pur nelle nuove condizioni di conflitto che si apriranno a ben diverse soluzioni rispetto a quelle del passato. Continuerò ad insistere: cari giovani, volete muovervi e alzare gli occhi dai vostri mezzi di rimbecillimento progressivo?

https://www.youtube.com/watch?v=tC0EQygj5R4 (intervista Bannon)

2

SIRIA: la Russia in posizione centrale (di P. Rosso)

siria

La notizia riportata da Zero Hedge – fonte originaria il giornale libanese al-Masdar – è abbastanza sorprendente. Le milizie curdo-siriane, appoggiate dagli USA, avrebbero consegnato all’esercito siriano uno dei più grandi impianti di trattamento gas del nord-est della Siria. La consegna farebbe parte di un accordo ad alto livello fra curdo-siriani, governo di Assad e russi raggiunto a Qamishli, base russa nel nord-est della Siria.
L’impianto era stato occupato ed era operato dall’ISIS dal 2013 e l’SDF (milizie curdo-siriane) l’aveva recentemente riconquistato nella sua avanzata lungo la riva est dell’Eufrate. L’esercito siriano avanza in questi giorni in parallelo sulla riva ovest dell’Eufrate dopo aver sostanzialmente liberato Deir-El-Zoor.

La società russa ROSNEFT aveva recentemente annunciato di aver raggiunto un accordo con il governo curdo-iracheno (KRG) per la gestione dell’oleodotto che trasporta il petrolio curdo verso i porti turchi per la sua commercializzazione. La quota russa potrebbe arrivare fino al 60% della società di gestione dell’oleodotto.

Le due notizie offrono un quadro abbastanza chiaro dei successi della diplomazia russa nel quadrante siriano-iracheno, mentre sollevano interrogativi sulla strategia USA. Sebbene le dichiarazioni ufficiali insistano che gli interessi USA nella zona sono limitati a combattere ISIS e non il legittimo governo siriano, nessuno – neanche il Pentagono – può nascondersi dietro l’ufficialità. Un accordo fra curdi – i migliori “amici” degli USA e di Israele – e i russi rappresenta uno schiaffo sonoro per gli americani oppure, nel migliore degli scenari possibili – e cioè una trattativa in corso fra russi ed americani per la gestione futura della Siria – una presa d’atto che il vuoto lasciato dalle politiche obamiano-clintoniane non può non vedere altre potenze regionali riempirlo, con la Russia come arbitro autorevole riconosciuto come utile da tutte le parti.

A questo quadro si aggiungono le notizie della riconquista di Kirkuk da parte del governo nazionale iracheno – con cui si sono congratulati tutti gli stati vicini o interessati, compreso Turchia, Iran e Arabia Saudita – e la visita di un inviato speciale americano a Raqqa accompagnato da un ministro saudita.

E’ evidente che sono in corso le prime mosse relative a stabilire le reciproche zone d’influenza della Siria post-bellica, ma è anche evidente che la Russia con il suo schierarsi a fianco di Assad ha occupato una posizione centrale, che le permette di dialogare e mediare con tutte le nazioni confinanti – in primis Turchia e Iraq – e/o comunque portatrici di interessi come Iran, Arabia Saudita e Israele. Anche i curdi sono costretti a fare i conti con questo posizionamento strategico dei russi.

QUANT’E’ BELLO IL MULTIPOLARISMO

gianfranco

Iracheni e curdi insieme, e con gli Usa alle spalle, hanno eliminato l’ultima roccaforte del cosiddetto Califfato (cioè dell’Isis), che è stato per un certo periodo strumento della strategia americana per ottenere in particolare (ma non solo) la caduta di Assad in Siria. Aiuti e finanziamenti provenivano pure tramite Turchia e Arabia Saudita, che poi, prima l’una e poi l’altra, hanno invertito il loro atteggiamento verso l’Isis (accusando il Qatar di restare favorevole alle forze alimentatrici del “terrorismo islamico”). L’intervento russo in Siria è stato elemento rilevante – ma non credo l’unico – per il mutamento della strategia statunitense, che oggi magari punta, proprio dopo aver battuto “il Male” (del resto creato appunto per far infine trionfare “il Bene”), a ottenere almeno una qualche spartizione di quel paese. Tuttavia, i curdi non sono per nulla ben visti dagli iracheni, che non ammettono certo la creazione di un loro Stato comprensivo di territori considerati propri senza alcuna intenzione di compromessi. Così l’esercito irakeno ha iniziato la sua offensiva anticurda a Kirkuk. E quindi gli Stati Uniti si trovano in difficoltà perché dovrebbero mediare in una situazione di ben difficile composizione dei diversi interessi.
Va ancora ricordato che la Turchia (in prevalenza sunnita) si trova in opposizione all’Iran sciita; soprattutto perché si tratta di due subpotenze in crescita, che evidentemente sono in competizione in quell’area. E tuttavia, sono entrambe contrarie ai curdi e concordi nella repressione di questi ultimi. Gli Usa, con Trump, hanno assunto dure prese di posizioni contro l’Iran, ma si trovano al momento in rapporti tesi anche con la Turchia. Stanno cercando di stabilire un asse solido con l’Arabia Saudita, che ha avuto approcci con la Russia. Ho la sensazione che ciò sia avvenuto su spinta degli Stati Uniti; sempre quelli di Trump, che deve stare ben attento alle sue mosse verso la Russia – per la quale sono convinto non nutre alcuna particolare amicizia, ma solo mutamento d’approccio nel conflitto che oppone e opporrà sempre più i due paesi – perché l’establishment a lui contrario, e sconfitto nelle elezioni presidenziali, cerca proprio di sfruttare tale mutamento facendolo passare per “tradimento” o quasi. Una situazione ben complicata e aperta a molte “sorprese”. Lo ripeto: proprio come accadeva a fine ‘800. Parafrasando una famosa frase di Bogart alla fine de “L’ultima minaccia” (1952, di Richard Brooks) dirò: “E’ il multipolarismo, bellezza”.
1

È pericoloso allontanarsi dagli Usa. (P. Rosso)

liberta

Nell’articolo che presentiamo (vedi https://geopoliticalfutures.com/dangerous-option-germany), George Friedman con la consueta lucidità analizza sinteticamente le opzioni strategiche a disposizione della Germania in questa fase storica e lancia un chiaro avvertimento a chi vuole sentire: “… allontanarsi dagli USA è sempre possibile, ma pericoloso! …”
Sono certo che i commenti dei nostri lettori fioccheranno, per parte mia rilevo come significativo l’ineluttabilità con cui G.F. rappresenta il processo di progressivo allineamento della Germania con la Russia: un processo che G.F. stesso giudica del tutto razionale dal punto di vista delle imprese – e potremmo aggiungere noi dei lavoratori – tedeschi. E suona ancora più eclatante allora il solo allarme che G.F. riesce a intravedere/suonare per contrastare questo processo: “ …occhio che la Russia ti distrugge un’altra volta …”. Un dejà vu, un po’ logoro: gli americani sono i liberatori/salvatori degli oppressi/ingenui che si buttano fra le zampe dell’orso!

Una considerazione finale: saranno 20 anni che G. La Grassa invita a non credere al concetto corrente di globalizzazione ed ha invece proposto di leggere la fase come termine di un ciclo monocentrico – ad egemonia statunitense, dal dopoguerra a fine anni ‘90- e di inizio di una fase policentrica indirizzata inevitabilmente ad un futuro scontro semplificato “a due” – che non possiamo ora sapere chi saranno. Leggo questa analisi come una conferma del modello lagrassiano, offerta da uno studioso serio ancorché di parte avversa e con interessi opposti a quelli supportati – da sempre – dal blog C&S.

Buona lettura, Piergiorgio Rosso
———————————————————————————————–

La scorsa settimana, una delegazione di dirigenti delle principali imprese tedesche si è incontrata con il presidente russo Vladimir Putin. Delegazioni di questo tipo sono una consuetudine, a volte devono incontrare i leader stranieri. A volte è una routine, a volte una cortesia. Ma a volte, hanno un significato speciale. Nel caso delle relazioni Russia-Germania, hanno sempre un significato speciale.

Relazioni instabili

Ci sono due relazioni che sono centrali per la Germania. La prima è quella con l’Unione Europea, la seconda è quella con gli Stati Uniti. Nessuna delle due relazioni è stabile in questo momento. Brexit, la crisi spagnola, l’aspro confronto tedesco con la Polonia ed i problemi economici dell’Europa meridionale stanno logorando il tessuto dell’Unione Europea. I tedeschi e l’Unione Europea sostengono che nessuno di questi problemi costituisce una minaccia alla salute del blocco e puntano al fatto che, a dieci anni dal 2008, l’Europa sta tornando ad una modesta crescita economica.
I tedeschi, naturalmente, conoscono i pericoli che stanno loro davanti, al contrario di Bruxelles. Molti dei problemi dell’UE sono politici, non economici. La Polonia e la Germania si sono scontrate sulla questione del contrasto fra diritto all’autodeterminazione nazionale e regole dell’UE. Anche Brexit si basava su questo. La Spagna è bloccata in una disputa sulla natura di una nazione e del diritto di una regione a separarsi. E sebbene i problemi dell’Europa meridionale siano economici, ciò non significa affatto che la debole crescita in atto li risolva né che si avvicini una soluzione ai gravi problemi strutturali del continente. Come leader de facto dell’UE, la Germania deve sì mostrarsi ottimista ma fare i conti con un eventuale fallimento.

La relazione tedesca con gli Stati Uniti è almeno altrettanto instabile – e non solo per la personalità del presidente Donald Trump. La situazione strategica ed economica in Europa è cambiata in modo drastico rispetto ai primi anni ’90 – quando l’Unione Sovietica è caduta, la Germania si è riunita e fu siglato l’importante accordo di Maastricht – mentre la struttura della relazione fra USA e Germania non è cambiata affatto. Entrambi sono membri della NATO, ma hanno opinioni radicalmente diverse sulla sua missione e sulla ripartizione delle sue spese. La Germania è la quarta economia mondiale al mondo, ma il suo contributo finanziario alla NATO non lo riflette.

Poi c’è la Russia. La politica americana verso la Russia si è indurita da quando il Partito Democratico ha assunto una posizione fortemente anti-russa dopo le elezioni presidenziali, più dura ancora di quella del Partito Repubblicano che è sempre stato poco accomodante con la Russia. La crisi dell’Ucraina continua a rafforzarsi mentre gli Stati Uniti dispiegano truppe nei Paesi Baltici, in Polonia e in Romania. Ciò ha ampliato le fratture all’interno dell’UE. La Germania non è interessata a una seconda guerra fredda. L’Europa orientale invece crede di esserci già dentro. Gli europei orientali sono sempre più distanti dalla Germania e sempre più allineati invece con gli americani. In un momento in cui i rapporti tedeschi con i principali paesi dell’Europa orientale vengono messi alla prova, la tensione aggiuntiva portata dalla politica americana nella regione, è una minaccia per gli interessi tedeschi. La Germania vuole che il problema della Russia venga meno. Gli Stati Uniti e ai suoi alleati dell’Europa orientale pensano che il modo per farlo venire meno sia attraverso lo scontro.

Un’opzione più pericolosa

La politica estera della Germania è rimasta più o meno la stessa cosa dal 1991 mentre la realtà internazionale è cambiata drasticamente. Questo sta costringendo la Germania a prendere una decisione che non vuole prendere. Ma deve per forza considerare cosa succede se la UE continua a disintegrarsi e se la politica estera della UE continua ad essere diversa dalla propria. Deve considerare cosa succede se gli USA continueranno a plasmare le dinamiche d’Europa in modo tale da costringere la Germania a combattere i nemici degli americani insieme a loro oppure rifiutarsi di farlo. Non si tratta solo della Russia – possiamo vedere la stessa questione sull’Iran [enfasi aggiunta].

La Germania non può esistere senza partner economici stabili. Non è mai stata autosufficiente dal momento in cui si è riunificata. Deve esplorare alternative. L’alternativa più ovvia per la Germania è sempre stata la Russia, attraverso l’alleanza oppure la conquista. La Germania ha bisogno delle materie prime russe. Occorre inoltre che il mercato russo sia più robusto di quanto sia ora. Ma la Russia è incapace di un rapido sviluppo economico senza aiuto esterno e, con il crollo dei prezzi del petrolio, ha bisogno di un rapido sviluppo per stabilizzare la propria economia. La Germania ha bisogno che l’economia russa sia in salute e quello che ha da offrire alla Russia sono: capitale, tecnologia, e capacità direttiva. In cambio, la Russia può offrire materie prime e forza lavoro. Un allineamento con la Russia potrebbe sedimentare l’Europa orientale nell’orbita della Germania. Per il modo in cui stanno andando le cose, e considerate le alternative a disposizione della Germania, l’opzione russa è costosa ma potenzialmente molto redditizia.
Ma la Germania ha un problema con la Russia. Ogni tentativo precedente rispetto all’allineamento o alla conquista è fallito. Costruire l’economia russa per creare un mercato robusto per le merci tedesche potrebbe sicuramente beneficiare entrambe le nazioni ma cambierebbe l’equilibrio di potere in Europa. Ora come ora la Germania è militarmente debole ed economicamente forte. La Russia è moderatamente potente ed economicamente debole. Un allineamento con la Germania potrebbe rafforzare drasticamente l’economia della Russia, e con essa, il suo potere militare. Una volta allontanatasi dagli USA e avendo minimizzato la potenza militare nella penisola europea, la Germania potrebbe trovarsi nella sua antica posizione: vulnerabile alla potenza russa, ma senza alleati per combatterla.[enfasi aggiunta]
Il viaggio dei capi industriali tedeschi in Russia non è un evento nuovo, né rappresenta un significativo cambiamento nella politica tedesca. Ma fa parte di un processo in corso. Mentre la realtà internazionale si sposta da ciò che serve alla Germania, la Germania ha necessità di un altro percorso. A breve termine gli Stati Uniti saranno soggetti ad una recessione economica ciclica. La Cina sta affrontando sfide proprie. Ci sono dunque poche alternative alla Russia e la Russia è storicamente una opzione molto pericolosa per la Germania.

L’indipendentismo catalano di A. Terrenzio

europa

 

Il referendum per l’indipendenza della Catalogna ha generato una serie di polemiche contro la decisione di Madrid di inviare migliaia di agenti della Guardia Civil, per impedirne il regolare svolgimento.

L’intervento delle forze di polizia del governo centrale ha dato il via ad una serie di proteste contro la presunta mancanza di liberta’ e richiami al regime franchista.

Tuttavia, la favola dell’indipendetismo catalano trova la sua ragion d’essere in questioni esclusivamente di carattere economico/amministrativo.

Ma siamo sicuri che tale richiesta di sovranita’ sia cosi’ genuina?

Si sarebbe portati ‘naturaliter’ a sostenere la causa delle liberta’ di ogni popolo contro un potere centrale soverchiante, che ne ostacola il processo di autodeterminazione, ma il caso catalano non e’ il solo a nascondere delle insidie e delle pressioni messe in moto da agenti esterni, per alimentare quel processo di indebolimento degli Stati nazionali, funzionale allo stato di subordinazione dell’Europa.

Inoltre, le classi politiche catalane, sono perfettamente allineate con Madrid nel perseguire un indirizzo filo-europeista, ad appoggiare tutte le sue politiche in materia economica e a favorire le politiche di aperture all’immigrazione.

Dietro la sindaca di Barcellona pare ci siano organizzazioni in area Soros Foundation, una Boldrini ‘in salsa catalana’, appare sempre in prima fila quado si tratta di promuovere le cause dell’agenda mondialista: diritti ai migranti, cambiamenti di sesso e famiglie allargate.

Una eventuale formazione di uno Stato Catalano, non andrebbe quindi contro l’UE e le istituzioni che ci governano ma solo a frammentare ulteriormente la gia’ traballante formazione comunitaria.

In un’intervista G. La Grassa, il professore marxista, ha dato il suo sostegno al referendum, non tanto per la causa catalana in se’, quanto perche’, a suo dire, essa contribuirebbe a ‘scompaginare il quadro’ e ad aumentare il caos di questa Unione, guidata da servi senza nessuna volonta di potenza.

In altre parole, tale situazione di scollamento, alimenterebbe lo stato di crisi che, se prolungato, faciliterebbe l’emersione di forze davvero dure pronte a mettere ordine in questo caos.

Tuttavia, non si puo’ far a meno di notare che a favorire tale stato di caos siano le agenzie mondialiste, con sede operativa al Pentagono, che spesso in passato si sono servite di cause autonomiste e autodeterminismi vari (vedi Kosovo) per perseguire disegni di destabilizzazione

A tal proposito, Sebastiano Caputo, in un suo editoriale sul Giornale.it fa notare come le élite’ di Washington abbiano abbandonato L’Arabia Saudita ed il Wahabismo al loro destino, poiché’ alleati poco affidabili, in declino tra i popoli musulmani, e abbiano giocato la carta dell’etno/regionalismo. La formazione di uno Stato Curdo filo-americano, situato tra Turchia, Iran e Russia, principali competitori nella regione, e’ la prova di tale strategia applicata nel teatro mediorientale.

Ecco perché nutriamo qualche sospetto verso presunte cause ‘nobili’ e romantiche come l’autodeterminazione dei popoli’, specie in questa fase strategica dove le ‘piccole patrie’ sembrano tornare di moda.

Inoltre, non possiamo non rilevare un’altra contraddizione che emerge tra la volonta’ di tenere compatta l’UE, ricorrendo a manovre autoritarie e repressive, e quelle di chi ne vorrebbe la frammentazione.

La politica di quest’UE e’ diretta emanazione degli interessi americani, ma gli interessi americani sono variegati e divergono molto in questa fase in cui i vecchi poteri democratici sono in lotta con quelli trumpiani. Il momento storico è ancora di difficile discernimento.

DENUNCIAMOLI SENZA SOSTA, QUESTI VENDUTI, di GLG

gianfranco

Qui

E’ bene riportare periodicamente alla memoria com’è nata questa non a caso ignobile Unione Europea di semplici servi. Guardate bene i nomi di chi vi è implicato alle origini, tutti i più alti leader dei massimi paesi europei.
Divertente – si fa per dire – il nome di Leon Blum [[Socialista, fu uno dei dirigenti della Sezione Francese dell’Internazionale Operaia (SFIO) e presidente del Consiglio dal 4 giugno 1936 al 29 giugno 1937 e dal 13 marzo al 10 aprile 1938, nonché Capo del Governo provvisorio della Repubblica francese dal 16 dicembre 1946 al 22 gennaio 1947. Ha segnato la storia della politica francese per aver rifiutato l’adesione dei socialisti alla Terza Internazionale comunista nel 1920 e per essere stato il presidente del Consiglio del Fronte Popolare nel 1936.]]. Avete capito? Dirigente di una sezione dell’Internazionale Operaia; questi erano i “socialisti” dell’epoca, con la quale i comunisti hanno costituito Fronti Popolari per contrastare il fascismo. Mi pare logico che sia finita com’è finita. Chi “va con gli zoppi” – con chi si vende facilmente ai dominanti di altri paesi – “impara a zoppicare”.
Il ricercatore americano ha scoperto nel 2000 i documenti di questa operazione decisiva per le sorti europee; e tuttavia ancora adesso tutto è sempre sotto traccia. Ogni tanto appare qualche notizia (non certo in TV), ma non è a conoscenza di una massa di rimbambiti che seguono giornalisti, conduttori, politicanti, tutti di quella parte politica erede della “vergogna” in trasmissioni che fingono oggettività e sono invece una collezione di bugie e annientamento della storia effettiva. Siamo in mano a doppiogiochisti da decenni e decenni; e oggi più che mai. E poi questi svergognati parlano di populisti, di chi riecheggerebbe il nazifascismo; mentre invece nemmeno questi ultimi si spendono nel riportare a galla certe verità. Per il momento restiamo nell’abiezione più profonda. E non si sa quando apparirà il “castigamatti”, che non dovrà avere reminiscenze né fasciste né comuniste; semplicemente dovrà liberare i nostri paesi da coloro che li hanno consegnati ai “liberatori” americani perché ad essi si sono venduti per godere i loro favori. Per il momento agiscono ancora indisturbati. Almeno denunciamoli a ripetizione e diciamo chi sono.

1

1 2 3 24