La Francia sta scoppiando ma per l’Ue il problema è l’Italia di A. Terrenzio

europa

 

 

La Francia e’ nel caos. In questi giorni la rivolta dei “gilet gialli” ha letteralmente mandato in tilt il paese. A decine di migliaia sono scesi in piazza, i rappresentanti di quel ceto medio impoverito e vampirizzato dalla globalizzazione economica. Il “popolo degli abissi” esasperato dal caro vita e dalla precarizzazione della propria esistenza. Macchine date alle fiamme, scontri con la polizia con lancio di sanpietrini, hanno mostrato l’immagine di un Paese ormai al collasso, dove le contraddizioni del sistema economico mostrano i segni piu’ evidenti. La Francia e’ il vero malato d’Europa, con un impoverimento progressivo della popolazione, le divisioni sociali, la marginalizzazione dei “perdenti della globalalizzazione” nelle periferie e l’incistamento del terrorismo di matrice islamica, che come dimostrato dall’ennesimo attentato avvenuto a Strasburgo, risulta essere di impossibile soluzione.

Il Presidente Macron e’ il bersaglio della protesta, ma a essere messo in discussione e’ l’intero modello liberal-capitalista, che come si e’ detto, mostra i punti deboli piu’ evidenti in un Paese che sembra scivoltare verso la guerra civile, come sostenuto da fonti dei servizi di sicurezza francesi.

Macron e’ la personificazione del volto arrogante delle Elite, il “matrix” inventato dalle oligarchie finanziare e burocratiche dell’UE per salvare il sistema.

Dopo i disordini che hanno portato all’arresto di oltre 700 persone e sei morti, il leader di En Marche ha manifestato un “mea culpa” che non sembra convicere i gilet, attraverso la proposta di una serie di ammortizzatori sociali. L’aumento di 100Euro mensili sui redditi inferiori a 2mila Euro, una serie di sgravi fiscali su redditi e pensioni, piu’ un colloquio con le maggiori aziende del Paese per convincerle ad elargire dei bonus per i dipendenti, sono armi spuntate per placare la rabbia sociale di una massa inferocita che pretende le dimissioni del rampollo delle oligarchie.

Per attuare tali riforme saranno necessari 10 miliardi di Euro che costringeranno la Francia ad un deficit ulteriore, arrivando al 3,5%.

Tutto cio’ mentre invece il governo giallo-verde sembra cedere alle pressioni della Commissione UE, abbassando il deficit dal 2,4 al 2,04%.

Un arretramento che appare inspiegabile, dato che il comportamento piu’ logico da parte del nostro Governo, sarebbe stato quello di accodarsi alle richieste francesi per richiedere eguale flessibilita’. Flessibilita’ che non e’ stata invece accordata dall’arrogante Moscovici, che reputa le situazioni dei due paesi non paroganabili, anche se la Francia in termini assoluti e’ messa molto peggio dell’Italia, con un debito aggregato che supera il 400%. Evidente l’ostilita’ nei riguardi del governo sovranista italiano, se si pensa che Moscovici ritiene non sufficiente l’abbassamento al 2,04 per scongiurare la procedura di infrazione contro l’Italia.

Diverse possono essere le interpretazioni di tale cedimento. Evitare la procedura di infrazione, accettando una riduzione dei decimali, per poi infrangerla nei fatti, come gia’ operato da Francia e Spagna, oppure rinviare lo scontro alle elezioni europee di maggio, dato che i burocrati alla Moscovici sanno di avere le ore contante.

Il tempo ci dira’ le ragioni di tale cendimento.

 

L’Italia e l’asse Franco-Tedesco

 

Con lo spettro di un “colpo di stato”, le proteste di un elettorato di cittadini, stanchi di vivere senza speranza di miglioramento delle proprie condizioni di vita, un debito pubblico in crescita continua e una crisi del proprio modello multiculturale con attacchi terroristici fuori controllo, la Francia e’ l’anello debole del contiente europeo.

Di tale debolezza sembra approfittarne Donald Trump, che in una Parigi messa a ferro e fuoco, non ha risparmiato critiche al presidente Macron, suscitando le risposta contrariata del ministro MdE Le Drian.

Alcune settimanete fa, Trump aveva espresso tutto il suo disappunto per la proposta da parte del capo dell’Eliseo della formazione di un esercito europeo a guida francese, che aveva suscitato l’approvazione anche della Merkel.

Francia e Germania appaiono sempre piu’ insofferenti al nuovo corso trumpiano.

Trump vorrebbe rilanciare una idea d’Europa con un cambio delle attuali leadership, screditate e sul viale del tramonto, mettendo il cappello atlantico sutile nuove rivoluzioni sovraniste.

La formazione di un esercito europeo a guida franco-tedesca ha invece avuto il placet di Putin, che comprende come il progetto sia un modo per incrinare la soverglianza americana sul continente.

Ma quale e’ il ruolo dell’Italia?

Il Governo Conte ha subito mostrato la sua distanza verso l’iniziativa francese e non senza ragione.

La Francia, dopo il ruolo destabilizzatore assunto in nord-Africa ed i suoi continui tentatativi di mettere i bastoni tra le ruote all’Italia per un ruolo di paficazione in Libia e nel Mediterraneo, non puo’ essere assolutamente considerata un interlocutore credibile, soprattutto se oltre alla Nato, esiste gia’ la Pesco, un accordo di collaborazione militare tra i paesi europei.

Inoltre una leadership militare francese, unita ad un dominio finanziario della Germania su scala continentale, rischierebbe di schiacciare ulteriormente la posizione del nostro Paese e del suo governo, che deve gia’ guardarsi da nemici interni quantomai infidi.

Alcuni giorni fa il MdI Matteo Salvini, ha lanciato un messaggio alla Germania e all’Europa attraverso la formazione di un “asse Roma-Berlino”. Evidente l’intento di sfutture la posizione di debolezza della Francia, impegnata a risolvere una gravissima crisi sul piano interno.

Se l’Italia e’ chiamata a scegliere tra due mali, Berlino e’ senz’altro il minore, visto che la Francia ci restera’ nemica almeno fino quando il toy boy di Brigitte restera’ in sella.

Per rilanciare questa UE allo sfascio, divisa tra gli egoismi nazionali e le rivolte sociali, sara’ prima indispensabile un cambio ai vertici, cominciando dalla caduta di Macron e dei suoi sodali commissari europei.

Le elezioni di maggio, saranno uno spartiacque decisivo per liberare l’UE dalla guida dalle vecchie oligarchie .

Il bluff di Macron di GLG

gianfranco

Il discorso/bluff di Macron sembra aver ammorbidito una parte dei gilets jaunes. Non so quanto e fin quando, ma insomma qualche apertura – almeno leggendo la stampa e vedendo la TV, organi di (dis)informazione, di cui è bene non fidarsi troppo – ci sarebbe. D’altronde, in ogni sommovimento serio vi sono sempre i “menscevichi”. Solo quando le condizioni oggettive – e una adeguata e ben determinata direzione politica – consentono ai “bolscevichi” di fare una accurata pulizia degli incerti e timidi, solo allora si ha non semplicemente una rivolta. Oggi mi pare che siamo ancora lontani da situazioni consimili. Comunque, sabato prossimo appureremo quale effettiva consistenza abbia il movimento che, sempre a quanto visto in TV, ha infiammato una buona parte dei francesi. Le promesse di Macron dovrebbero far sforare alla Francia il famoso 3% del rapporto deficit/Pil, mettendo in difficoltà (non eccessiva) la UE nella sua voglia di condannare la manovra del governo italiano. Subito si sono messi in azione i maiali della sinistra di questo paese di servi, affermando che la Francia non ha l’alto debito pubblico italiano e quindi non merita sanzioni. Simili traditori, in diversa situazione, andrebbero processati e condannati a pene severissime, in linea con la loro ignominia. Invece qui si è costretti a sopportarli nel mentre giornali e TV – pieni zeppi di altri farabutti conniventi – li fanno parlare per almeno il 90% del tempo dedicato a simili notizie. Non mi sembra che i sedicenti populisti siano in grado di ridare vera dignità e forza all’Italia. Sono invischiati nelle meline per conquistare voti, non nel preparare le squadre di grande disinfestazione di questo paese invaso da insetti dannosissimi, assai più delle famose cavallette (animaletti benigni in confronto).

Stando alle notiziole varie, da commentare alla spicciolata e sempre seguendo stampa e TV di una bassezza mai vista, sarebbe in atto un nuovo dissapore tra i “due del governo” per via dell’inchiesta apertasi su fondi ricevuti dalla Lega e che vengono condannati come tangenti corruttrici. Quello che sono i pentastellati ormai lo sappiamo: una versione aggiornata di quei cretini di cosiddetta “sinistra radicale”, scatenatisi nel ’92-‘93 in favore dell’operazione eversiva – chiamata impropriamente “mani pulite” – che liquidò l’apparato politico della prima Repubblica, conducendo al governo delle forze dette di “sinistra” (i postpiciisti e rimasugli diccì, i preferiti dai maggiori “poteri forti”, in primo piano i nostri industriali privati, i “cotonieri”) e di “destra” (i berlusconiani) con riduzione del nostro paese ad un piatto e scellerato servilismo nei confronti dei peggiori Stati Uniti di sempre, dilaganti nel mondo a suon di aggressioni e massacri. Anche in tal caso manifesto seri dubbi nei confronti dei “populisti” e della loro capacità di fare piazza pulita di tutti i tormentosi moralisti. Sono in fondo l’altra faccia del servilismo verso gli Stati Uniti; magari non più quelli n. 1 (obamian-clintoniani) bensì i n. 2 (del “mal di pancia” non ancora ben precisatosi che ha portato in avanti Trump). E’ ovvio che tra un cancro ai polmoni (Pd e F.I.) e una violenta e sempre pericolosa polmonite, è meno peggio dover sopportare quest’ultima. Tuttavia, occorrerebbe in questo paese (e in qualche altro europeo, non in tutti quelli della UE) una forza politica capace di affrancarci da troppo gravi malattie (al massimo qualche influenza con o senza vaccino). Quanta sopportazione richiedono questi tempi così squallidi e di infamia dilagante.

En marche! Verso una nuova Europa.

europa

 

I lavoratori pensano alla fine del mese e le élite francesi alla fine del mondo. Così un sociologo transalpino ha commentato gli scontri che hanno come protagonisti i gilet gialli, la cui rabbia è montata all’indomani del tentativo di Macron di introdurre una tassa “ambientalista” sul carburante. Ma non solo di rincari dei combustibili si tratta essendo semmai questa la classica goccia, è proprio il caso di dirlo, che traboccando dal vaso ha incendiato Parigi. Oggi sono previste nuove manifestazioni (ci scapperanno i morti?) che potrebbero mettere termine all’avventura di En Marche! (E del suo fondatore), partito di pezza, di un uomo di paglia, coniugato con una mummia. La popolazione, ceti medi e bassi, è stufa delle narrazioni dei suoi dominanti, portatori di un’ideologia dei diritti universali che contrasta con le loro esigenze sociali particolari. Il clima è davvero infuocato e c’è da scommettere che le praterie bruceranno presto in gran parte d’Europa, soprattutto in quei Paesi che ostacoleranno il necessario cambiamento. L’attuale inquilino dell’Eliseo è stato letteralmente inventato dal nulla da certi poteri forti (trasversali a tutta l’Ue), ormai a corto di idee, per evitare che la Le Pen conquistasse la più alta carica statale nelle ultime presidenziali. E’ stato un grave errore non aver lasciato sfogare, già all’epoca, gli istinti populisti montanti nell’elettorato, tirando fuori un coniglio avvelenato dal cilindro all’ultimo momento. Ciò ha creato ancora più illusioni che ora esplodono come delusioni rabbiose e devastanti. Qualche membro del Governo ha paventato il rischio di un colpo di stato ma, per intanto, i sistemi da dittatura sudamericana sono stati utilizzati contro studenti e persone scese in piazza a protestare, su richiesta dei ministri (in)competenti.
Una fase storica è effettivamente agli sgoccioli e lo constatiamo dal crollo dell’impalcatura ideologica che la copriva. Ben presto i re saranno nudi, spogliati della loro retorica multiculturalistica, ecologistica, relativistica, migrazionistica, femministica, ecc ecc. La gente non crede più alle chiacchiere del mondo globalizzato perché la vita sta diventando un inferno. Non si può più parlare, non si può più pensare, non si può più agire, non si può più denunciare il proprio disagio senza rischiare di essere tacciati di una qualche offesa al prossimo da parte di questa immensa “Comune Hippy” (la definizione è di E. Capozzi) che detiene le chiavi del politicamente corretto.
Sia chiaro però che dietro questa immane raccolta di “presunti valori umani” ormai degenerati c’è ben altro. C’è un sistema di dominio, costruito da più di un cinquantennio sull’egemonia statunitense, ci sono duri rapporti di forza ad impulso yankee, che adesso vacillano per l’avanzata del multipolarismo, immettente sulla scena mondiale nuovi sfidanti dell’impero occidentale. Qualcuno l’ha compreso anche in America ed ha dato avvio al rinnovamento con Trump, il quale ha il compito di ristabilire l’ordine interno ed internazionale in differenti guise. I suoi avversari, indeboliti ma non domi, rifiutano di defilarsi, mettendo a rischio la stabilità statunitense e la stessa supremazia americana che senza una ricalibratura sostanziale subirà più pesanti arretramenti. In Europa, invece, continuiamo a restare indietro, ancorati ad un mondo in progressiva dissoluzione che ci costerà sempre più caro in termini economici, politici e sociali. Anche da noi c’è bisogno di avviare una palingenesi che ci liberi da tutta l’anticaglia progressista, socialdemocratica e liberaldemocratica, che ci ha sottomessi al precedente ordine mondiale. Occorre “facilitare” la strategia trumpiana pure qui ma con l’intento di sganciarsi al momento opportuno da essa, allorché la battaglia contro i vecchi ceti preminenti, che succhiano la linfa vitale del nostro tessuto sociale, sia vinta e questi spazzati via per sempre dai nostri orizzonti. L’obiettivo di questa tattica deve però esserci chiaro, esso non è il rinnovamento di un’amicizia con gli Usa 2.0 che nei fatti si tradurrebbe in una mera riconfigurazione della nostra sudditanza. Lo scopo è l’indipendenza dall’iperpotenza, sfruttando a nostro vantaggio le contraddizioni del corso storico che si va aprendo, implementando una diversa visione dell’Europa sovrana fondata su pilastri più solidi, quelli di un asse ristretto Germania-Italia(-Francia) che guarda alla Russia per i prossimi equilibri globali.

BASTA CON I MENTITORI E I TRADITORI DI SEMPRE: I “SINISTRI” (di GLG)

gianfranco

 

QUi

Continuo ad insistere che la questione migranti deve essere inquadrata quale effetto della politica degli Usa del precedente establishment e dei loro sicari europei: Francia e Inghilterra in particolare. Tutti i mascalzoni di “sinistra” insistono che Germania, ma anche Francia e Inghilterra hanno più migranti di noi. Certamente, sono arrivati dalle colonie francesi e inglesi (parlando le rispettive lingue) in decenni di migrazione da quei paesi. E la Germania pure ha accolto in specie turchi, ma nel corso di molti anni. Qui si parla dello sconvolgimento provocato dai criminali “occidentali” con le loro aggressioni del 2011; in particolare alla Libia (dove la Francia ha abbondantemente danneggiato i nostri interessi) e alla Siria. In questo caso utilizzando l’Isis, finanziato da Arabia Saudita e Qatar con dietro sempre gli Usa del “premio Nobel per la pace”. E quindi, in tal caso si constata con chiarezza come non debbano essere accettati nemmeno i profughi politici, che sono gli aggressori del legittimo governo di Assad e portatori di terrorismo in Europa.
E comunque, questo flusso migratorio è stato provocato in appena sette anni; e con accoglimenti di una vergogna infinita, fatta solo per far guadagnare soldi a veri banditi, fra cui le ONG e le associazioni “caritatevoli”. Infine, va denunciata un’altra mistificazione di questi malfattori della “sinistra”, che invadono tutti i media. Stanno blaterando a tutto spiano che è contraddittorio per Salvini avere simpatia per il gruppo di Visegrad e per l’Austria (e per il bavarese ministro tedesco dell’interno) poiché tali paesi non vogliono ricevere migranti e quindi sarebbero in contrasto con i nostri interessi di non accoglimento. Ballisti spudorati. Certo che questi paesi non vogliono accogliere e fanno bene perché propongono precisamente che non ci sia accoglimento in Europa, che si impediscano le azioni criminose degli scafisti e delle ONG. E questo interesse a bloccare ogni e qualsiasi raccolta in mare dei migranti e a respingerli nei loro paesi è comune appunto all’Italia, a Visegrad, all’Austria e ora anche ai paesi baltici. Ribadisco che senza l’eliminazione del bubbone detto “sinistra” e la cacciata integrale dei suoi miserabili intellettuali, giornalisti, conduttori, da ogni organo di informazione, non si otterrà alcun risultato.
Basta inseguire i risultati elettorali. Occorre isolare e sbattere anche in galera gli “untori”, che allignano in quella parte politica ormai degenerata in tutta Europa, ma in particolare qui da noi; perché qui si tratta degli eredi dei traditori piciisti quando, già all’inizio degli anni ’70, iniziarono la “migrazione” verso l’atlantismo, cioè gli Stati Uniti. E un’ultima cosa, su cui torneremo con ben maggiore energia. Non sono esistiti in Italia gli “anni di piombo” in quanto anni del “terrorismo rosso”. Si trattava di gente strumentalizzata appunto da chi stava cambiando campo, dai traditori insomma, che ne hanno combinate di tutti i colori. I coglioni delle Br e di altri gruppetti similari hanno la colpa di non avere denunciato come, in seguito ai loro marchiani errori, siano caduti nelle reti dei banditi in fase di passaggio al settore atlantico e verso il “compromesso storico” con altri (i diccì di “sinistra”) della loro stessa pasta; sono questi torbidi gruppi dirigenti ad avere infiltrato una quantità incredibile di agenti provocatori nelle fila di sprovveduti “rivoluzionari”, fatti passare per i delinquenti provocatori appunto del “terrorismo rosso”. No, erano gli agenti infiltrati che ormai manovravano anche degli ingenui per addossare loro i crimini di chi lavorava al sovvertimento dell’ordine internazionale. E tutto per il “bene” della “sinistra” che, dopo il crollo dell’Urss e di altri paesi di quel campo, venne spinta con “mani pulite” – e annientando il legittimo quadro politico della “prima Repubblica” – verso la costituzione di un nuovo regime più vergognosamente servo degli Stati Uniti. Per fortuna non gli è andato tutto a fagiolo e oggi pian piano i nodi stanno venendo al pettine. Speriamo in un grande tsunami liberatorio.

L’Italia, un futuro come “media potenza” di A. Terrenzio

cartina_italia

Nel precendente articolo, avevamo accennato alla necessita’ di una ripresa del ruolo strategico dell’Italia nel Mediterraneo e di maggior peso nell’area “euro/atlantica”.

L’Unione Europea, il medio oriente e il nord-Africa, sono i poli principali dove la nostra politica estera deve tornare ad evere un ruolo assertivo.

L’UE in particolare, vive un periodo storico di estrema debolezza: la crescita esponenziale dei partiti euroscettici a causa delle dissennate politiche migratorie, la rigidita’ economica e burocratica delle sue Istituzioni, ne hanno fortemente indebolito la struttura. Il Brexit e’ stata la prima importante conseguenza della crisi dell’impianto europeo.

L’Italia, quale paese fondatore dell’UE e sempre presente nei tavoli internazionali, G7 e Oraganizzazione delle Nazioni Unite, ha progressivamente perso peso strategico ed economico, man mano che l’unipolarismo statunitense andava estendendo la sua egemonia a tutto il globo.

Il disastro libico del 2011 e’ stato l’evento geopolitico che ha maggiormente destabilizzato il nostro Paese.

L’incontro avvenuto recentemente tra Emmanuel Macron e Angela Merkel sulla risoluzione della questione migratoria e del contenimento dei populismi euroscettici, dimostra la volonta’ dei due capi di Stato di assumere la leadership della “governance” comunitaria.

Un asse franco-tedesco e’ quanto di peggio possa accadere per il nostro Paese. La Francia e’ la potenza militare principale del continente e fa dell’ “hard power” il maggiore strumento della sua politica estera. Rappresenta da sempre il nostro nemico storico insieme agli inglesi nel Mediterraneo e nel MO.

Negli ultimi tempi la politica estera francese ha assunto lineamenti particolarmente aggressivi, culminanti nella distruzione della Libia e nella destabilizzazione del nostro Paese.

La Francia di Macron non ha esitato a seguire sulla linea di Sarkozy. Sul piano commerciale ha ostacolato Finmeccanica, ponendo un veto sull’acquisizione dei cantieri navali STX. Per non citare un accordo scellerato firmato dal governo Gentiloni nella cessione di acque territoriali italiane, sventato all’ultimo momento. Ed ultimo, la violazione del territorio nazionale da parte della gendarmeria francese. In piu’ vanno ricordate le “scalate” ad infrastrutture strategiche per le comunicazioni televisive e telefoniche contro Mediaset e Telecom. Oltre al disastro libico, Macron ha cercato di trascinarci nel conflitto siriano contro Assad e in Niger sono presenti nostre truppe a sostegno degli interessi francesi in Africa.

Il breve accenno a tali questioni, rende evidente quanto sia ostile il ruolo svolto dalla Francia.

La Germania invece rappresenta un gigante industriale e finanziario (“soft power”), usa i parametri di Maastricht, i vincoli del deficit di bilancio e il debito pubblico, per ricattare il nostro Paese. Impone tagli strutturali che stanno cannibalizzando la nostra economia.

La moneta unica poi, è stata un mannaia che ha distrutto il potere di acquisto degli italiani, ha eroso la nostra competivita’ sui mercati esteri e ci ha deprivato della nostra sovranità monetaria.

Con la nomina del nuovo capo della BCE Weidemann, diretto emissario della Deutche Bank si porra’ probabilmente fine al “paracadute” attuato da Draghi, con prevedibile rialzo dei tassi di interesse sui Bond Italiani. A Berlino gia’ prefigurano un eventuale scenario di uscita dall’area euro dei cosiddetti “paesi cicala”. Ovviamente tale processo di sganciamento dall’area Euro, avverrebbe in maniera controllata, in tutto l’interesse della Germania e senza compromettere la tenuta dell’UE. Saremmo infatti costretti a ripagare in Euro I debiti contratti, e non in valuta nazionale.

Uno scenario da incubo quello che si prospetta da una eventuale uscita dalla moneta unica che leader come Salvini dovrebbero valutare attentatamene, prima di minacciare l’uscita dall’Euro.

Dopo questa breve disamina, appare chiaro che Francia e Germania sono i nostri due principali “nemici” sul piano continentale.

E veniamo al tema premesso dal titolo dell’articolo: è possibile pensare all’Italia come “media potenza”?

Il momento di debolezza politica del nostro Paese e di subordinazione della nostra classe sub-politica, rendono il quadro assai preoccupante. In piu’ da oltre due mesi, complice una legge elettorale che non permette la formazione di un governo, la penisola versa in uno stato di ingovernabilità. Il futuro prossimo non lascia presagire un cambio di direzione al nostro declino.

Tuttavia abbiamo il dovere di indicare delle linee guida che possano tracciare una via di uscita e di rilancio per il nostro Paese.

Il rapporto con UE e Nato.

Assumendo un approccio realistico, non possiamo pensare di uscire dall’area Euro senza conseguenze che potrebbero essere nefaste. Un’uscita dalla moneta unica potrebbe si potenzialmente rilanciare la nostra competitività sui mercati esteri, ma se cio’ avvenisse, la comunità finanziaria non esiterebbe a massacrarci peggio di come accaduto alla Grecia.

Inoltre saremmo costretti a ripagare un debito pubblico già di per se enorme, con una valuta piu’ debole. Senza contare che il nostro paese e’ carente di materie prime. Piu’ verosimile cercare una strategia “riformista” dell’Impianto UE. Chiedere una riformulazione dei trattati, ottenere maggiore flessibilità per permettere il rilancio della nostra economia e dell’occupazione.

Altro tema centrale da discutere in sede europea, e’ la questione dei migranti. Dobbiamo pretendere delle risposte e degli aiuti concreti da parte dei nostri “partner” europei, che fino ad adesso hanno scaricato sulla Penisola tutte le problematiche relative agli sbarchi.

Legato a doppio filo al nostro rapporto con l’Europa c’è il nostro ruolo nell’alleanza atlantica.

Come nel primo caso, è inutile farsi illusioni su una nostra fuoriuscita dalla Nato, almeno in un futuro prossimo. Ma il tema deve diventare un elemento centrale per aggregare forze anti egemoniche. Occorre iniziare a mettere in discussione il dominio statunitense rifiutando di essere coinvolti nelle loro operazioni di conflitto o “peace keeping”. Solo in Europa, si pensi ai contingenti dispiegati in Lettonia ed Estonia, in prossimità della Russia, dove non abbiamo nessun interesse alla partecipazione di azioni ostili nei confronti di un nostro importantissimo partner strategico.

Dovremmo mostrare contrarietà alle sanzioni che hanno creato ingenti danni alle nostre aziende che esportano in Russia. L’Italia ha già pagato abbastanza per la soppressione del gasdotto “South Stream”.

L’Italia ed il Mediterraneo.

E qui’ che l’azione del nostro Paese deve ritornare protagonista per vocazione storica e geografica.

Se proprio non possiamo uscire da un’alleanza che non ci offre piu’ vantaggi, dobbiamo almeno cercare di riguadagnare spazio in una regione vitale per i nostri interessi. E in questo teatro regionale che potremmo attuare delle politiche di “aggiramento” del dominio atlantico.

Possediamo ancora comparti strategici ad alta tecnologia invidiatici da mezzo mondo. Eni e Finmeccanica, sono le nostre due punte di diamante ancora in grado di fare la differenza e garantirci un ruolo di primo piano nell’arena internazionale. Grazie soprattutto a questi due gioielli nazionali, siamo ancora i primi partner commerciali di paesi come l’Iran, la Siria, tra i principali nel nord/Africa e di diversi paesi dell’Asia.

Il quadro geopolitico attuale volge verso un “arretramento” progressivo della superpotenza americana. Anche se gli USA sembrano perdere posizioni in diversi angoli del pianeta (vedi in MO con la sconfitta in Siria), mantengono saldo il controllo sul vecchio continente. Tuttavia potenze come Francia e Germania non rinunciano ad una “semi-autonomia” che si dispiega, come si e’ visto, soprattutto ai nostri danni.

Della relativa debolezza che sta attraversando la superpotenza americana, complici gli attriti tra “Deep State” e dirigenza Trump, sembrano approfittarne diversi players regionali. E’ il caso della Turchia di Erdogan, che pur essendo uno dei tasselli piu’ importanti della Nato, si permette “giravolte geopolitiche” e cambi di strategia militare come in Siria.

In tale quadro, l’Italia potrebbe ritornare ad assumere quel ruolo di “media potenza” che l’ha vista protagonista durante la I Repubblica.

Per fare ciò dobbiamo assolutamente tornare ad avere un voce autorevole nelle relazioni internazionali.

Se vogliamo uscire dal ruolo di “sub-vassallaggio” al quale ci ha ridotto quest’UE a trazione atlantica, complice il declino di una classe politica tra le più servili di sempre, dobbiamo assolutamente prepararci a questa nuova fase.

Un “nazionalismo economico” dai risvolti anche militari, sta tornando prepotentemente in auge, sintomo di quella transizione al multipolarismo che abbiamo piu’ volte sottolineato.

Un recupero di una politica sovranista e di interesse nazionale risultano imprescindibili. L’azione propulsiva dei nostri “asset strategici”, dovra’ necessariamente trovare un supporto delle nostre forze militari, che dovranno svolgere il ruolo di “braccio armato” dei comparti suddetti.

Ma per realizzare cio’, bisogna innanzitutto dotarsi di una élite dirigente consapevole delle sfide che ci attendono. Da questa Unione europea non potremo aspettarci nulla di positivo ed il declino dell’unipolarismo americano, da opportunità, potrebbe aprire scenari addirittura peggiori di quelli attuali. Francia e Germania, sono pronte a spolparci vivi e a danzare sul nostro cadavere.

L’irrilevanza italiana nel contesto internazionale di A. Terrenzio

italia_a_pezzi

 

 

L’incursione della gendarmeria francese a Bardonecchia, in una sede della Ong Rainbow4Africa, rappresenta probabilmente l’ultima umiliazione ricevuta dal Governo Gentilioni.

In questo atto di tracontanza e palese violazione della sovranita’ territoriale della Penisola, emerge il desolante quadro un Paese che ha perso qualsiasi autorita’, persino all’interno dei propri confini. Oramai siamo percepiti come terra di nessuno se i nostri malfidati cugini transalpini si permettono impunemente di attuare operazioni di sicurezza sul nostro territorio.

Irrisorie le proteste diplomatiche di richiamo dell’Ambasciatore francese. Macron non si e’  nemmeno scusato.

Il precedente arresto di Sarkozy per i finanziamenti ricevuti da Gheddafi, oltre 5 milioni di Euro per finanziare la sua campagna elettorale, hanno scoperchiato il vaso di Pandora dietro gli attacchi della Francia alla Libia.

Gli obiettivi erano evidenti sin da principio. Rilanciare la Francia sul piano geopolitico nel teatro nordafricano ed espellere l’Italia a “calci negli stinchi” come titola il Sole24, con un pezzo di Alberto Negri.

Appropriarsi del petrolio libico ed estromettere l’Eni con la forza, destabilizzando e bombardando la Libia, erano i veri obiettivi del Presindente francese.

Ovviamente in Francia, il caso giudiziario che ha coinvolto Sarkozy, assume solo contorni scandalistici relativi all’illegalità del finanziamento del Rais, non di certo per aver  distrutto il Paese col più alto Pil del continente africano e aver destabilizzato l’Italia, creando un disastro migratorio di dimensioni colossali.

Complici dell’operazione, il peggior PdR di tutti i tempi, Re Giorgio, che si piegò ai voleri francesi e offrì l’operatività delle basi italiane.

Come se non bastasse, l’Italia ridotta alla marginalità internazionale, presa a schiaffi anche da Erdogan, dopo che la Saipem 12000 e’ stata allontanata e dissuasa dalle sue attivita’, nelle acque a largo di Cipro, rivendicate dal leader turco.

Giova ricordare, che dall’Europa, nessuno ci è venuto in aiuto o ha contestato l’azione della Turchia.

In piu’ il caso Skripal, l’agente russo avvelenato col polonio, per il quale è stato accusato immediatamente Vladimir Putin, senza uno straccio prova. La May, in seguito, si e’ scusata per la gaffe diplomatica ed il MdE Boris Jonsohn ha goffamente tentato di cacellare il tweet di accusa verso le autorità russe.

Il Presidente uscente Gentiloni, si e’ accodato per inerzia alle direttive altlantiste e ha espulso 2 diplomatici russi. Ultimo atto di un governo servile e senza alcuna dignita’.

Questo breve elenco di eventi e’ sufficiente a evidenziare lo stato di irrilevanza in cui e’ precipitata l’Italia con la complicita’ della nostra classe politica.

A complicare maledettamente il quadro c’e’ l’ingovernabilità del nostro Paese con le schermaglie tra Lega e M5S per raggiungere la formazione di un esecutivo.

Di Maio ha svelato il bluff e ha abdicato alla alla Nato ed ha assicurato l‘Ue che non ci saranno strappi dell’Italia. In piu’ flirta col PD e respinge gli inviti di Matteo Salvini a mettere da parte i veti per arrivare ad un accordo.

La situazione è quanto mai caotica e confusa e di ciò sembrano approfittarne i nostri concorrenti, con la Francia in particolare decisa a depredarci sia economicamente (gli acquisti francesi delle aziende Italiane ammontano ad oltre 100 miliardi di Euro), sia militarmente e strategicamente in Africa.

Dobbiamo assolutamente uscire da questa “impasse”, prima che sia troppo tardi, e difenderci col coltello in mezzo ai denti, da competitors e nemici vari, che stanno alzando il livello di scontro, pronti a farsi largo con la forza e la prepotenza.

Una questione mai menzionata dai nostri politici, Salvini e Di Maio inclusi, è il prezzo della nostra partecipazione all’alleanza atlantica.

Siamo il paese che ospita il maggior numero di basi statunitensi, con il maggior numero di ordigni nucleari, 20 nella base di Ghedi e 50 ad Aviano. Se proprio dobbiamo aspettare che i tempi maturino per uscire dalla Nato, che almeno si discuta con Washington il senso della nostra partecipazione e cercare almeno di limitare i danni. E’ necessario e vitale, rafforzare la nostra presenza nel Mediterraneo, teatro dove la Francia si è mostrata particolarmente aggressiva, certamente col beneplacito statunitense.

E’ questo il teatro dove il nuovo governo dovrà necessariamente avere un occhio di riguardo.

Potenziare la nostra presenza sul piano strategico e diplomatico, e se necessario anche militare, visti i precedenti in Libia, sarà il punto principale della nostra politica estera.

Ritorneremo e svilupperemo in maniera più completa l’importanza di una ripresa del ruolo italiano nel Mediterraneo.

Le ‘Ombre del Passato’ e rischi del presente. di A. Terrenzio

lepen

 

 

In un editoriale su Diorama Letterario, dal titolo ‘Le ombre del passato’, il politologo Marco Tarchi ha sviluppato un’interessante e profonda riflessione sulla deriva liberticida dei più recenti lavori parlamentari nel nostro Paese.

Dopo aver analizzato le ragioni storico-politiche dell’uso dell’antifascismo da parte dei media main stream, partendo dai primi successi elettorali di J.M Le Pen e J. Heider, Tarchi elabora delle osservazioni sulle possibili conseguenze che seguirebbero ad una flessione del populismo, soprattutto all’indomani delle recenti delusioni elettorali in Francia ed Austria: ‘Il momentaneo arresto del ciclo ascendente dei movimenti populisti, però, non ha prodotto solo la compiaciuta constatazione del blocco di potere oggi egemone che le scelte fatte hanno pagato. Ha simmetricamente evocato delusioni e frustrazioni nelle frange più radicali della loro base di sostegno, già probabilmente a disagio di fronte allo stile dichiaratamente non violento (se non, a volte, sul piano verbale) di tali movimenti, rendendo probabili scissioni e creazioni di nuovi gruppuscoli estremisti. Già si vedono centinaia di attivisti prendere le distanze dall’“imborghesito” Jobbik, si leggono propositi oltre le righe negli scambi social fra delusi della piega presa dal Front national, si colgono qua e là altri segni di sconforto e compaiono su giornali e siti video e fotografie che ritraggono decine di ragazzi e ragazze in divise e pose paramilitari, inquadrati e schierati, intenti ad esibire in rituali di altra epoca la loro voglia di contestazione del clima culturale e sociale del mondo in cui vivono.

Il danno che queste manifestazioni di infantilismo possono recare, non solo e non tanto ai partiti e movimenti populisti quanto alla già ardua causa del contrasto dell’odierno “spirito del tempo” sul piano metapolitico della penetrazione delle idee nella mentalità collettiva, è potenzialmente enorme. Già in passato, in varie occasioni, la riattivazione strumentale del binomio conflittuale fascismo/antifascismo ha servito gli interessi dei fruitori dello status quo. Ha attizzato guerre per procura, suscitato odi, fatto versare sangue a profitto degli spettatori interessati degli scontri. E ha tenuto in vita la residua capacità di attrazione di quegli ambigui contenitori, svuotati ormai di contenuti in sintonia con le dinamiche del tempo presente, che sono le varie “destre” e la varie “sinistre”. Chi si presta a questo torbido gioco, foss’anche con le intenzioni più pure, e, cedendo al ricatto delle memorie, si presta alla penosa riproposizione sotto forma di farsa di eventi e soggetti che hanno già fatto la loro parte nllea storia in un’epoca di tragedie, è un inconsapevole ma oggettivo complice degli odierni padroni delle coscienze. Gli unici ai quali la guerra tra spettri del passato che si va profilando può apportare sostanziosi utili.’

Il timore di Tarchi quindi è che le condizioni oggettive degenerino e i disillusi dei partiti delle destre radicali, recuperino l’ estetica e la simbologia dei regimi del passato.

Il gran ciarlare delle Boldrini sulla chiusura di Fb per chi esprime idee assimilabili al fascismo  e l’immonda legge Fiano sembrano forzare tale deriva: riesumare l’Ur-Fascismo per polarizzare lo scontro, da un lato aizzando centri sociali antifa’, dall’altro sacche di elettori delusi dalla poca incisività dei movimenti populisti, che esasperati da provvedimenti di psicopolizia boldrianiani, deciderebbero di passare a forme di protesta violente.

In tal modo le categorie svuotate dx/sx ritroverebbero attualità, vanificando la battaglia populista popolo contro élite. In un quadro siffatto, la manovalanza migrante, quando non porterà voti ai partiti di sinistra, potrà comunque tornare utile per alimentare tensioni o a manovre di destabilizzazione.

Il Francia si vedono già i prodromi di tale scenario. Il FN rischia una scissione dopo la débâcle elettorale e Macron è l’ologramma che ha riunito le forze di centro.

Risultato non diverso è emerso in Germania che ha visto il crollo di Angela Merkel e dei socialisti, con l’exploit di AfD, diventata terza forza parlamentare e principale partito di opposizione. A Berlino non sono mancate contestazioni da parte di giovani di sinistra ed immigrati, per l’entrata al Bundenstag del partito di estrema destra.

Probabile banco di prova successivo sarà l’Italia, con Silvio Berlusconi che sarà nuovamente l’ago della bilancia per evitare che una coalizione Lega/5 stelle possa prendere il posto del PD.

L’analisi di Tarchi inoltre, è di interesse, perché’ opposta a quella avanzata da Petrosillo/LaGrassa che vedono nei populismi e nelle varie destre più o meno radicali, delle armi spuntate contro il sistema, inadeguate ad imprimere un significativo cambiamento in Italia e nell’UE.

Secondo loro, l’unica risposta efficace dovrebbe essere quella rivoluzionaria, per via violenta, di modo da spazzare via l’attuale classe dirigente, responsabile del declino e dell’asservimento del  Paese.

E’ interessante notare come Tarchi paventi proprio ciò che i redattori di C&S si vanno augurando.

Laddove ai partiti populisti dovessero far seguito movimenti più decisi ed intransigenti, sarà utile tenere in considerazione le riflessioni di Tarchi. Ricadere nella dicotomia conflittuale fascismo/antifascismo, risvegliando estetica e simbologia dei regimi del 900, è un errore fatale che avrebbe come unico effetto favorire i disegni delle élite dominanti.

NON SI RESTI ALLE PAROLE, SI DEVE CERCARE….., di GLG

gianfranco

Qui

ci sono considerazioni a mio avviso di una certa lucidità; peccato che vengano affermate sempre dai militari andati in pensione. In ogni caso, non mi piacerebbe troppo una presa del potere da parte militare. Diciamo che simili organi statali (come anche la polizia e soprattutto i Servizi) dovrebbero appoggiare una forza politica – oggi inesistente sia chiaro – autenticamente sovranista, ma dotata di particolare attenzione verso forze analoghe che possano presentarsi nel panorama politico di altri paesi europei. Le attuali organizzazioni sedicenti autonomiste fanno ormai ridere, e non solo in Italia, perché non riescono a sviluppare altra politica che quella del piccolo cabotaggio elettorale. Non gliene faccio una particolare colpa, perché nessuno al momento riesce a trovare quel qualcosa che scaldi veramente i cuori di un grossa quota della popolazione e sappia dirigerla verso nuovi e diversi “destini”, che non siano solo odio e bruta violenza come accaduto in passato (malgrado poi alcuni fottuti storici abbiano caricato la dose).

Occorre, in effetti, che in alcuni paesi del nostro continente – non nell’insieme, il che non si verificherà nemmeno dopo secoli – nascano movimenti (organizzati) sicuramente tesi a completamente differenti e più allettanti sorti future; e le sappiano comunicare a masse in possibile “riscaldamento”, dirigendole poi verso obiettivi ben individuati (che oggi appunto mancano). In questi paesi (penso pur sempre a Germania, Italia e Francia come fondamentali), tali movimenti devono unirsi – rendendosi possibilmente amichevoli alcune forze cruciali degli apparati statali – e non commettere l’errore di rendersi avversarie della Russia, alleato di possibile grande rilevanza per gli scopi d’autonomia da conseguire. Perché sia chiaro che oggi, dopo oltre settant’anni di debosciata servitù, il paese da cui ci dobbiamo affrancare con energia sono gli Stati Uniti.

Tuttavia, per raggiungere simile risultato, è necessario passare sul “cadavere” di quella “sinistra”, erede sia dei falsi e solo violenti “ultrarivoluzionari” del ’68 (ma guarderei soprattutto al ’77, fenomeno tipicamente italiano) sia dei “voltagabbana” del Pci, che hanno iniziato il loro passaggio di campo negli anni ’70 (direi già alla fine del decennio precedente), divenendo, dopo il crollo sovietico e la distruzione della “prima Repubblica”, i più disgustosi e vigliacchi sguatteri degli Usa. E’ dunque evidente che l’opera di ripulitura da questa mera parodia chiamata “sinistra” deve iniziare dalle nostre lande, perché è in Italia che si è andata sviluppando in modo più virulento l’infezione. Per di più, sempre nel nostro paese si annidano pure i più lerci “anticomunisti” e finti “liberali”, viscidi e pronti a supportare la parte “centrista” dei laidi “sinistri”. Pulizia prioritaria quindi in Italia, nascita qui di una forza violenta ma razionale. Occorre però trovare una nuova idea-guida, una nuova ventata purificatrice che spinga innanzi, verso una veramente nuova epoca storica.

LE COMUNALI

gianfranco

L’affluenza definitiva alle comunali in Italia (eccetto Sicilia e Friuli Venezia Giulia) è stata del 60,07%. Alle precedenti comunali fu del 66,85%. In Sicilia: a Palermo il 52% di votanti (“grande vittoria” di Orlando, sul tipo di quella di Macron), a Trapani il 58. Friuli-Venezia Giulia: in provincia di Udine si è recato alle urne il 54,95% per cento dei votanti. L’affluenza più alta in Fvg si è registrata in provincia di Trieste con il 58,33%. Segue la provincia di Gorizia con il 57,08%, Udine e, ultima, quella di Pordenone con il 54,13%.
Ieri sera, i soliti bugiardi delle trasmissioni TV davano con grande e gradita meraviglia la cifra complessiva del 68,1%. E commentavano circa la tenuta, perfino un leggero aumento, dei votanti da parte di questa “responsabile” popolazione italiana. In realtà, essa non è ancora giunta alla comprensione di quella francese in merito alla nausea che provocano le forze politiche (per cui laggiù è andato a votare solo il 49% della massa elettorale complessiva), ma insomma qualche segnale non negativo esiste pure in Italia. E si cerca di nasconderlo, così come si inneggia al risultato francese quasi fosse la rinascita della marea “europeista”. Quando sarà infine possibile liberarsi di questi mentitori in totale malafede?
Altra notazione importante. La vittoria è spettata alle coalizioni in cui le liste civiche hanno avuto successoni. Faccio l’esempio del mio paesello (circa 40.000 abitanti; ho visto che non è un caso speciale, anzi piuttosto generale). Il sindaco (centro-destra) è stato eletto al primo turno con il 51% e rotti dei voti (e questo, certamente, è stato un caso raro). Se si guarda ai partiti, si ha F.I. al 17,5%, la Lega al 13, Fdi all’1,4. Un buon 20% spetta a ben tre liste civiche. Lo stesso andamento nello schieramento di centro-sinistra, che ha avuto il 30% dei voti; il Pd il 18% e il resto ad altre due liste civiche. Per certi versi, non ha tutti i torti Grillo quando dice che le comunali, condotte in questo modo a suon di liste civiche, possono illudere il centrodestra e il centrosinistra, che ormai si ritengono di nuovo in sella e in piena rinascita.
Un altro netto “slittamento” si è prodotto, mostrando come questi politicanti siano proprio dei meschini in cerca di posticini e basta. Ho sempre parlato male dei semicolti di “sinistra”; e non me ne pento. Debbo però far notare con più decisione che la sedicente “destra” è allo stesso livello. Vedo che gli “alleati” del traditore di tutto e di tutti, del doppiogiochista dal 2011, sono di levatura assai scadente. Facevano gli amici del Front National lepenista. Adesso, di fronte all’insuccesso di tale schieramento, scappano e tornano a lisciare il pelo a chi li ha sempre presi in giro. Dichiarano che il centro-destra unito può vincere. Già, lasciando piena libertà di gioco al traditore a tutti i livelli e a seconda dei suoi interessi. Essi cessano ogni minimo brontolio e s’inchinano ad uno che tre-quattro giorni fa ha dichiarato la sua preferenza per Draghi premier. Che meraviglia! A questo punto, meglio tenersi Renzi o chi per esso. Ma fra doppiogiochisti s’intendono. Draghi è quello della riunione sul panfilo Britannia (1992), del favoreggiamento alla svendita della Telecom ai “capitani coraggiosi” bresciani (1999), della Goldman Sachs e via dicendo. Per un “nano”, che si è inchinato sei anni fa a Obama, non ci può infatti essere migliore premier di qualcuno della sua stessa pasta.
Comunque, la situazione si va logorando, l’astensionismo cresce, la gente è sempre più stanca anche se ancora non riesce ad orientarsi. E del resto verso chi si dovrebbe dirigere dato il deserto esistente nel ceto sedicente politico, nel settore dell’informazione, in quello di chi sostiene di fare cultura. Ormai lo schifo è gigantesco, c’è una degenerazione a ritmo accelerato. E continuano a presentarsi in campo miserabili che vorrebbero essere considerati la novità. In realtà, cercano soltanto di mettersi in mostra in minuscoli movimentini, il solito trampolino di lancio per quei nuovi arrivisti e opportunisti che lì si fanno le ossa; poi passeranno ai più tradizionali partiti in grado di assicurare loro il posticino in Parlamento o in vari apparati e organismi controllati dai vetusti e corrotti gruppi di potere. Niente di nuovo sotto il Sole; è il continuo ripetersi della bassezza dei più. Solo in rari momenti brillano alcune minoranze che fanno una bella piazza pulita. Allora i voltagabbana affluiscono copiosi e si hanno i soliti “Piazzale Loreto”. Però le cose cambiano anche se gli onesti avvertono in bocca un certo sapore amaro; però cambiano, comunque cambiano. E qualche soddisfazione, per un breve periodo di tempo, si diffonde tra molti.

Considerazioni sulla sconfitta del FN (di A. Terrenzio)

lepen

 

 

Le elezioni del 7 maggio scorso hanno decretato la sconfitta del FN.

Marine Le Pen si e’ dovuta arredere al “barrage” eretto dalle forze costituzionali con il candidato di En Marche, il “Partito unico della nazione”.

Diverse le considerazioni da prendere in esame, per comprendere i motivi che hanno portato alla sconfitta del movimento sovranista francese.

La vittoria di Emmanuel Macron era comunque molto probabile sin dall’inizio, dato che il quarantenne ex ministro del governo Hollande aveva chances di ottenere la maggioranza dei voti dei francesi.

La strategia della Le Pen, dopo la vittoria al primo turno, era quella di conquistare sia l’elettorato gollista che quello del partito di sinistra radicale “Insoumis”.

La leader del FN aveva incassato l’appoggio di Dupont Aignan, il gollista fuoriscito dall’UMP e con posizioni euroscettiche.

Melanchon invece aveva invitato gran parte del suo elettorato all’estensione. Malgrado cio’, Marine aveva invitato espressamente gli elettori di “Insoumis” ad appoggiarla al secondo turno contro il candidato dell’establishment.

Mentre la nipote Marion si era rivolta all’elettorato moderato, proponedo il FN come partito erede naturale del “Gollismo”.

Tuttavia la strategia del “doppio binario” si e’ rivelata perdente.

I tentennamenti mostrati riguardo tematiche ecomomiche come l’uscita dall’Euro, hanno evidenziato tutte le perplessita’ emerse durante il dibattito televisivo che hanno visto la Le Pen perdente nello scontro contro Macron.

Al netto di queste considerazioni, va comunque evidenziato che a pesare maggiormente per il FN e’ ancora il suo passato ingombrante.

Insomma, un fenomeno Trump era davvero poco pronosticabile, seppur potevano essere rintracciate delle similitudini sull’onda del populismo. Ma la Francia non e’ l’America.

Mentre prende vita il Partito Unico post-nazionale e Macron si prepara a raccogliere l’eredita’ del voto socialista e repubblicano, il Fronte sovranista non riesce a creare un’ entita’ unica antisistemica, a causa sia di limiti dell’elettore medio, ancora legato a vecchi schemi dx/sx, sia di errori programmatici commessi dal FN.

Come ricorda Francesco Boezi sul Giornale.it, l’errore principale di Froncoise Philippot, e’ stata l’idea di laicizzare il partito, scivolando su tematiche legate ai valori non negoziabili. Le esternazioni poco felici sul Papa hanno ottenuto l’effetto di disorientare l’elettorato cattolico e gli elettori tradizionali dell’UMP che al secondo turno non se la sono sentita di appoggiare la Le Pen.

 

Inoltre, come rileva su Le Figaro’ l’economista Jaques Sapir, la Francia appare una nazione quanto mai divisa, sul piano geografico, economico e sociale, segno di una differenza antropologica dell’elettore della Bretagna e quello di Parigi. Come in altre elezioni europee le grandi citta’ rimangono le roccaforti del mondialismo e della “societa’ aperta”, dove a trionfare sono i valori della liberalismo economico ed il buon senso delle persone “persone civili”.

In periferia, invece, i c.d. “perdenti della globalizzazione”, il ceto medio impoverito, gli “illetterati” e i bifolchi, disprezzati dai Bernard Henry Levi e dai Michele Serra di casa nostra, sono i naturali elettori del FN.

In più da rilevare un dato importante ignorato dai media mainstream: il 92% dei musulmani francesi ha votato Macron, dato significativo se si considera che esso equivale al 5% del voto totale e che tanto basto’ nel 2012 ad Hollande per battere Sarkozy.

Quella della Le Pen appare una corsa contro il tempo, dato che l’elettorato musulmano sara’ destinato a crescere demograficamente.

I vertici del FN gia’ sembrano correre ai ripari e si preparano a cambiare nome al partito nazionalista francese, proprio per scrollargli di dosso l’immagine del movimento “fascista” che nonostante l’opera di “diabolisation” di Marine Le Pen, ancora influenza gran parte dell’elettorato.

Il FN potrebbe presto trovarsi di fronte ad un bivio determinante: scegliere se radicalizzare la sua linea “ni droit ni gauche” o trasformarsi almeno nella forma, in un partito di “destra istituzionale”, proponendosi come formazione neo-gollista ed in grado di intercettare l’elettorato moderato e cattolico, senza il quale le ipotesi di diventare forza maggioritaria sono pressocche’ impossibili.

Dato il persistere dello spettro anti-fascista, in larga parte dell’elettorato, tutto lascia supporre che i vertici del FN andranno verso una “Fiuggi” francese.

Infine, cosa aspettarsi dal rampollo di Jaque Attali?

Anche se le elezioni legislative, che si terranno a giugno, saranno determinanti per l’operativita’ del neo-presidente, non e’ difficile immaginare un consolidamento del credo europeista con il consueto “cocktail” di buonismo umanitarista, liberalizzazioni e austerita’. Macron inoltre, ha gia’ fatto sapere di voler attaccare la Siria, restando Fedele alla tradizione dei “bombardamenti terapeutici” dei governi Sarkozy-Hollande.

Il neo-presidente ha avuto un incontro con la Merkel, molto probabilmente per assicurarsi quel ruolo da “comprimario” sul continente a spese italiane.

Infine, ultime considerazioni sul FN. Il movimento di Marine Le Pen resta il Partito indentitario piu’ forte d’Europa con 11 milioni di voti. Un francese su tre lo ha votato e rappresenta sicuramente un’ottima base dalla quale ripartire, correggendo gli errori di comunicazione e di programma che sono stati commessi durante la corsa alle presidenziali.

Potrebbe essere necessaria un’opera “gramsciana” di penetrazione di quadri dirigenti del FN nei corpi sociali e nella parte produttiva del Paese. Il “restyling” non deve essere un’operazione di immagine ma di sostanza, non deve snaturare il movimento riuscendo ad essere polo di aggregazione di un più vasto bacino di elettori, per arrivare a governare la Francia. Marine ed i vertici del partito sembrano averlo capito, e da cio’ si dovra’ ripartire.

1 2