Libye : point de situation au 25/11/11

Tratto da http://www.realpolitik.tv/2011/11/libye-point-de-situation-au-251111/ , con l’autorizzazione dell’autore.

A presto la traduzione in italiano

À propos de l’auteur

Bernard Lugan

Universitaire africaniste, Bernard Lugan aborde les questions africaines sur la longue durée en partant du réel, à savoir la Terre et les Hommes. Pour lui, il convient de parler des Afriques et non de l’Afrique, et des Africains, donc des peuples et des ethnies, et non de l’Africain, terme aussi vague que réducteur. Après plus de trente années d’expériences de terrain et d’enseignement universitaire en Afrique, il fut notamment professeur durant dix ans à l’université nationale du Rwanda, il mène actuellement des activités multiples : édition d’une revue africaniste diffusée par internet (www.bernard-lugan.com), direction d’un séminaire au CID (Ecole de Guerre), conseil auprès de sociétés impliquées en Afrique. Il est également expert pour l’ONU auprès du TPIR (Tribunal International pour le Rwanda) qui siège à Arusha, en Tanzanie.

 

Publié par Bernard Lugan le 27 novembre 2011 dans Articles2 commentaires

En Libye la guerre des clans se déroule désormais au grand jour en Tripolitaine où cinq grandes forces sont présentes à Syrte, à Misrata, à Bani Walid, dans le jebel Nefusa et à Zenten et à Tripoli :
– Les tribus de la région de Syrte ont cessé le combat écrasées sous les bombes de l’Otan mais elles ont conservé leurs fidélités. Maintenant que l’aviation occidentale a regagné ses bases, certaines sont prêtes à reprendre la lutte contre le CNT.
– Les milices de Misrata, celles qui capturèrent et lynchèrent le colonel Kadhafi, refusent toute autre autorité que celle de leurs chefs. Toutes les composantes de Tripolitaine les haïssent, y compris les islamistes de Tripoli.
– Au sud de Misrata, autour de Bani Walid la fraction tripolitaine de la tribu des Warfalla, soit environ 500 000 membres, est toujours fidèle à l’ancien régime.
– Dans la région de Tripoli, les combats entre les deux milices berbères du djebel Nefusa et de Zenten d’une part et les islamistes du Tripoli Military Council (TMC) d’autre part, ont connu une accélération ces derniers jours.

Un évènement de très grande importance s’est produit le 25 novembre avec l’arrestation à l’aéroport de Tripoli d’Abelhakim Belhaj, chef du TMC alors que, sous une fausse identité, il tentait de s’envoler pour la Turquie. L’arrestation par la brigade de Zenten de ce fondamentaliste ancien combattant d’Afghanistan soutenu par le Qatar, marque un tournant dans l’évolution de la situation libyenne. Pourquoi se départ rocambolesque ? Se sentait-il menacé et prenait-il la fuite ; se rendait-il en mission secrète en Turquie? Cette arrestation marque t-elle le début du rejet de l’oppressante omniprésence des forces et des agents du Qatar, nombre de Libyens se demandant si leur pays n’est pas devenu une colonie de cet émirat richissime mais sous-peuplé dont l’armée est composée de mercenaires ?

Abelhakim Belhaj a été libéré sur appel du président du CNT, Mustapha Abdel Jalil.

Le fond du problème que les observateurs n’ont une fois de plus pas vu, et que certains vont une fois de plus reprendre, naturellement sans me citer, et cela dès qu’ils auront lu mon communiqué, est que les Berbères ont décidé de jouer leur carte. Grands perdants – comme je l’avais annoncé -, de la nouvelle situation politique, ils se retrouvent en effet, comme avant la chute du régime Kadhafi, face à un nationalisme arabo-musulman qui nie leur existence. Aucun ministre du nouveau gouvernement n’est Berbère alors que leurs deux brigades constituèrent les seuls éléments militairement opérationnels de la rébellion. Face à cette situation, le 25 novembre, la Conférence Libyenne des Amazighs (Berbères) a suspendu ses relations avec le CNT.

Militairement, les Berbères semblent avoir pris le contrôle d’une partie de la ville de Tripoli, dont l’aéroport. Autre atout, ils détiennent Seif al-Islam Kadhafi qu’ils ont traité avec considération et même respect. Une telle attitude n’est pas innocente car elle contraste avec les traitements ignominieux que les miliciens de Misrata firent subir à son père et que nombre de Libyens ont juré de venger.

Si l’actuel gouvernement ne donne pas satisfaction aux Berbères qui constituent environ 10% des 6 millions de Libyens, une alliance tournée à la fois contre le CNT et contre Misrata et qui engloberait leurs milices, la fraction tripolitaine des Warfalla ainsi que les tribus de la région de Syrte, pourrait être constituée. Ce serait sans coup férir qu’elle s’emparerait de la Tripolitaine, seule Misrata étant capable de résister un moment. Sans compter qu’au Sud, les Touaregs et les Toubou sont eux aussi restés fidèles à leurs alliances passées.

Quant à la Cyrénaïque qui est aujourd’hui sous le contrôle direct des islamistes, elle a de fait échappé aux autorités de Tripoli.

Bernard Lugan, le 25/11/2011

ALLA MINESTRA MEGLIO LA FINESTRA!

europaflagMorto un Rais si fa un Emiro. Così la Jena Ridens di Francia è riuscita a consegnare al Qatar, che agisce per conto della Casa Bianca più e meglio di Parigi, le fortune della Jamaria. Per il piccoletto alticcio dell’Eliseo, l’asse Roma-Mosca, operante sinergicamente attraverso le conglomerate del settore energetico, Eni-Gazprom, in Libia, era motivo di compressione della sua levatura politica e della proiezione geopolitica transalpina, costituendo una sfida diretta ai suoi interessi economici internazionali. Kalifa al Thani, signore feudale del Qatar, dopo aver ammesso la presenza di centinaia di uomini sul suolo della quarta sponda, passa ora all’incasso pretendendo di guidare la forza multinazionale che avrà il compito di addestrare gli apparati di sicurezza del Paese nordafricano, ricomporre le relazioni tribali e godere delle sue ampie ricchezze. Queste sono le ragioni per cui il CNT – già delegittimato da Akim Belhaj, comandante militare di Tripoli al servizio dei qatariani – ha immediatamente estromesso la Russia dalla ricostruzione libica, relegando il suo alleato italiano ad un ruolo marginale rispetto ai privilegi accordati da Gheddafi in 40 anni di rapporti bilaterali quasi esclusivi. Con la crisi che corre lungo la schiena della Penisola si tratta di un colpo durissimo poiché in una botta sola abbiamo perso un giro d’affari di una quarantina di miliardi di euro, pari al costo di una finanziaria (sborsandone qualche milione per aggredire un alleato tra i migliori rimastici), nonchè qualsiasi punto di riferimento nello spazio mediterraneo. Dov’era quell’UE che ci cuoce a puntino per il debito pubblico mentre alcuni suoi membri ci derubavano della cassa? Naturalmente ad asseverare le mire egemoniche francesi (dietro le quali viaggiano quelle americane ed inglesi) e la sua azione espansionistica, perché il cervello politico della Comunità Europea ha le sinapsi oltre le alpi, attivate da impulsi elettrici provenienti d’oltreatlantico. Se a ciò aggiungiamo che il cuore economico-industriale di quest’Europa socialmente deforme, si trova a Berlino, per scarto e rimanenza di deiezioni, di detta de-costruzione comunitaria noi costituiamo il vasino. Vogliamo ancora farci cacare sulla testa o farci prendere per il nasino? A questa minestra indigesta preferisco la finestra!

LA POLITICA RIDOTTA A BARZELLETTA

 

 

In pratica non esiste più politica; dico barzelletta, ma di quelle che non fanno ridere, solo funeree, mal raccontate. In ogni caso, una nullità dietro l’altra. Questo ovviamente nella facciata; poi, dietro, la politica esiste e ha gli aspetti laidi che abbiamo visto nel finale riservato alla Libia e al suo legittimo Capo. Per mano di killer i quali dimostrano una volta di più come la formazione dei funzionari del capitale (di matrice americana) non sia per nulla quella borghese, nata in Inghilterra e studiando la quale Marx si illuse di poter pronunciare ai dominati di tutto il mondo la famosa frase: de te fabula narratur. Nient’affatto; la nuova formazione sociale è nata meno dal bestiale sfruttamento (in senso letterale e non marxiano) degli operai (soprattutto minerari) e assai di più dal commercio degli schiavi neri dall’Africa, da una selvaggia e barbara conquista del West e dal connubio tra affari e gangsterismo. Di tutto il mondo, questi “liberatori dei popoli” hanno fatto una “Chicago anni ’20”.

Nel mentre gli Usa di Obama dilagano dappertutto, i loro rappresentanti recitano una commedia dietro l’altra. Le ultime: la risata di Sarkozy che ha scatenato impropri slanci di dignità nazionale laddove non ce n’era bisogno (di fronte ad un Arlecchino o a un Pulcinella si deve reagire come se i loro lazzi ledessero la nostra dignità?). Dico subito, contrariamente a molti che ci sono cascati, che non mi sono entusiasmato per il gesto del gen. Tricarico. Voleva dimostrare la dignità e l’indipendenza d’Italia? Restituiva la Legion d’Onore quando la Francia (assieme al suo vecchio partner dell’impresa di Suez nel 1956) ha aggredito e massacrato la Libia su incarico (e con abbondante aiuto materiale) dei “promotori” americani. Ti offendi per una risata e lasci che l’onore d’Italia sia trascinato in una guerra così infame? Perfino un Rodolfo Graziani, non certo uno stinco di Santo, mostrò un certo rispetto per il vecchio “Leone del deserto”. Non invece questi disonorevoli (e disonorati) aggressori nei confronti di Gheddafi.

Ci si lascia trascinare in una guerra con gente che viola totalmente la già lesa risoluzione del CdS dell’Onu (con l’astensione di cinque paesi di popolazione almeno tripla rispetto a quelli che l’hanno approvata), mente in continuazione (fosse comuni, bombardamenti aerei della piazza di Tripoli, ecc.) e poi massacra a man bassa chiunque sia sospettato (anche per il semplice colore della pelle) di essere stato “lealista” (e siete proprio voi a chiamarli così senza rendervi conto che la lealtà è un valore). Non parliamo dei comuni delinquenti, detti “ribelli”, che nemmeno spostano ancora la capitale a Tripoli e chiedono lagnosamente alla Nato di restare almeno fino al 31 dicembre, perché non sanno che fare, non hanno mai veramente combattuto, sono puri esecutori delle bande maggiori che allignano appunto nella Nato. E adesso si ciancia di possibile invio di truppe americane; poi si parla di truppe “dell’Onu”, cui subito chiede di partecipare la fellona Italia, da sempre in primo piano quando si tratta di servire i peggiori. E ci si offende per una risata di Sarkozy? Non scrivo l’espressione più opportuna al caso, anche perché tutte quelle che mi vengono in mente sono sbiadite e incolori di fronte alla vergogna d’Italia.

E adesso, con ulteriore sberleffo di questi satiri, La Russa afferma che la morte di Gheddafi non era nei patti della Nato. Devo dire: meno male che è stato ucciso in modo ignobile perché questo vi bollerà come infami nei secoli dei secoli. Non era nei patti? Patti con killer che avete sostenuto in toto altrimenti, come scritto da Feltri (ripeto: da Feltri), “si sarebbero sparati nei piedi” da tanto vili, incompetenti, “non professionali”, sono. Non era nei patti? E allora deferite al Tribunale dell’Aja i colpevoli. Già; ma dove trovarli? Infatti, quando tutti sono dei banditi, come individuare i banditi? Non vi dico di vergognarvi perché se siete dei robot, delle “bamboline meccaniche che ridono”, che vergogna potreste provare? Solo gli umani hanno la capacità della vergogna e del rimorso. Voi siete come gli aspirapolvere, i tagliaerbe, elettronici che, compiuto il lavoro, si ritirano nella loro “casetta” a ricaricarsi per il prossimo compito loro assegnato.

Poi viene il “patto anti-crisi” che la UE accetta, dopo aver rampognato l’Italia, dopo che ben precisi ambienti hanno guidato la mano delle società di rating nel declassarla, dopo un tira e molla di giorni con la Lega per le pensioni. L’età pensionabile di 67 anni è un’autentica vergogna motivata con la menzogna spudorata che tutti in Europa vanno in pensione a tale età. E questi politici sono così scervellati, oltre che ladroni, da piangere poi sulla sorte dei giovani. La disoccupazione giovanile in Italia è la più elevata, si alza il lamento continuo di costoro. E quando trovano lavoro, è soltanto precario, come possono “mettere su famiglia” i poveracci? Imbroglioni e ipocriti che non siete altro: ma se i vecchi devono lavorare fino quasi al rimbambimento (con effetti immaginabili sulla già bassa produttività del sistema, altro lamento dei falsoni, che straparlano delle meraviglie della competizione nel mercato globale), come volete trovare lavoro per i giovani?

Detto questo, fa ridere che l’età pensionabile verrà portata a 67 anni tra una quindicina d’anni. E la “crisi”, il deficit, il tormentone dei declassamenti d’Italia e delle imposizioni delle UE (di cui è quotidiano sostenitore Napolitano), tutto questo dove va a finire? Però la UE approva il progetto e Draghi parla di piano serio (ma non era anche lui per un intervento immediato sulle pensioni?), insistendo tuttavia sul ritorno dell’Ici e su un nuovo ritocco dell’Iva; nel mentre Bankitalia annuncia che la pressione fiscale ha raggiunto il 43,8%, record assoluto. Si dice però bene della riforma fiscale prevista per il prossimo anno (sempre tutto previsto, di già fatto assai poco); e la pressione si ridurrà forse? Seguire questi saltimbanchi è impossibile.

E’ tutta una fantasia, una grande fiaba, raccontata però da “tecnici” illustri (illustri tromboni senza più fiato, che non sanno nulla di questa crisi e di come evolverà), corredata di tabelle e grafici; dati su dati, manovre su manovre (previste, rigorosamente previste!), per non fare capire che l’unico proposito è quello già rilevato ampiamente su questo blog. Tenere in piedi Berlusconi, continuando a sgridarlo, a insultarlo, a irriderlo, magari dandogli ancora del fascista. L’importante è che resti. Tanto è stato totalmente sterilizzato. Tutti danno del fesso a Fini. Ha adempiuto perfettamente il suo compito, seguito poi dalla “seconda ondata d’attacco” di Napolitano. Dopo il 14 dicembre scorso, tutto è stato sistemato. Niente elezioni anticipate (a quell’epoca il premier rischiava l’en plein, e lui lo temeva come la peste, ne andava della sua sicurezza che, gli è stato ampiamente dimostrato, non esiste per nulla; lo beccano quando vogliono).

L’importante è traccheggiare, attaccare continuamente il premier e continuamente salvarlo e tenerselo come copertura di tutto il malfatto. Una recita per il momento riuscita – favorita anche da una sedicente “destra” che fa schifo – orientata verso la direzione voluta, sfibrando il “poppolo” che, more solito, non capisce nulla di nulla, va al macello; non tranquillo anzi disgustato, incazzato in parte e in parte sfiduciato, ma senza nemmeno sfiorare in nulla il “gioco combinato” tra gli Usa (di Obama), i “cotonieri” italiani, i loro rappresentanti nella sfera sedicente politica dove tutto si muove con una regia ripetitiva, noiosa, produttiva però dei risultati voluti.

Questo il quadro. Non chiedetemi di più perché anche quelli, che sostengono di essere per l’autonomia italiana, non fanno intravedere il più piccolo bagliore di una loro minima mossa. A volte, mi viene il sospetto che ci sia da aspettarsi di più da chi, negli Usa, sta lavorando (forse) contro lo staff dei centri strategici che si rappresentano in Obama. Non so, è un sospetto; spiacevole però. Sempre dagli Stati Uniti si dovrebbe attendere perfino l’opposizione a quanto sta combinando l’Amministrazione attuale? Nulla di buono ce ne verrà, in un caso come nell’altro! Tuttavia, si deve ammetterlo: tale paese, vera rappresentazione del “peggio” nel mondo, è tuttavia qualche anno luce avanti ad altri paesi, ancora invischiati nel passato, incapaci di darsi una reale “mossa”.

 

I MACCHERONI DI REGIME

 

cucina-maccheroniPer avere a che fare con certi maccheroni di regime bisogna essere di grano duro. Trattandosi però di un confronto tra impastatori di trame, vince chi è più vermicello o chi è più maltagliato. Guardandoli con le mani nella pastasciutta riusciamo a capire come fanno a sedere alla stessa tavola imbandita il troccolo Frattini e la mezzaluna del governo provvisorio libico Ali Zeidan, la tro(n)fietta La Russa e il fidelino Jalil, presidente scotto del CNT. Il 27 settembre scorso, lo gnocchetto Frattini, ha aperto alla Farnesina un convegno intitolato “il mosaico libico e la tessera italiana”, invitando 50 esperti (?) e le nuove autorità libiche per inaugurare il ristorante dei futuri rapporti economici e culturali tra i due stati. Lo scialatiello Zeidan ha sfottuto la nostra bavetta degli Esteri affermando che continueranno a comprare pasta dall’Italia e quindi noi a produrla ed esportarla per loro. A questo ha aggiunto che l’Italia non ha mai migliorato i piatti libici, né in termini culturali, né politici. Solo tripoline crude alle quali lorsignori voraci oggi preferiscono paté de foie gras ed hamburger all’americana. Fine dell’amatriciana, passiamo al secondo (posto). Ridotta la nostra nazione ad un pastificio di tonnarelli, mentre già tutti gli altri paesi ci considerano chi un’industria di ortaggi secchi, chi un caseifico di provoloni, il bigol(o) politico di casa nostra si è alzato con la coda tra le gambe, senza abbaiare alla trenetta presa sul collo, per recarsi ad una più importante presentazione di un ricettario sulle azioni di contrasto allo sfruttamento degli animali. Frattini era coinvolto direttamente in questa vicenda avendo da tempo perso la posizione eretta ed essendo un ghiottone di figure e pasta barbine. Qualche settimana più tardi si sono invece incontrate la fregnaccia La Russa e la linguina Jalil  dalla cui bocca sono usciti ingredienti indigeribili circa il passato colonialista nostrano sulla quarta sponda. Ha riferito Jalil che “Durante il colonialismo italiano ci fu un’era di grandi costruzioni e sviluppo, mentre gli ultimi 40 anni con Gheddafi sono stati l’esatto opposto […] Penso che durante il colonialismo italiano ci fosse una legge giusta, c’era sviluppo agricolo. Invece con Gheddafi tutti i valori e i principi sono stati demoliti e rovesciati, le risorse libiche non sono mai state usate per i libici”. Giusto il contrario di quello che aveva affermato il suo aiuto cuoco alla nostra pappardella diplomatica, detto altrimenti il bombardone romano ripieno di boria. E meno male che lo chef Berlusconi qualcosa di buono lo aveva condito con il nostro dirimpettaio ammettendo responsabilità storiche all’olio di ricino e torchietti violenti fino alla morte verso gli autoctoni soggiogati. Ma noi italiani siamo bravissimi a passare dalla padella alla brace e da una pietanza all’altra credendo anche di essere i più furbi. Adesso ci tocca l’amaro (in bocca) e siamo pure soddisfatti della scodella di lenticchie che i nostri amici occidentali ci hanno fatto ingurgitare a forza. Nessuno però critica il cattivo servizio dei nostri governanti, chiamati così perchè sono la versione al maschile delle governanti. Buona pennichella post-prandiale, al popolo sfarinato ed elicoidale.

TORNA IL VECCHIO COLONIALISMO

 

 

“Durante il colonialismo italiano ci fu un’era di grandi costruzioni e sviluppo, mentre gli ultimi 40 anni con Gheddafi sono stati l’esatto opposto […….] Penso che durante il colonialismo italiano ci fosse una legge giusta, c’era sviluppo agricolo. Invece con Gheddafi tutti i valori e i principi sono stati demoliti e rovesciati, le risorse libiche non sono mai state usate per i libici”. Dichiarazioni di Jabril, presidente dei mercenari messi al comando della Libia dalla Nato (Usa), rese a la Russa e al Ministro della Difesa britannico Liam Fox.

Penso che non si possa fare più confusione. Sappiamo bene che cosa ha fatto l’Italia in Libia (da fine ‘800 fino agli anni ’30). Berlusconi aveva avuto la buona idea di chiedere scusa per la barbarie perpetrata dagli italiani (“brava gente”) in quelle terre. La storia è stata ormai scritta, alcune pagine infami e scioccanti della nostra repressione sono state tenute chiuse all’Istituto Luce o in altri posti; il film Il Leone del deserto è stato comunque proiettato anche in TV non più tardi dell’anno scorso (o nel 2009). Le dichiarazioni di questo capo dei massacratori per conto della Nato sono quindi raccapriccianti.

Durante il mondo bipolare, si era pensato che infine il veterocolonialismo si andasse mutando nel neocolonialismo, non fatto di occupazione militare, nemmeno per “interposta persona” (forze militari reclutate all’interno), da parte delle potenze occidentali; con in testa, comunque e sempre, gli Stati Uniti. Si pensava che ci si muovesse invece nella direzione di forme di condizionamento e dominio attraverso l’economia (multinazionali, organismi finanziari, “aiuti” ai paesi “sottosviluppati”, ecc.). Tutto errato, siamo tornati a forme brutali e ignobili di colonialismo. Come sempre, però, i fenomeni di vecchio stampo non possono ripetersi se non in forme ancora più brutali di scoperta violenza e menzogna di una ignominia senza paragone con il passato. E naturalmente, i colonialisti raccontano, senza nemmeno più lo straccio di una copertura formale, che i mercenari sono i “liberatori” dalle “tirannie”; mercenari che non esisterebbero (né resisterebbero un giorno) senza la brutale aggressione della Nato, degli Usa, la presenza di nuclei politico-militari di aperto condizionamento, ecc.

In ogni caso, in Libia abbiamo superato ogni livello di delinquenza. Perfino il colonialismo fascista, tanto condannato dai presunti antifascisti, dai “liberatori” statunitensi (una vera congrega di assassini che hanno dilaniato il mondo nel dopoguerra), diventa sinonimo di incivilimento, di sviluppo disinteressato del paese per il bene del suo popolo (massacrato da eccidi continui). Possiamo riprendere in mano “Tripoli bel suol d’amore” e anche “Faccetta nera” che, per quanto dedicato all’“Abissinia”, è adatta all’occasione. La vergogna di questi nuovi criminali colonialisti non ha più confini. E pensare che questo stra-venduto Jabril possa rappresentare la Libia è degno di un film dell’orrore. Vergogna sia per il nostro governo che tiene bordone a simili lestofanti; vergogna per un’opposizione che, guidata da chi dovrebbe rappresentare la nazione, ha insistito più di ogni altra forza per l’intervento in Libia. Vergogna ai sedicenti comunisti – salvo alcuni brandelli di un movimento in altri tempi antimperialista (almeno a parole) – che hanno inneggiato al “popolo libico” e alla sua “eroica” lotta per liberarsi dal “Tiranno”. Bella liberazione invero! Affermando che il colonialismo italiano aveva dato loro la civiltà e la cura per il popolo libico mentre invece Gheddafi…..

L’infamia di tutto questo supera ogni più “rosea” aspettativa. Siamo in mano ad autentici delinquenti, dai più alti ranghi agli inferiori, dalla sedicente destra ai farabutti di sinistra, con in testa gruppi di comunisti, che meritano una cosa sola!

GUERRA DI LIBIA, GUERRA D’AFRICA

 

 

Il conflitto in Libia ripropone sulla scena internazionale l’importanza di un quadrante geopolitico, quale quello nordafricano, di per sé non scindibile dalle dinamiche che attengono ai delicati equilibri internazionali. Eppure, esso non è solo parte delle fibrillazioni in atto sulle sponde del Mediterraneo e nella vasta area arabo-mussulmana fino al Golfo Persico.

La guerra di Libia è un’altra guerra d’Africa. Geograficamente, ma ancor di più strategicamente.

La Libia non solo come tassello del mondo arabo, ma come pedina importante negli assetti del Continente Nero. La valenza del confronto bellico non è più misurabile esclusivamente sulla base delle relazioni intercorrenti sull’asse Sud-Sud del Mediterraneo, delle connessioni storiche e politiche che concernono le vicende post-coloniali tra il Nord Africa e i Paesi europei, USA ed Israele. Ciò perché è mutato il contesto internazionale, ma anche in ragione del riposizionamento geopolitico, occorso da più di un decennio, della Libia stessa.

Il Colonnello Muammar Gheddafi, nella sua lunga parabola al potere – tra successi ed insuccessi, errori e fallimenti – ha condotto una politica estera regionale essenzialmente identificabile in maniera duale, cioè araba ed africana. Il nesso di questa doppia identità risiede nel forte carattere anticolonialista e antioccidentale (ma non per questo esule da pragmatici ed opportunistici compromessi e cambi di direzione) che ha senza dubbio segnato la storia personale del leader libico nonché quella delle numerose realtà sotto tale profilo affini a quella libica.

Dalla presa del comando in quell’ormai lontano 1969, Gheddafi ha innanzitutto marcato notevolmente la proiezione esterna della Libia in senso interarabo, attraverso reiterati tentativi di saldare aspirazioni – lungo una linea di rivendicazioni, di idealità e di progetti – che avevano del resto animato gran parte delle classi dirigenti arabe.

Pur nella sua specificità politico-religiosa, il Colonnello per un tempo ha incarnato l’obiettivo nasseriano dell’unificazione della grande patria araba dall’Atlantico al Golfo Persico, della restituzione ai palestinesi della propria terra e, in più, del riscatto africano dall’opprimente fantasma del colonialismo. Ma l’attivismo libico è stato velleitario al pari di quello degli altri Paesi arabi, incapaci di strutturare una realtà politica che materializzasse effettivamente principi ed obiettivi dell’unità e del socialismo panarabi. E’ stato un susseguirsi di accordi in larga parte infruttuosi, raggiunti a più riprese e separatamente in forma bilaterale o trilaterale, tra Libia ed Egitto, Siria, Sudan, Ciad, Tunisia, Algeria, Marocco, fino all’ultimo vano tentativo, nel 1989, dell’Unione del Maghreb.

Preso atto del fallimento di una vasta prospettiva araba e dell’indebolimento della leadership libica, il Rais saprà però cogliere progressivamente l’importanza del passaggio epocale segnato dalla caduta del Muro e dalla fine dell’Unione sovietica.

Intento a rimodellare il suo raggio d’azione, Gheddafi rivedrà, da un lato, le relazioni con i Paesi occidentali e ricollocherà, dall’altro, geopoliticamente la Libia, questa volta ponendo in primo piano il continente africano, con un conseguente ridimensionamento dell’opzione politico-ideologica interaraba.

Possono distinguersi due fasi della politica africana della Libia.

La prima, dal 1969 al 1989, è imperniata su tre fattori quali la politica anticolonialista, il contrasto all’apartheid ed il sostegno (comunque circoscritto) alla diffusione dell’Islam. A questi si aggiungono tre caratteristiche identificabili nel tentativo di contenimento dell’influenza israeliana (in specie nel fascia sub-sahariana); nella composizione di un impianto ideologico in senso sia anticapitalista che anticomunista; nella possibilità di un avvicinamento tattico ai sovietici, considerati gli obiettivi di quest’ultimi nel continente.

Gheddafi in questo periodo si inserirà in contrasti locali e lotte di liberazione nel tentativo di destabilizzare regimi legati all’emisfero politico occidentale. Condizionamento e pressione esercitati grazie anche alla leva economico-finanziaria, in virtù delle ingenti risorse maturate dalla vendita del petrolio che hanno consentito sostanziosi accordi bilaterali e multilaterali, tali da determinare un rilevante peso specifico libico nei settori dell’industria e del commercio.

La seconda fase segna il nuovo corso africano della Libia. E’ quello che si inaugura alla luce di quattro fattori preponderanti quali il dissolvimento del blocco sovietico, l’ascesa dell’islamismo radicale, la fine dell’economia pianificata (nonché una revisione del ruolo dei “rentier state”), la nuova importanza strategica dell’Africa dopo l’11 settembre.

In siffatto contesto, il Colonnello immagina la “via africana” come strumento di allargamento della sfera di influenza, nuova fonte di legittimazione, valido mercato di sbocco e fertile terreno di penetrazione economica. Tre sono sostanzialmente i canali geoeconomici libici: società commerciali, prestiti e fondi sovrani. Di assoluta rilevanza è la Lybian Investment Authority (LIA), il fondo sovrano (che include le partecipazioni di almeno 31 Paesi africani) intorno al quale ruotano la Lybian Arab Foreign Bank (LAFB), la Lybian Arab African Investment Company (LAAICO), la Lybian Arab Foreign Investment Company (LAFICO).

Una fitta rete di investimenti e di partecipazioni nei settori finanziario e industriale lega la Libia a numerosi Paesi. Ciad, Gabon, Guinea Bissau, Kenya, Mali, Niger, Repubblica Centrafricana, Rwanda, Sudafrica, Sudan, Uganda, Zimbabwe sono le pedine di una strategia degli affari inevitabilmente foriera di risvolti politici. In tal senso, la stessa Unione Africana (Ua) è stata negli ultimi anni un soggetto cui Gheddafi in primis ha cercato di conferire un peso ed una valenza che consentissero al Continente Nero di mostrarsi un attore assertivo e in grado di fronteggiare i mutamenti in corso e le nuove contese di cui è oggetto.

 

FATTI E RIFLESSIONI (III), 25 sett. ‘11

 

 

1. Da lunga pezza ormai il Governo italiano (in particolare il premier che era in fondo quasi l’unico a sembrare non del tutto omologato in politica estera) è stato appiattito sugli Usa di Obama. Dico “di Obama” per significare un cambiamento nient’affatto modesto della precedente strategia che aveva ricevuto particolare impulso dai “fatti” (sulla cui origine sospendo ogni giudizio) dell’11 settembre 2001. C’è stato forse un periodo di interregno dopo la fine del 2006 (ancora sotto la presidenza di Bush jr.), poi si è prodotta una svolta piuttosto ben avvertita. Ribadisco quanto già detto in precedenza. Gli Stati Uniti sono una vera nazione, dunque i cambiamenti politici, tutt’altro che marginali, non implicano una lotta distruttiva tra vecchio e nuovo; inoltre le due strategie spesso si alternano o addirittura si intrecciano in utili compromessi e interconnessioni. Non esistono più negli Usa settori come furono quelli “cotonieri” (del Sud confederato) nell’800, che non a caso furono annientati mediante una sanguinosa guerra (e per di più civile). Oggi, però, abbiamo appunto a che fare con una nazione, quindi con un “sistema” piuttosto ben integrato, che non corre affatto pericolo di implosioni di alcun genere; i pericoli sono scaricati su paesi “non nazionali” come il nostro, un coacervo di gruppi subdominanti di vario genere, privi di compattezza, di dignità, di autonomia, solo dediti a bassi servizi verso potentati stranieri (non solo statunitensi).

Ci sono stati alcuni anni (in specie 2003-9) in cui ritengo tuttora non sia stato errato pensare alla formazione, pur “timida” e incerta, di un asse tra Mosca, Roma con prolungamento in Nord Africa (Libia per l’appunto); per un determinato periodo si è potuto pure immaginare l’avvicinamento a quest’asse (non dico una vera alleanza) della Turchia. Vi è stata la mancanza di coraggio, soprattutto in Italia, di collegarsi all’Iran; sembrava troppo insultante verso gli Stati Uniti, troppo pericoloso per i progetti di quest’asse, ancora abbastanza “gassoso”. Comunque, adesso è inutile parlarne più. Il “gas” è stato disperso, i due personaggi principali (Berlusconi e Putin) sono nella sostanza separati. Il primo è ormai definitivamente neutralizzato; il secondo sembra giocare in “alterne” parti con altri settori politici. Quanto vi sia di sotterranea tensione o invece di sostanziale accordo in tale gioco è al momento difficile a dirsi. In ogni caso, la Russia ha assunto negli ultimi frangenti un atteggiamento di non opposizione alla strategia “obamiana” .

Le “rivoluzioni colorate” in Georgia e Ucraina si sono “imbozzolate”, ma ciò non significa la fine di altri tipi di manovre per tenere all’angolo la potenza che sembrava emergente. Secondo me, gli Stati Uniti stanno dimostrando una buona flessibilità d’azione, basata appunto sul caos e sul mettere in difficoltà gli altri più che non stabilire forti prese dirette su specifiche zone territoriali. Attualmente, la famosa lotta tra potenze non viene svolta “in positivo” – da quella che è ancora decisamente superiore alle altre – per stabilire il proprio dominio su date regioni. Gli Usa mirano, intanto, ad impedire che qualcuno vi eserciti stabili influenze; poi, “da cosa nasce cosa”, questo l’orientamento della nuova strategia. Naturalmente, quest’ultima implica che si dia credito (con cautela) ad altri paesi, da assumere, in modo molto provvisorio, quali propri sicari cui far intravvedere possibilità di “promozioni” ulteriori. Alcuni agiscono come semplici “maggiordomi” degli Usa (Francia e Inghilterra, ad esempio); non credo invece sia questo il caso della Turchia e, chissà, forse nemmeno della Germania (qui siamo però più prudenti).

Ribadisco che gli Usa obamiani (solo una denominazione per indicare comunque una diversa politica rispetto a quella seguita in precedenza, spero lo si sia ormai capito) non si pongono in netta e allora lacerante contrapposizione rispetto al passato. Agire nel caos è molto complicato e rende una strategia comunque labile e rischiosa anche per chi la applica; a volte si deve procedere a rapidi revirements da un momento all’altro. La pantomima sulla mossa di Abu Mazen è abbastanza chiara; non si tratta di una forzatura del lacchè palestinese, il quale invece agisce con il consenso di Obama. Questi finge di non essere d’accordo, non rifiuta affatto la prospettiva di mettere il veto apparendo ancora il “difensore” di Israele. In realtà, i media del mondo politico “occidentale” (quello vicino ad Obama) daranno risalto e pubblicità alla mossa, perfino talvolta criticandola. Abu Mazen cercherà di acquistare credito internazionale. Il tentativo è di spingere settori islamici più moderati a staccarsi da quelli radicali. Tra i primi, vi è chi funzionerà da vero servitore degli Usa, altri invece da “alleati” subordinati però all’influenza della Turchia, che cercherà di avvantaggiarsi rispetto sia ad Israele sia all’Iran quale subpotenza principale nell’area mediorientale; giocando in relativa autonomia, ma certamente con una maggiore vicinanza alla strategia statunitense odierna.

Chi non vede in tutto questo un profondo rimescolamento delle carte – quanto meno tentato, i risultati effettivi si vedranno in seguito – da parte degli Usa di Obama, non è in grado di capire gran che di ciò che si andrà sviluppando nel prossimo futuro. Verrà facilmente a trovarsi in pieno contrasto con quelli che la pensano come noi, perché il suo cieco furore antiebraico lo porterà ad accostarsi a tale strategia che, naturalmente se riesce nei suoi intenti e non sarà quindi obbligata a ripiegare nuovamente sul “vecchio”, ridimensionerà Israele (senza abbandonarlo, perché in futuro potrebbe tornare ancora molto utile in caso di nuovo “cambio di passo”) e darà qualche “acciughina” ai “poveri palestinesi”. Ribadisco che in ogni caso il mutamento statunitense non è affatto marginale e non è per nulla una “finzione”. Certamente, tutti noi ci auguriamo che la nuova strategia finisca in un “cul di sacco”; tuttavia, ora è in pieno svolgimento e non è un cambiamento di scarsa portata.

Giusta a mio avviso la presa di distanza di Hamas. Tuttavia, mi sembra che la cautela di cui questa è pregna sia non solo dovuta alla corretta prudenza da esibire in simili occasioni; si manifesta pure una certa difficoltà di riadattare la propria strategia a quella molto più “avvolgente” degli Usa, che dettano di fatto l’agenda ad Abu Mazen. Hamas non si sente di affrontare di petto tale contingenza; e si trincera dietro la necessità di mantenere aperta la possibilità di un “fronte unito” con il Quisling palestinese, quando l’unità d’azione comporta, nelle condizioni internazionali presenti, un possibile parziale cedimento su questioni decisive. Sintomatico, direi, tale evento, da seguire comunque nell’evoluzione dei prossimi tempi.

 

2. Come già sostenuto, la politica dell’attuale Governo italiano è ormai appiattita definitivamente su quella degli Usa di Obama. Non vi è dubbio che la falsa sinistra (mai stata sinistra in senso effettivo, “storico”) tenta disperatamente di non perdere la sua qualifica di referente primario degli americani. Le demenziali, e ignobili, dichiarazioni dei suoi esponenti (compresi quelli “radicali”, termine del tutto inappropriato, che usiamo per farci intendere da chi ancora non ha capito che non di sinistra si tratta, ma di varie gradazioni del tradimento operato da frange politiche di una infamia senza pari) sono molto significative. Si è arrivati a paragonare Berlusconi a Gheddafi, proprio a colui che il primo ha tradito in modo clamoroso. Il “governo” del Comune di Milano ventila la possibilità di invitare l’eventuale nuovo Stato palestinese alla prossima Expo. Naturalmente, non si sa se per stupidità o per gioco delle parti, il centro-destra vi si oppone. Tutto concorre a far si che la falsa sinistra si presenti come il migliore e più prono sicario delle trame obamiane.

Tuttavia, il presidente nero (non tanto di pelle quanto “d’anima”) non si lascia troppo commuovere. In questo momento, è indecidibile la convenienza o meno di lasciare marcire Berlusconi nella sua situazione di ormai “prigioniero” delle manovre statunitensi. Anche il referente maggiore che gli Usa hanno in Italia, colui che veramente governa il paese dietro l’apparenza del “supremo garante”, è molto cauto. Si agitano scompostamente invece i vari settori della falsa sinistra; e quanto più a sinistra si va (quanto più falsa e ipocrita essa è), tanto più si trova gente che scalpita. In effetti, il suo “terrore” è giustificato; dopo vent’anni di fallimenti continui, se Berlusconi dura ancora sei mesi, “questi qui” hanno chiuso con ogni possibile alternanza. Tale risultato è per lo meno assai probabile (lo darei all’80-90%). La “prescia” è quindi d’obbligo.

Altrettanto scalpitanti sono i settori della Confindustria e dell’Abi, quelli che chiamo GFeID (grande finanza e industria “decotta”). In effetti, quest’ultima era sempre stata di fatto guidata e orientata dalla Fiat, che ormai sempre più si è defilata, avendo stretto una migliore e più proficua alleanza (subordinata) con gli Usa di Obama; “alleanza” di cui la “conquista” della Chrysler (ottenuta con “soldi” americani) è stata la firma. L’appiattimento di Berlusconi su Obama, le misure economiche deludenti prese finora, hanno indubbiamente scontentato vasti settori di quella che poteva essere la base sociale del berlusconismo, i settori del ceto medio produttivo (piccolo-media imprenditoria, lavoro “autonomo”, ecc.), i quali non si rendono minimamente conto di quanto si è svolto e si sta svolgendo, dei giochi internazionali che hanno “disfatto” il premier e certe sue “alleanze”. Di conseguenza, quel che conta è il malcontento dell’elettorato di centro-destra; la GFeID (come gli scherani della falsa sinistra) sente la necessità di approfittare dell’occasione: ora o mai più. Anche per questi finanzieri e industriali felloni i prossimi sei mesi sono decisivi. E lo stesso vale per i sindacati della “concertazione”; non solo quindi la Cgil, ma pure gli altri.

Incerto è il giudizio sul comportamento degli attuali Usa obamiani. Il non ringraziamento dell’Italia per il suo servile comportamento in merito alla vile aggressione alla Libia non deve trarre in inganno. E’ ovvio che non vi è feeling tra gli ambienti statunitensi oggi in auge e il premier italiano; tuttavia, è abbastanza credibile un cauto atteggiamento americano (e dunque del nostro presdelarep) data la possibilità di sconvolgimenti nel nostro paese, che non gioverebbero nemmeno all’Europa e agli indirizzi che la prevalente influenza statunitense vuole imprimere ad essa. La strategia del caos non è applicata senza discernimento e un minimo di prudenza. Difficile quindi valutare al momento (e senza informazioni precise sui comportamenti dei gruppi dominanti e subdominanti) la possibile evoluzione degli avvenimenti in Italia. Resta solo, di questo sono convinto, la fretta della GFeID e dei suoi scherani della falsa sinistra, che hanno ormai un tempo limitato per ottenere gli scopi che si prefiggono da quasi vent’anni. Assisteremo dunque ad un finale d’anno assai turbolento e logorante per Berlusconi. Il risultato non è già determinato con certezza.

La situazione è in completo (som)movimento nel nostro paese e nell’area a noi vicina. E d’altronde sarà difficile comprenderne i vari aspetti se non si capiscono più a fondo gli scopi della strategia americana. Appare piuttosto sicuro che essa ha l’iniziativa e che gli “impulsi” impressi si dirameranno in modo reticolare secondo direzionalità e obiettivi finali non preordinati con rigida determinatezza. Salvo ovviamente lo scopo precipuo e complessivo di rendere arduo il cammino delle potenze dette emergenti, che quindi emergeranno con più gravi difficoltà dovendo parare parecchi colpi e rattoppare “strappi” non prevedibili con il dovuto anticipo. L’Italia resterà a lungo un vaso di coccio, dove prevarranno forze servili e del tutto incapaci di difesa dei nostri interessi; dove “nostri” significa quelli della maggioranza della popolazione, con minoranze però cospicue che agiranno per portare il massimo disordine e la completa dipendenza (agli Usa e forse pure a Germania, Francia, ecc.).

Sarà tuttavia compito di chi si oppone a questa deriva comprendere meglio che cosa significa difendere gli interessi “nazionali”; onde non cadere in definitiva in uno sterile nazionalismo molto tradizionale e d’altri tempi, che non condurrebbe da nessuna parte. Per il momento, cerchiamo di afferrare i motivi della nostra dipendenza e di capirli soprattutto nel loro senso politico, senza le scorciatoie del debito pubblico e del deficit da sanare, della “malintenzionata” Finanza cui tagliare le unghie, ecc. Anche molti critici della politica italiana attuale – sia al governo che all’opposizione – aiutano di fatto le strategie complessive di asservimento del paese perché dirottano l’attenzione verso obiettivi assai limitati e circoscritti, mentre resta del tutto obliterato e mai analizzato l’orientamento dei reali centri strategici che si muovono, fra loro in contrasto, per ottenere la supremazia di questo o quel gruppo dominante (e, in Italia, subdominante). Anche la più cruciale polemica tra chi straparla di fine degli Stati nazionali e chi smaschera l’ideologia servile di tale tesi rischia di annebbiare la visione complessiva dei nostri problemi, in assenza di una più attenta analisi di che cos’è lo Stato, visto sempre come un “soggetto” a se stante: o custode paterno degli interessi collettivi o Leviatano diabolico che schiaccia la maggioranza a favore di una minoranza.

Ne abbiamo di strada da fare! In ogni caso, la politica al posto di comando, e rifiuto di ogni deviazione puramente tecnico-economicistica, di cui si fanno alfieri pure i “radicali nemici” del capitalismo, poi debitamente reclutati dal mondo accademico e dai media della GFeID per confondere le idee e distrarre dalle attività critiche più pregnanti perché, appunto, attinenti alla sfera della politica.

PS In Libia, a Tripoli trovata fossa comune con più di 1.700 corpi

TM News – ‎1 ora fa‎

Prigionieri uccisi dai carcerieri nel 1996. Il carcere di Abu Salim usato da Gheddafi per imprigionare e torturare gli oppositori Tripoli, 25 set. (TMNews) – I resti di più di 1.700 prigionieri uccisi nel 1996 dai loro carcerieri nella prigione di Abu

Orrore in Libia: una fossa comune con 1200 corpi scoperta alle Adnkronos/IGN

Tripoli, trovata fossa comune 1200 cadaveri tra prigionieri e insorti La Repubblica

 

Eccoli di nuovo in azione. Notare: chi scrive più di 1700, chi 1200. Ormai è inutile stupirsi di questi massacratori e assassini che chiamano assassini gli altri. Fra qualche anno sapremo che sono come Thaci, e che magari questa fossa è come quella di Timisoara; ma lo diranno per due-tre giorni e poi riprenderanno a mentire. Comunque, i giornalisti sono criminali al pari degli altri, nessuna scusante per questi delinquenti da trivio.

CHI SONO I NEMICI DEL POPOLO?

 

 

Ferrero, nelle agenzie stampa, e Diliberto, dal palco della festa del PD a Pesaro, hanno parlato chiaro. La Federazione della Sinistra sta inseguendo il progetto di un’alleanza col PD, con l’Italia dei Valori e con quel Sinistra e Libertà, sbeffeggiato proprio da gran parte della base di Rifondazione per oltre due anni dopo gli screzi congressuali tra Ferrero e Vendola ai tempi della comune militanza sotto le macerie lasciate dal caudillo della classe operaia delle Bahamas, Fausto Bertinotti.

La priorità è “mandare a casa Berlusconi”. Sembra assurdo, ma dopo quanto accaduto negli ultimi due anni, questi partiti ormai microscopici rispetto ai consensi di un tempo, continuano a chiudere gli occhi dinnanzi alla realtà. Non si capisce dove finisca l’incapacità di analisi e dove cominci l’ottusità nell’ostinata opera di deviazione rispetto ai temi centrali della società, cioè quelli che derivano in modo più diretto e immediato dalle principali dinamiche economiche, strategiche e politiche dei cosiddetti sistemi-Paese.

Le vergognose e pavide posizioni tenute in merito alla guerra in Libia – una guerra che vede l’Italia tutt’ora partecipe e coinvolta nel quadro di quella che si è ormai pienamente configurata come una vera e propria aggressione neo-coloniale da parte della Nato – hanno messo in luce tutta la pochezza programmatica e strategica di questo ambiente, che – in piena sintonia con sé stesso e con le sue radici “berlingueriane” ed “ingraiane” – continua a svolgere una ridicola funzione di catalizzatore in versione radicale della falsa dicotomia destra-sinistra, imposta mediaticamente in Italia dalla dittatura del linguaggio affermatasi negli anni Novanta, grazie tanto a Berlusconi quanto ai suoi avversari. Si è infatti mascherato un confronto in verità ben più profondo e avulso dalle mere contrapposizioni ideologiche (ossia la “nuova contrapposizione” nata a seguito del colpo di mano tentato, con relativo successo, dai centri strategici del capitalismo straniero durante Tangentopoli), con termini e definizioni degni della Brescello tratteggiata dal Guareschi.

È così che Berlusconi ha potuto bellamente continuare ad utilizzare il nome “comunisti” per riferirsi in realtà ad una banda di rinnegati o politicanti di professione, slittati progressivamente dalla tendenza (quasi esclusivamente opportunista) verso un campo (Urss) alla piena militanza sotto l’ombrello dell’altro campo (Usa): uno slittamento ormai evidentissimo dalle posizioni internazionali che oggi caratterizzano il Partito Democratico, a cominciare dalla questione libica (condanna della Jamairyha di Gheddafi e sostegno ai “ribelli” filo-monarchici e pro-Nato) e da quella siriana (condanna di Assad e sostegno alle “rivolte”, in gran parte aizzate da estremisti salafiti), per arrivare alle battaglie filo-tibetane, alla raccolta di firme per il terrorista Liu Xiaobo o alle campagne di solidarietà con la nicchia giornalistica sionista infiltrata in Russia per favorire la destabilizzazione del Paese e un progressivo inglobamento di Mosca nell’orbita occidentale.

La questione internazionale è fondamentale, perché – come asserirono Lenin e Stalin in merito alla questione nazionale – “il movimento nazionale dei paesi oppressi si deve considerare non dal punto di vista della democrazia formale, ma dal punto di vista dei risultati effettivi nel bilancio generale della lotta contro l’imperialismo, cioè «non isolatamente, ma su scala mondiale»”. Invece il culto para-religioso (sebbene laicista) dei cosiddetti diritti umani e l’ipocrita utilizzo propagandistico e mediatico delle libertà individuali – autentici pilastri di quella che potremmo inquadrare come la democrazia formale dei giorni nostri – hanno divorato qualunque senso critico e qualunque, pur residuale, capacità di analisi.

Toni Negri e Marco Revelli hanno ottenebrato, sul piano analitico e teorico, intere generazioni, cresciute ormai con la fissazione quasi messianica delle “moltitudini”, delle masse in rivolta, degli oppressi che insorgono e della ridicola ancorché fantomatica idea di “democrazia dal basso”: parole d’ordine astratte, insulse e prive di significato, che non hanno avuto bisogno di molto tempo per incontrarsi e combaciare quasi alla perfezione con i progetti imperialisti “morbidi” (o soft-power, se si vuole) del cosiddetto “filantropo” e magnate George Soros e del teorico Gene Sharp, veri factotum delle rivoluzioni colorate che negli ultimi undici anni hanno enormemente contribuito all’espansionismo della sfera d’influenza statunitense nei Balcani (Serbia), nell’ex territorio sovietico (Georgia, Ucraina e Kirghizistan, con tentativi analoghi in Bielorussia e in Azerbaigian) e in Medio Oriente.

La guerra in Libia ha inoltre coinvolto in modo particolare il nostro Paese, dimostrando per l’ennesima volta il grado di subalternità e sottomissione politica, economica e militare di cui è vittima, nel quadro di un’alleanza opprimente ed illecitamente schiacciata dall’unilateralismo statunitense, com’è quella della Nato. Berlusconi, paradossalmente, negli ultimi due anni ha rappresentato posizioni di parziale e relativa autonomia, che stavano consentendo al nostro Paese una diversificazione strategica capace di tornare a proiettare – pur con tutte le difficoltà della contingenza – la trama cooperativa di Roma verso il Mediterraneo e verso la Russia.

Oltre alla situazione di oggettivo imbarazzo per le vicende emerse dalle inchieste in merito alle escort, apparve subito evidente la connessione tra le mosse del governo in politica estera e l’accanimento mediatico operato dal gruppo editoriale di De Benedetti (Repubblica e L’Espresso in primis) e dall’opposizione parlamentare per cercare di distruggere una politica estera sempre denunciata come “sbagliata” dal PD, dall’IdV e da SeL, ben prima dello scoppio delle rivolte arabe.

Questi sconvolgimenti – chiaramente artefatti o amplificati dalla propaganda occidentale – hanno poi innescato un clima trionfale nelle opposizioni, che addirittura rimproverarono inizialmente a Berlusconi di temporeggiare dinnanzi alle pressanti richieste della Nato ad intervenire militarmente. La decisione di Berlusconi ha riportato l’Italia in una condizione di completa sudditanza, esattamente come era stato sino a due anni fa. Tuttavia, la questione libica, ha un significato molto più importante delle passate diatribe e ancor più rilevante: l’Italia ha dovuto rinunciare alle sue privilegiate attività di cooperazione con la Libia, stracciare un Trattato di Amicizia e violarlo senza esitazione, andando a muovere guerra contro un ex alleato, fondamentale nell’ambito dell’approvvigionamento energetico, proprio in un momento drammatico, contrassegnato dalla gravissima crisi economica internazionale, dalla folle e pregiudizievole rinuncia all’opzione dell’energia nucleare e dalla richiesta della BCE di anticipare il pareggio di bilancio al 2013.

Chiunque spinga per un governo tecnico o di “larghe intese” in un frangente del genere, forse ha dimenticato completamente cosa accadde nel 1992-1993, quando – nell’immediato post-Tangentopoli – il Quantum Fund di Geroge Soros distrusse lo SME e mise in ginocchio la Lira, mentre il governo Ciampi avviò tutte quelle dismissioni e svendite di numerose aziende statali o a partecipazione “pubblica”, che erano state pianificate e stabilite a bordo di un panfilo attraccato al largo di Civitavecchia, il “famoso” Britannia.

Forse lo dimenticano. O almeno spero. Perché se questi personaggi dovessero ricordarselo, ed agissero ugualmente in questa direzione, all’incapacità di analisi si aggiungerebbe la complicità connivente in un’opera di svendita controllata del nostro Paese, a tutto vantaggio non di fantomatiche “oligarchie invisibili” dell’“alta finanza” (argomenti inconsistenti all’interno dei quali le destre alternative e le sinistre radicali amano tanto crogiolarsi), ma dei centri strategici imperialisti della potenza dominante – gli Stati Uniti – e dei suoi odierni principali alleati: Francia e Gran Bretagna.

Solo l’aiuto cinese – a questo punto – potrebbe garantire all’Italia un ultimo margine di diversificazione nella sfera di cooperazione internazionale, e va senz’altro a merito di Tremonti il fatto di avere contattato il fondo sovrano di Pechino per un aiuto economico, che – come prevedibile – potrebbe costituire il volano (sotto forma finanziaria) di una serie di interscambi che andrebbero a coinvolgere l’economia reale, dalle infrastrutture alle materie prime. È facile ipotizzare che quest’ultima spallata Berlusconi possa subirla proprio per questo. Del resto, dai tifosi di “sinistra” del “povero” Liu Xiaobo e del Dalai Lama non possiamo certo attenderci simpatia per la Cina.

 

 

DATECI UN TAGLIO

larussaPure a La Russa capita di essere bombardato. Ma, per sua fortuna, si è trattato di fischi e non di razzi come quelli che piovono in Libia. A contestarlo sono stati gli agenti di polizia che proprio non ci stanno ad essere umiliati e tagliati sotto la cintola. Il nostro Capo della Difesa ha affrontato la folla inferocita con sprezzo della paura e, ai poliziotti delusi e arrabbiati, ha detto fieramente con termini appuntiti: “per voi mi taglierei una mano”. E perché no la testa per tutti gli italiani? Se proprio vuol fare l’eroe non lasci le cose a metà. Scelga un atto eclatante che faccia contenti tutti piuttosto che una sola categoria di persone. Del resto, La Russa si è sempre vantato di essere un patriota e di voler bene al Paese intero. In epoca di sforbiciamenti costui è pertanto chiamato a dare il buon esempio. Sia dia dunque un bel taglio, quell’unico colpo di mannaia che non depaupera nessuno ma fa felice un’intera nazione. Tuttavia, allontanatosi dalla calca contestatrice, dopo le parole acuminate di circostanza, pare che costui abbia tagliato corto commentando: “Secondo me non erano veri poliziotti”. Ma perché lui sarebbe un vero Ministro? In Italia la finzione dei burattini e degli uomini di plastica ha raggiunto il vertice delle istituzioni già da qualche decennio. Se lui è diventato uno dei primi pupazzi del Palazzo è proprio perché il Parlamento è ridotto ad un teatro delle marionette. Se si è ritagliato un ruolo di prestigio nella carovana di Governo è proprio perché a fare il fantoccio ci è proprio tagliato. Dal Premier all’ultimo sottosegretario, siamo governati da mezzecalzette e guappi di cartone che ci tagliano i viveri per vivere alle nostre spalle. Tanto vale anche e di più per l’opposizione. Per l’Italia sarebbe ora di tagliare i ponti con questi cialtroni prima che questi ci seghino il ramo della storia sul quale siamo precariamente seduti. Insomma tagliamo la testa al toro e facciamoli piangere come vitigni tagliati. Questi sono tempi affilati, non adatti ai politici spuntati.

ADDAVENI’ BAFFONE SPAZIALE

Martedì 20 Settembre

stalinGiuseppe Stalin, in tutta la sua vita, ha avuto almeno un grande merito che nessuno potrà mai disconoscergli. È stato il primo, l’originale, l’inimitabile, l’impareggiabile, l’insuperabile e, soprattutto, il più conseguente picconatore della storia. Niente parole sferzanti come mannaie metaforiche alla Cossiga ma, direttamente, piccozze taglienti sulle teste “leonine” per evitare di perdersi in una savana chiacchiere vacue e locuzioni vane. Il Georgiano sarà forse stato troppo zelante nell’affrontare i traditori, abusando spesso della sua qualità d’identificarli immediatamente e di consegnarli all’altro mondo, cioè con poche perifrasi e zero processi, ma dobbiamo ammettere che raramente cadeva in fallo. Raramente sbagliava la mira, pur eccedendo in crudeltà e spietatezza. Purtroppo, la sua mirabile opera di pulizia umanitaria non ha impedito la proliferazione dei perfidi epigoni della rivoluzione permanente e dell’idiozia sussistente i quali, pur discendendo da un “Leone” della steppa, vanno assomigliando sempre più a conigli in cattività. Eppure il loro Capo, che per livore di successione aveva accettato un patto col demonio capitalista facendosi servire e riverire al calduccio messicano, era stato animale politico di una certa consistenza, fine letterato e freddo comandante militare. I suoi sostenitori odierni invece sono stalattiti e fossili col cervello pietrificato che sprecano inchiostro e forze intellettuali per appoggiare le guerre imperiali della Nato. Hanno incominciato affiancandosi all’UCK in Kosovo, cioè confondendo ladri, furfanti, spacciatori, signori della guerra ed espiantatori di organi sovvenzionati da Washington con coraggiosi rivoluzionari amanti del popolo e della libertà. Sono poi passati a supportare i ribelli libici, questi giovani con le maglie del “Che” che con armi leggere e male addestrati affronterebbero senza timore i cannoni e i missili dei lealisti di Gheddafi. Parole precise di uno di questi ammutinati del buon senso, il professor Antonio Moscato (è qui davvero il cognome è presagio di sbornia), il quale dopo l’ennesima bevuta internazionalista ha affermato: “i rivoluzionari vengono definiti nel migliore dei casi come “ribelli” o “militari ammutinati”, senza accorgersi che, purtroppo per loro, i militari esperti e dotati di carri armati e armi pesanti nelle loro file erano e sono pochi, perché la maggior parte degli ufficiali era rimasta con Gheddafi. E ai ragazzi entusiasti con la maglietta di Guevara non si insegna a combattere in pochi giorni”. Ma non è finita perchél’intellettuale col gomito alzato più del pugno ha proseguito rampognando le “persone che si considerano non solo di sinistra ma anche rivoluzionari” i quali si schierano impunemente “dalla parte di un tiranno che bombarda il suo popolo, giustificando la repressione con una eventuale “ambiguità” degli oppositori”. I bombardamenti li ha visti soltanto lui mentre persino la stampa più reazionaria parlava di set cinematografico costruito maldestramente per giustificare l’intervento sproporzionato dei protettori unificati. Dunque, colpa dei media i quali fanno opera di disinformazione, permettendosi di enfatizzare il ruolo degli islamisti nella ribellione libica, quale pretesto per non armare i ribelli. Ma anche colpa di Amnesty International che si è assunta la responsabilità di denunciare le efferatezze di quelli del CNT. E poi pure del Manifesto ammalato di ideologia stalinista (e te pareva!) il quale si è azzardato a riportare tali notizie con un metodo che lo “indigna perché alimenta, anche in quel poco di sinistra che rimane, un disprezzo per questa rivoluzione, che grazie a questo più facilmente potrà esser deviata e sconfitta, come in molti stanno provando a fare; e magari potrà essere davvero ereditata da quegli integralisti che finora non hanno contato niente se non nella propaganda di Gheddafi e nella fantasia di qualcuno”. E’  tutto un complotto ai danni della grandiosa rivoluzione libica, complotto al quale sta partecipando anche quella centrale imperialista della Croce Rossa (usurpatrice di colore rivoluzionario) che ha recentemente smentito bombardamenti, genocidi e fosse comuni. Su che pianeta vive Moscato? Sul pianeta della quarta internazionale dove i marxisti diventano marziani e fanno riunioni rivoluzionarie del quarto tipo. Addavenì Baffone spaziale!

1 2 3 4