Discutendo di Quarto potere

(recensione)

(finale)

 

“Quarto potere” (“Citizen Kane”) di Orson Welles è uno dei tre film da me preferiti, assieme a “La corazzata Potemkin” (il capolavoro di Eisenstein, gustosamente definito da Villaggio-Fantozzi “una cagata pazzesca”) e “La grande illusione” di Renoir. Certamente, giudico appena staccati di un’incollatura altre decine e decine di capolavori (del muto come del sonoro, in bianco e nero e a colori), che non elenco per l’impossibilità di ricordarli tutti; nemmeno la metà e ancora meno di così.

Parlerò qui appunto di “Quarto potere”, film assolutamente gigantesco del 1941 interpretato dallo stesso regista (grandissimo pure nella recitazione) e da una folta schiera di altri più che ottimi attori, fra i quali ricordo: Joseph Cotten, Everett Sloane, Dorothy Comingore, Agnes Moorehead, Ray Collins, George Coulouris. Tutti inghiottiti dalla “Notte Eterna” e che pochi lettori, temo, ricorderanno ancora.

Come al solito, in youtube non si trova quasi nulla di questo giustamente famoso classico. E tanto meno il film intero. Ho recuperato una recensione non male, almeno secondo la mia opinione. L’ho riportata soprattutto perché illustra alcuni aspetti tecnici che non saprei nemmeno ripetere dopo averli ascoltati attentamente. Non sono un intenditore in grado di espormi in simili disquisizioni. Capisco che vi è “dietro” quest’opera la lezione dell’espressionismo tedesco, mi rendo certamente conto della sua enorme potenza espressiva, ma mi soffermo esclusivamente sul suo significato generale o su quello di determinate scene.

Prendiamo, ad es., la sequenza in cui la bibliotecaria accompagna il giornalista, incaricato di indagare sulla vita di Kane, in un’amplissima stanza e gli porta tutto l’incartamento riguardante le notizie relative al magnate. L’immagine è scarna ma desta una forte impressione. Tuttavia, essa soprattutto evidenzia l’irrealizzabilità del compito, che schiaccia chi vi si accinge. Impossibile sceverare un’intera esistenza nel suo effettivo svolgersi, pur tramite una gran massa di documenti da consultare in un tot di tempo ben stabilito. L’epilogo, il giornalista che ringrazia e se ne va, sottolinea come tutta la lettura, di alcune ore, abbia appena scalfito il senso di quella vita.

Poi il giornalista si reca a trovare, via via, le persone che più erano state vicine a Kane e, progressivamente, capiamo quanto illusorio fosse il tentativo di riuscire a inquadrare la complessità, contraddittorietà, perfino incoerenza, della sua personalità. E non perché costui sia un mentitore; anzi è nell’insieme sincero nel suo percorso destinato al successo e alla grandiosità solitaria del Castello che si è costruito. E’ proprio il vivere – implicante complicate relazioni con altri intrise di amicizia e malevolenza, di colpi bassi e adorazioni fin troppo prive di dubbi – a impedire che di quest’individuo si sappia chi realmente sia. Nemmeno lui riesce a capirsi. Del resto, nessuno apprende se stesso poiché siamo tutti presi dall’agire, dal provare sentimenti contrastanti, dal calcolare razionalmente i risultati di certe azioni, dal perseguire dati obiettivi che spesso mutano di posizione (spazio-temporale) e inducono contraddittorie convinzioni; ecc. ecc.

Nella scena iniziale come alla fine compare l’immagine del Castello e, in primo piano, il cancello con la scritta “no trespassing” (non oltrepassare, vietato l’accesso). Se non ricordo male, nella recensione la s’interpreta quale definitiva sottolineatura di quanto sia preclusa agli altri una non effimera conoscenza di un qualsiasi essere umano. Non si è in grado di oltrepassare determinati limiti nell’approfondire i caratteri di una personalità, perfino della più semplice; figuriamoci quella di “citizen Kane”. Eppure, non credo che quella scritta si limiti a porre l’accento su tale aspetto. Sullo sfondo vi è la cupa, scura (perché notturna), presenza del “mausoleo” fattosi edificare dal protagonista, presenza tesa secondo me a segnalare qualcos’altro di ancora più rilevante. La potenza e ricchezza di un individuo sono intrise di solitudine e distanza dagli altri; con la giovialità e il dialogo intenso e amichevole, con l’apertura a reali incontri e vicinanze, non si giunge ai risultati voluti e acquisiti da Kane. Non vi è alcuna prospettiva di oltrepassare il recinto che il potente, perfino quasi inconsapevolmente, dispone attorno a sé, separandosi così dai possibili stretti interlocutori. Resta solo la (magra) consolazione, quando gli va bene, d’avere seguaci, ammiratori, fedeli credenti nelle sue virtù, in realtà inesistenti. Nessuno oltrepassa il cancello che divide gli altri dall’uomo che è o si pensa “superiore”.

*********************

Veniamo all’idea più geniale del film, al suo significato più profondo e “ultimo”. Nel momento di morire, proprio mentre entra nella stanza l’infermiera che lo assiste di notte, Kane lascia cadere una pallina di vetro cui dedicava l’ultima stretta – una pallina di quelle al cui interno è visibile la leggera caduta di fiocchi di neve – e pronuncia il fatidico “rosebud” (mi rifiuto anch’io, come il recensore, alla traduzione italiana con rosabella). L’infermiera ode quel termine, lo riferisce e da qui, dall’intento di scoprirne il significato, si sviluppa in fondo tutta la vicenda filmica in una serie di flashback legati all’inchiesta del giornalista incaricato di approfondire e portare a conoscenza del pubblico la reale personalità del magnate deceduto. Si crede che appurando chi è o che cos’è “rosebud”, si riuscirà a metterla a nudo almeno in buona parte.

Nessuno fra i conoscenti e amici di Kane aiuta a chiarire il mistero, che si svela invece allo spettatore del film poiché una delle scene finali mostra come vengano buttati nel fuoco molti degli innumerevoli oggetti da lui raccolti durante la vita; quasi mai ordinati, semmai affastellati in grandi mucchi. Ed ecco apparire una slitta, di quando Kane era bambino, sul cui fianco è incisa la scritta rosebud. Essa brucia per tutti quelli che stanno rovistando nella vita del magnate, ma non prima di essere vista da chi assiste alla proiezione. Ed è qui che il discorso si complica.

Inserisco una scena del film, del tutto cruciale per il suo “messaggio”:

E’ in inglese; grosso modo ricordo quel che vi si dice ma ammetto che, se non avessi visto il film in italiano, non capirei gran che dell’intera discussione. Credo però che il suo senso si colga per sommi capi. Il ragazzo ha una madre estremamente determinata mentre il padre è un debole, che alla fine si adegua ai voleri della moglie. Questa desidera che suo figlio diventi qualcuno e, avendo ricevuto un’eredità, ne cede la gestione ad una società guidata dall’uomo che sarà sempre in contrasto con Kane. Il ragazzo dovrà abbandonare la sua residenza di montagna, quasi isolata, e andare in un Collegio dove lo istruiranno a diventare qualcuno di molto diverso (e soprattutto lontano dal “cattivo esempio” paterno). La madre firma il contratto (e con parole secche rivolte al marito che tenta all’inizio una debolissima resistenza) e poi chiama il figlio che sta dedicandosi ai suoi giochi con la slitta.

In modo asciutto, che non annulla la sensazione dell’affetto da essa nutrito, gli annuncia il termine della sua infanzia; egli dovrà allontanarsi da lei e seguire “quell’uomo”, che tenta anche di rendersi simpatico al fanciullo. Niente da fare, si osservi lo sguardo duro e nemico di quest’ultimo contro l’intruso nella sua vita spensierata, arrivato proprio mentre giocava nella neve, nell’ambiente in cui è nato e cresciuto fino allora. Egli chiede alla madre se lo seguirà; la risposta è negativa e il suo odio verso quell’uomo cresce. Così gli si avventa contro e lo respinge, proprio usando la sua slitta. Alla fine viene neutralizzato, la slitta gli sfugge di mano e il suo destino si compie. L’ultima immagine è quella slitta da sola ferma nella neve, ormai abbandonata anche se sarà evidentemente poi recuperata e messa tra gli oggetti che Kane conserva e che verranno bruciati.

L’interpretazione più semplice dell’ultima parola – “rosebud” – pronunciata dal magnate nel supremo momento del trapasso è che egli ricordi quel momento cruciale della sua vita, in cui ha dovuto abbandonare la spensieratezza dell’adolescente e si è compiuta la rottura verso la sua futura, ma solitaria, grandezza. Il recensore prende il fatto come ulteriore dimostrazione che una parola non può servire a spiegare la vita di un uomo, il suo reale destino. Vero, ma limitato. Una persona a me molto cara, durante l’ultimo dolorosissimo attacco al cuore che lo portò alla morte in pochi minuti, invocava con quel che gli restava di fiato sua madre, a quanto mi si disse. Quel grido strozzato non illustra la vita dell’uomo, ma non è certo senza significato; ci rivela quale legame (molto comune fra gli umani) fosse principalmente impresso nella memoria del morente. E anche per Kane, la slitta gli ricorda proprio la madre e il momento supremo della separazione definitiva da lei. L’ultimo pensiero, prima dell’addio alla vita, fu per la neve di quel giorno fatale e per la slitta con cui giocava e poi si difendeva dal destino, arrivato (sotto forma di un individuo) per separarlo dalla persona a cui lo legava l’affetto di gran lunga più importante nutrito durante tutta la sua esistenza.

In definitiva, un solo ricordo non spiega la vita, ma ci fa conoscere il sentimento più profondo e costante che alberga in Kane e che irrompe imperioso quand’è alla fine. Evidentemente, chi era alla ricerca di notizie del tutto superficiali, e magari segrete, sulla sua esistenza d’uomo spesso presente nelle cronache dei giornali e notiziari, bramava soltanto scoprire qualche retroscena piccante. Ed è allora evidente che “rosebud”, anche se si fosse appreso che cos’era, non avrebbe spiegato alcunché; avrebbe anzi deluso al massimo grado i chiacchieroni interessati al pettegolezzo e alla notizia da cinegiornale. La parolina ci rivela tuttavia che la spinta emotiva in lui dominante non era l’arraffare potere e denaro, come poteva sembrare ad una superficiale considerazione delle sue motivazioni; questo scopo fu in definitiva realizzato, forse non coscientemente, per non deludere la madre, da lui separatasi pur di evitargli una misera sorte simile a quella dell’imbelle padre.

Tale pensiero penetra la sua mente – o forse soltanto galleggia in una sorta di nebbia – nel momento in cui la sua vita di compie, si perfeziona con l’ultimo atto. Qualcosa di non consapevole per lui è però raffigurato, simboleggiato, in quella slitta; ed è più importante ancora del sentimento che lo pervade nell’attimo finale della sua esistenza cosciente. Guardate bene la scena del ragazzo che respinge con violenza l’uomo venuto a prelevarlo, spingendogli la slitta contro la pancia e facendolo cadere a terra. Non vuole andare con lui; e lo strumento dei suoi giochi ancora infantili gli serve per fargli male e allontanarlo. Quello strumento finisce sperduto nella neve; evidentemente è stato recuperato, ma quale oggetto da collezione poiché Kane adulto è un collezionista quasi maniacale.

La slitta, lo strumento usato nel rifiuto, viene posta in primo piano solitaria e abbandonata nell’ultima immagine di quella scena cruciale. Secondo me, il regista vuole farci capire che il carattere del fanciullo, già potenzialmente pronto a ciò che poi diventerà, è andato (non consapevolmente) oltre la ripulsa e la ribellione insorte per il triste evento della separazione dalla madre. Non c’è volontà né strumento in grado di opporsi ad un destino segnato dalla sua superiore capacità di emergere e dominare rispetto a tutti quelli che poi lo attornieranno nella vita, quelli visitati dal giornalista. Dal loro interrogatorio, per quanta simpatia o antipatia possiamo provare per simili personaggi, ci rendiamo ben conto del loro essere soltanto di contorno, delle comparse nella vita d’un grande, condannato da questa sua superiorità alla solitudine e ad essere colto, alla fine, da un ultimo momento di nostalgia che lo riconduce alla madre e al dolore della divisione da lei.

*********************

Cerchiamo allora di concludere. La nostra vita, almeno per quanto ne sappiamo, è la vicenda più complicata che si svolga nell’intero Universo. Si potrà discorrerne all’infinito, ma non c’è modo alcuno di spiegare in tutti i suoi risvolti la personalità di un qualsiasi essere umano; e mai si giungerà ad elencare tutti gli eventi che attraversano l’esistenza di ognuno di noi. Ed infatti al giornalista, e a chi lo ha incaricato di condurre l’inchiesta su Kane, non interessa un bel nulla conoscere come costui ha realmente vissuto; l’unico desiderio è di carpire qualche suo segreto, magari eccitante, oltre a quello ormai scoperto da tempo e che ha già fatto scandalo.

“Rosebud” rivela semplicemente, allo spettatore del film, il sentimento prevalente nel protagonista, il centro del suo interesse più vitale, che è la madre. Ci fa inoltre comprendere come questo sentimento – e l’oggetto da lui usato per respingere l’intruso, venuto a separarlo dalla persona amata – non potesse impedire l’affermazione della sua intelligenza e della forte personalità. Va ancora ribadito che la slitta isolata, abbandonata, apparente simbolo della sconfitta del ragazzo, assume in realtà un significato opposto. Il suo sguardo d’odio, di rivolta, di promessa d’un antagonismo irriducibile verso chi viene a prelevarlo contro la sua volontà, pone in risalto un’energia incomprimibile ormai pronta ad esplodere. Di conseguenza, quella slitta scivolata e immobile nel freddo mucchio di neve ci comunica una diversa verità: la fanciullezza è finita e la vita del ragazzo compie una svolta e si avvia verso il suo destino di potenza e solitudine.

Sapere chi o che cos’era “rosebud” non serve quindi a nulla se si pretende che ci illumini in merito a Kane e alla sua vita. Quella parola ci consente soltanto di sapere qual è stato il suo ultimo pensiero, svelandoci così il suo più vitale interesse. Come probabilmente accade ad ogni essere umano nel momento supremo della fine, quanto egli dice (se ci riesce, cioè poche volte) assume duplice valenza. Da una parte, c’è la manifestazione esplicita e cosciente di un sentimento, il più prepotente da lui nutrito da sempre. Dall’altra, viene in evidenza ciò di cui lo stesso individuo nemmeno ha precisa consapevolezza: il suo carattere, la tempra della sua personalità, a quale destino è stato consegnato durante la sua esistenza (logicamente nelle sue linee generali, non certo nei particolari affidati alla casualità del vivere).

Ed è sintomatico che Kane sia doppiamente sincero, per quanto in piena contraddizione. Lo è all’inizio della sua carriera, quando sembra quasi idealista e perfino favorevole ai più deboli e diseredati, ai lavoratori. Lo è quando stila il manifesto programmatico per il suo giornale, che immagina diverso e in contrasto con tutti gli altri poiché è una promessa di verità e non inganno; un manifesto che il suo più grande amico, il quale poi si allontanerà appunto da lui deluso, prende per oro colato, conservandolo infine quasi come una reliquia. Quest’amico, buono e piuttosto limitato, non capisce che il potente, proprio quando si avvia al successo e alla scalata della notorietà e ricchezza, deve cambiare registro e dinamica, pena la sconfitta e l’oblio. Kane, dunque, è altrettanto sincero quando muta ritmo e direzione di marcia rispetto all’inizio del suo cammino verso l’alto. Il suo percorso assomiglia a quello del politico, del politico di spessore. Tuttavia commette un errore, di superbia e di non accettazione di una sconfitta ormai inevitabile. Basta un solo errore e si gioca buona parte del suo successo, pur rimanendo ricco e noto al pubblico, ma non più come prima.

Per terminare, un grande film e una grande lezione di comportamento umano e di psicologia del successo. Oltre alla qualità filmica, pressoché unanimemente valutata al massimo e non superato livello.

Continua a leggere

Commento di Massimo Morigi all’intervista di Gianfranco La Grassa: “Intervista (teorica) di G. La Grassa (di F. Ravelli)”, pubblicata su “Conflitti e Strategie” in data 15 luglio 2016

Karl-Marx

    Oltre alla “falsificazione” di Marx,  la nascita mai avvenuta della nuova classe al potere del lavoratore collettivo cooperativo associato, sulla quale ci soffermeremo fra poco, siamo di fronte a due ulteriori “crampi” del pensiero marxiano che, uniti alla […]

Continua a leggere

Viaggio di un’ artista in Donbass (di Max Bonelli)

Riceviamo e pubblichiamo.

 

 

 

 

Abbiamo la possibilità di un intervista all’autrice del cortometraggio ”I am Italian” e del film documentario ”Le stagioni del Donbass” Sara Reginella.

 

Che con un interessante taglio artistico prova a dare risposte ed ad informare sul conflitto in Donbass.

 

 

D:1)Da quanto tempo t’interessi di Ucraina?

 

 

R: Ho incominciato ad interessarmi di Ucraina nella primavera 2014 quando é iniziata la così detta operazione ATO (operazione antiterrorismo). La spinta intellettuale é venuta dalla incongruenza delle informazioni che si ricevevano dai media principali e le notizie che con sforzo si recepivano da internet.

 

Questa incongruenza si é rilevata in tutta la sua drammaticità con la tragedia del Boeing MH17. I separatisti sono stati subito accusati e poi a quasi due anni dall’abbattimento ancora non é emersa una chiara verità. Siamo di fronte ad un vuoto  informativo in Italia ed il mio lavoro tenta di colmarlo.

 

 

D:2 Sei appena tornata dal tuo secondo viaggio in Donbass. Hai fatto il viaggio via Kiev o via Mosca?

 

Quali sono le tue impressioni su questi paesi corrispondono all´immaginario mediatico rappresentato dalla stampa italiana?

 

 

R: Ho viaggiato via Mosca ed in generale ho visitato la Russia varie volte, la prima volta quasi dieci anni fa e posso dire che i cambiamenti sono stati consistenti. Si vede un riassestamento notevole dell’economia con una ricaduta su vari strati della popolazione ed una conseguente crescita della classe media. Un riordine visibile dalle infrastrutture del paese fino all’edilizia privata. Una crescita della classe media che stride con l’immagine data dai nostri media di una dittatura oppressiva.Uno stereotipo che va contro l’evidenza di elezioni democratiche tenute regolarmente nel paese. Curioso che queste critiche senza fondamento vengano da un paese come l’Italia dove la classe media si sta impoverendo e la stampa é sempre più omologata.

 

 

D:3 Se non erro tu coniughi la tua professione di psicologa e psicoterapeuta con quella di regista: Quali sono le motivazioni professionali ed interiori che sono alla base del film-ducumentario “Le stagioni del Donbass”?

 

 

 

 

R:Si, questa doppia professionalità ho influenzato sia il primo cortometraggio “I am Italian” dove si riassumono i processi geopolitici alla base del conflitto che leggo  in un ottica relazionale,

 

sia nelle “Stagioni del Donbass” dove ho usato la metafora delle stagioni correlate alle fasi della vita per spiegare al pubblico italiano la rivolta in Donbass.

 

Cié ha dato un taglio introspettivo a quest’ultimo che permette allo spettatore di conoscere il volto del popolo del Donbass. Le sue emozioni, le sue sofferenze vengono trasmesse al pubblico in maniera naturale.

 

Perché tra i grandi assenti in questo vuoto informativo é il pensiero ed i volti di questo popolo.

 

 

D:4 Quanto sostegno hai avuto per portare a termine questo progetto artistico?

 

 

R: Il principale sostegno l’ho avuto da Nicolaj Lilin, Eliseo Bertolaso, Vauro Senesi che hanno reso possibile l’attuazione pratica del documentario. Ringrazio inoltre Eliseo Bertolasi ed il reporter Sergej Rulev per il materiale video concessomi. Il film documentario rimane fuori dalla grande distribuzione, in quanto il fine era quello d”informare e colmare il vuoto creato ad arte dai media principali. Spesso le persone faticano a credere che ci sia solo del volontariato alla base di queste enormi moli di lavoro per cercare di portare le notizie che ad arte vengono censurate dai media. Il documentario é liberamente fruibile sul mio canale Youtube”Sara Reginella Video Projects”

 

 

 

 

D:5 Quali sono i canali possibili di diffusione per questo interessante film documentario e quali censure incontri?

 

 

R:Nei tentativi fatti per interessare i grandi media mi sono resa conto che i tempi non sono maturi per andare contro un format che si confà con il messaggio dettato dagli USA oppure ci sono forme di autocensura di chi per evitare problemi non vuole mettersi controcorrente. autocensura che io grazie alla mia doppia professionalità riesco ad evadere. Ma questo rientra nella mia anima anarchica; vado contro corrente se  é la verità a farne le spese.

 

 

D:6 Torni da un recente viaggio nella Repubblica di Donetsk, quali sono state le tue impressioni sulla situazione sociale nella Repubblica?

 

 

R:L’impressione é che in tutte due le repubbliche la vita sta riprendendo: A Donetsk i supermercati sono abbastanza ben forniti, la gente prova a reagire certo vi sono delle differenze Donetsk forse ha una maggiore organizzazione e ricchezza. In comune hanno entrambi una volontà di non cedere terreno all’esercito ucraino:

 

 

D:7 Hai potuto visitare la linea di fronte e parlare con i volontari italiani?

 

 

R: In pratica la mia esperienza in tal senso é stata soprattutto con la brigata Prizrak al fronte nel territorio di Lugansk. Lì ho potuto conoscere il comandante Arkadich ed il commissario politico della Priwrak Alexey Markov. Nel territorio di Lugansk ho conosciuto anche Nemo, il commissario politico di InterUnit, l’unità degli Internazionalisti presenti nel Donbas. Li ringrazio per il supporto fornitomi in quell’area, Sia lì che a Donetsk, ho potuto constatare come spesso l”esercito ucraino colpisca obbiettivi civili. I contatti con volontari italiani sono stati occasionali nel territorio di Donetsk.

 

 

Max Bonelli

 

Continua a leggere
1 6 7 8